HRV - Heart Rate Variability

Consigli, suggerimenti, discussioni generiche

Moderatori: fujiko, franchino, gambacorta, Doriano

Rispondi
Avatar utente
Amil
Guru
Messaggi: 4493
Iscritto il: 10 ago 2015, 17:29
Località: Milano

Re: HRV - Heart Rate Variability

Messaggio da Amil » 7 apr 2018, 12:02

Dunque, io uso HRV4 da due anni e mi trovo molto bene. Le misure sono sempre molto coerenti con il mio stato di forma e alcune volte addirittura si sono dimostrate più precise della mia sensazione sia in bene che in male quando poi mi sono allenato.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Running for Passion
21k 1:42.14 (Crema HM 20.11.16)...lontano ricordo..
10k 45:28 (Test gara 7.5.17)
Avatar utente
sevi59
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 180
Iscritto il: 13 dic 2011, 15:15

Re: HRV - Heart Rate Variability

Messaggio da sevi59 » 9 apr 2018, 16:16

Vorrei intervenire perchè l'argomento HRV mi interessa.
Lo seguo e pratico da un paio di anni, cioè da quando ne ho sentito parlare dal Dott. Duranti ( chi non lo conosce può cercare in rete o su facebook) che è stato uno dei primi in italia a studiarlo ed applicarlo.
Io uso ITHLETE per Android, il funzionamento è simile ad altri cambia solo il numero che viene dato alla lettura dell'HRV giornaliera; all'inizio avevo le stesse vostre opinioni di incertezza sulla validità, ma ora sempre seguendo il dott. Duranti ho capito come usarlo per un corretto allenamento.

Per fare una sintesi iniziale diciamo che il primo errore è quello di basarsi sulla singola lettura giornaliera, se oggi cioè leggi un valore alto non vuol dire per forza che sei nello stato ottimale (anche se stai bene), il segreto e far riferimento alla linea di tendenza settimanale.
Se il valore è alto e molto sopra la tendenza settimanale allora OK puoi andare, se è a ridosso allora vacci piano se è sotto rallenta o fermati; Ithlete ha anche dei colori tipo semforo per indicare questi stati.

Altro accorgimento da usare è quello di interfacciarlo con i valori di Training effect e tempo di recupero che ti danno un orologio tipo Garmin; quindi per un corretto allenamento a monte di esso si interfacciono HRV; TE e Tempo di recupero, solo in base ha ciò allora ha un senso l'utilizzo dell'HRV nell'allenamento.

Io ho testato la cosa nelle mie due ultime maratone e l'evidenza del risultato positivo in quella dove ho seguito alla lettera il sistema sopra descritto ho ottenuto un buon risultato; in quella dove per forza di svariate cose sono andato senza seguire questo sistema ho completamente fallito il mio tempo prefissato.

Questo per portare un contributo spero costruttivo.

P.S. il sistema messo a punto dal Dott. Duranti si chiama HRV Power.
Sergio
Avatar utente
sevi59
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 180
Iscritto il: 13 dic 2011, 15:15

Re: HRV - Heart Rate Variability

Messaggio da sevi59 » 11 apr 2018, 8:56

A corredo del precedente post sperando che si attivi una discussione profiqua.

https://simplifaster.com/articles/inter ... -athletes/
Sergio
Avatar utente
Malox91
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 515
Iscritto il: 28 ago 2016, 18:03

Re: HRV - Heart Rate Variability

Messaggio da Malox91 » 12 apr 2018, 22:32

Entro ogni tanto nella discussione per pura curiosità. Grazie per l'articolo, molto interessante! Penso sia una buona base da cui partire.
3000 m: 11'36"
5000 m: 20'10"
10 km: 42'00"
21 km: 1h31'51"
Dall'asfalto alla terra.
Avatar utente
Rosco
Mezzofondista
Messaggi: 138
Iscritto il: 4 mag 2012, 7:30

Re: HRV - Heart Rate Variability

Messaggio da Rosco » 25 nov 2018, 20:59

Ciao a tutti ragazzi,
Vorrei rendervi partecipi della mia esperienza, magari serve a qualcuno ma vi prego, non fatevi venire l’ipocondria.

Da circa tre mesi avevo ricominciato ad allenarmi in previsione di una gara di fine anno che si svolge a Roma, la we run rome. Non avevo particolari aspettative, giusto la voglia di correre la gara di fine anno in allegria , arrivare non ultimo ma senza neanche la minima possibilità di superare il moribondo vistq la mia non piu tenerà età (classe 1955) e il breve tempo per l’allenamento.
Tuttavia mi ero messo di buzzo buono come si suol dire e la mattina mi svegliavo alle 6 per andare a correre 5 volte la settimana seguendo le indicazioni di un algoritmo applicazione che si chiama train as one che vedo che qui in parecchi utilizzano.
Gli ultimi tempi ero arrivato a correre nche 40 km a settimana, sepur a un ritmo molto lento e comunque secondo le indicazioni dell’allenatore virtuale. Iniziavo poi a inserire qualche lavoro a velocita per me supersoniche, pensate anche a 6:00 al km (per 500 mt :-)).
Insomma, un corridore lento e felicemente stanco, sempre piu stanco finche’.....

Tre giorni fa misuro la hrv con hrvtraining che mi riporta un valore altissimo, tipo 11 contro gli abituali 6,5-7. Il programmino mi dice ovviamente che ho un valore molto alto ma..... che è meglio procedere con un allenamento leggero per quel giorno.
E perche mai mi dico. Esco dunque a correre iniziando il solito riscaldamento, dopo 2 minuti guardo il garmin che mi segna 140 bpm che per me è una frequenza di soglia. Sarà che devo ancora svegliare il corpo penso, vado un po avanti, niente, la fc sale ancora, mi sento spossato ancora prima di iniziar a correre.
Vabbè mi dico, saro stanco, un giorno di riposo mi farà bene. E rientro.
Il giorno dopo stessa cosa, misuro la hrv, ancora salita, 11,8, il programmino mi dice ancora che nonostante abbia valori oggetivi e soggettivi veramente alti mi consiglia tuttavia un allenamento leggero. Esco a correre, saluto il giornalaio che mi vede partire e....mi vede tornare dopo un minui con i baffi per terra, impossibile correre, se non con uno sforzo sovrumano.
Terzo giorno idem e allora...allora vado dal cardiologo il giorno stesso.

Il buon dottore mi fa una visita accurata, elettrocardiogramma ed eco doppler, credo si chiami cosi, è un taciturno, sta sempre davanti alle sue macchine, le quarda, scrive gli appunti, non dice una parola. Per rompere il silenzio allora dico “Tutto bene vero? Era solo un po di stanchezza, ipocondria giusto?” Ma lui mi risponde che no, non è stanchezza, non è ipocondria, è fibrillazione atriale.
Mi consiglia di andare al pronto soccorso e farmi prescrivere degli anticoagulanti e prenotare una defibrillazione, ovvero un reset elettrico del cuore che però potra essere fatto solo tra un mese, dopo aver assunto per un tempo sufficiente cioe gli anticoagulanti, questo perche se fosse fatto subito potrebbe mettermi a rischio di ictus.

Ora...in tutto questo c’è del buono.
Non dovro continuare a svegliarmi alle 6 del mattino con sto freddo per andare ad allenarmi.
Evitero di fare la figura del co....one andando a correre una gara il 31 dicembre a Roma e portando a casa un pessimo risultato.
Quel programmino, hrvtraining funziona maledettamente bene, ha rilevato variazioni molto alte ma le ha interpretate nella maniera giusta, non mi ha detto ok stamattina vai e spacca tutto. (Questo ovviamente è un bene solo per lo sviluppatore del programma, non per me :D anche se però ad onor del vero ho deciso di andare dal cardiologo anche per queste misure sballate)

Certo un po mi rode il c...o. Magari potrei morire ma, come dice Epicuro, La morte è cosa che non riguarda i vivi e ad essi non è dato conoscerla giacche quando sono morti essi non conoscono piu nulla.

Un saluto a tutti
Avatar utente
Gilles27
Mezzofondista
Messaggi: 111
Iscritto il: 17 ott 2017, 23:04

Re: HRV - Heart Rate Variability

Messaggio da Gilles27 » 25 nov 2018, 22:37

... interessante davvero, Rosco.
Credo che faresti cosa gradita se scrivessi allo sviluppatore dell’app. Marco Altini
Ciao
Avatar utente
Zak
Ultramaratoneta
Messaggi: 1225
Iscritto il: 9 apr 2014, 13:55
Località: Milano

Re: HRV - Heart Rate Variability

Messaggio da Zak » 25 nov 2018, 23:53

Wow! Scrivi direttame a MarcoA - è italiano ;-)
zak./
21k: 92'07 Busto, Nov16 (91'52 Trieste, Mag16)
42k: 205'44 Frankfurt, Oct16 (201'54 Cividale, Mar17)
22x42k: Milano, Nice, Pisa, Firenze, Valencia, Roma, Venezia, Düsseldorf, Frankfurt, Cividale, Boston, Berlin, Ravenna, London, Chicago
Avatar utente
CarloR
Guru
Utente donatore
Messaggi: 2049
Iscritto il: 14 mar 2014, 15:49
Località: Milano, Lomellina e Valtidone

Re: HRV - Heart Rate Variability

Messaggio da CarloR » 26 nov 2018, 0:36

@rosco una domanda se posso, ma tu una visita medico sportiva recente l'avevi fatta?
Avatar utente
Rosco
Mezzofondista
Messaggi: 138
Iscritto il: 4 mag 2012, 7:30

Re: HRV - Heart Rate Variability

Messaggio da Rosco » 26 nov 2018, 8:31

No, non l”avevo fatta, solo un esame cardiologico 3 anni prima ed era tutto ok
Avatar utente
Hyoga78
Ultramaratoneta
Messaggi: 1060
Iscritto il: 30 apr 2015, 11:44
Località: Gargano

Re: HRV - Heart Rate Variability

Messaggio da Hyoga78 » 26 nov 2018, 8:54

Io sto usando da un mesetto scarso in contemporanea Elite HRV e HRV4training essendo per di piu' il mio allenamento basato essenzialmente sul cardio.Ho trovato una coincidenza di risultati e di riscontri sul campo veritieri,continuero' sicuramente ad usarle.
Per fare un esempio:sabato mattina misuro ed ero abbastanza a terra dopo molte settimane di carico(Elite mi dava un bel 3 e HRV4 consigliava il riposo)quindi eseguo corsa lenta e mi sentivo un po'stanco...poi la domenica mattina prima del lungo mi ha dato 10(Elite) e 9,1(HRV4)e ho pensato "ecco che le app sono andate nel pallone,non servono a nulla" dal 3 al 10 in un giorno?
Esco a correre per il lungo, le gambette girano a palla e mi sparo 34km.
10K 38'57" 1^Xsmasrun Foggia(17/12/17)
21k 1h25'08" 44^Roma-Ostia(11/03/2018)
42k 3h32'51' Alleanmento(08/07/2018)
https://www.strava.com/athletes/9210697
Rispondi

Torna a “Allenamento e tecnica”