Piscina [2]

Rinforza il tuo motore con gli sport alternativi

Moderatori: fujiko, franchino, gambacorta, Doriano

Rispondi
Avatar utente
Louis
Ultramaratoneta
Messaggi: 1228
Iscritto il: 1 set 2012, 20:22

Re: Piscina [2]

Messaggio da Louis » 11 set 2019, 14:04

@Aral: triggered! :smoked:

Per curiosità personale mi interessa sapere qual è il concetto di pippa secondo dei nuotatori master evoluti, dato che faccio sia nuoto master che, se recupero ste benedette ginocchia, triathlon. :D
Che significa che questi atleti girano a 2'/100m? Fanno sprint da 100 in 2'? Oppure fanno ripetute da 100 con ripartenza a 2'? Oppure scatto o non scatto vanno sempre a 2'/100m???
Su un forum trovai un thread dove si cercava di dare la definizione di pippa sulla base del tempo degli 800.

Io di corsa, quasi senza allenamento, te ne faccio almeno 10x400 a 3'20". Chi è la pippa ora? :ahahah:


P.S. sia chiaro che è giusto per scherzare e confrontarsi. Non mi sento preso in giro, nessuno mi prende in giro né io sto cercando di prendere in giro qualcun'altro.
«My feet are getting tougher, I can run farther every day. I have to trust my body to know what to do.» (Jake Sully, Avatar)

PB | 10k 37'57" 16-07-17 Gara | 14.8k 58'08" 25-11-18 Gara/GPS | Mezza 1h27'46" 22-06-12 All.
Aral
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 189
Iscritto il: 21 mag 2013, 14:51
Contatta:

Re: Piscina [2]

Messaggio da Aral » 11 set 2019, 14:31

Quello che volevo dire nei post precedenti è che i triatleti che si allenano nelle piscine che frequento vanno generalmente a quel passo standard di 2'/100 qualunque sia la distanza che nuotano. In realtà quasi tutti fanno esclusivamente dei lunghi (non ti so dire se 2000, 3000 o quanto), e pochi li ho visti fare occasionalmente lavori su ripetute. Le persone di cui parlo sono circa una 30ina, quelli che ho visto fare qualche volta delle ripetute saranno meno della metà, ma forse non ci arrivano alla metà.
Parlando di "pippe" mi riferisco non alla velocità in se quanto alla tecnica (nuotata scomposta, bracciata corta e gambe a fondo). Finchè parliamo di un tapascione da 7/km (di corsa) ci sta pure, ma se di corsa e in bicicletta vai forte, spendi migliaia di euro per una bicicletta… cavolo, spendi 150/200 euro per prendere 5/10 lezioni di nuoto che ti possano far fare il salto di qualità anche in acqua…
In ogni caso il termine "pippe" non vuole offendere nessuno, forse è mancato qualche smile, e se qualcuno si fosse offeso per questo me ne scuso. Con il termine "pippe" insulterei solo le signore dell'acqua gym che si lamentano se gli arriva qualche schizzo di troppo… quelle si che vanno offese… :-D
Luca
Twitter: @bianluca
tulliodg
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 501
Iscritto il: 12 ago 2012, 10:38

Re: Piscina [2]

Messaggio da tulliodg » 11 set 2019, 14:41

@Louis Purtroppo secondo me a nuoto il concetto di pippa
è molto relativo ,difatti, proprio oggi mi sono fatto mandare le classifiche di una gara master da un mio amico,
da quello che ho visto (almeno in Calabria)
i partecipanti sono sempre pochi
ma molto forti , nessuno supera i 2.00 minuti sui 100 MT,
Nemmeno negli 800 sl i master 60
Per intenderci non trovi gente scarsa come alla Roma Ostia o ciclisti della domenica come alla 9 colli
5 km 21:13 (5000 su pista memorial Misasi)
9,700 km 42:28 Corricastrovillari
21 km 1:34:45 Roma Ostia 2019
42 km Ravenna 13/11/2018 3:47:20
70.3 Pescara 5:57:00
Avatar utente
Louis
Ultramaratoneta
Messaggi: 1228
Iscritto il: 1 set 2012, 20:22

Re: Piscina [2]

Messaggio da Louis » 11 set 2019, 15:05

No, ci mancherebbe se mi offendo. Io sono il primo a definirmi pippa!
I tempi parlano chiaro. Se sei distante dai record, non dico mondiali, ma almeno nazionali, è inutile credersi campioni perché si trionfa alle garette senza partecipanti. :D

Sono arrivato terzo al trofeo estivo con 1'55" sui 100 dorso. Terzo su tre. :smoked:

Io vado un poco più veloce dei 2'/100 in allenamento, sicuramente perché un po' sono allenato un po' sono migliorato.
Sulle ripetute posso fare tra 1'30" e 1'40" con ripartenza a 2', ho un personale di 1'17", ma se cominciamo ad allungare (200, 300...) mi adagio pure io su quelle medie.
Per esempio nell'olimpico che ho fatto ho chiuso il 1500 con mare un po' mosso e muta a 1'45"/100. Poi vabbè, nel triathlon è relativo il fatto di andare "forte" nel nuoto. I primi vanno forte, ma sono più diradati. È molto più facile che si esca da soli e quindi si sia costretti a farsi prendere dal primo gruppo di ciclisti forti che ti raggiunge. A quel punto, tanto valeva andare più lenti in mare e risparmiare energie per partire sulla bdc subito in scia o con cambi.
Mi sentirei un po' meno pippa se facessi 1'30"/100 come i più forti della mia squadra di triathlon, ma sarei comunque lontanissimo da un nuotatore di acque libere puro che viaggia a 6km/h.

Sono il primo che guarda video, si legge articoli, ma alla fine, se al nuoto master non ti fanno fare sedute di tecnica, il tempo disponibile è quello che è, non si correggono per bene gli errori, sei destinato a viaggiare a 2'/100 o più.
«My feet are getting tougher, I can run farther every day. I have to trust my body to know what to do.» (Jake Sully, Avatar)

PB | 10k 37'57" 16-07-17 Gara | 14.8k 58'08" 25-11-18 Gara/GPS | Mezza 1h27'46" 22-06-12 All.
Avatar utente
Flanik
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 221
Iscritto il: 9 gen 2019, 13:28
Località: Brescia

Re: Piscina [2]

Messaggio da Flanik » 11 set 2019, 15:07

Mi sento davvero lento a nuoto e il fatto che coniughi il nuoto alle altre due discipline mi demotivano nel migliorare la frazione natatoria.
Fatto questa premessa , io nuoto a circa 2 min /100 m qualsiasi distanza faccia .. praticamente come diceva @Aral mi butto in acqua e faccio dei lunghi ( 2500-3500).
Dopo due anni , sento ora la necessità di migliorare lo stint nuoto, e sicuramente vorrei fare 4 o 5 lezioni. Anche se i miglioramenti li ho sentiti da subito quando ho inserito un'altra giornata a settimana
di ingresso in piscina.( per un totale ancora "irrisorio" di tre orette)
La tecnica va affinata sicuramente con il supporto di un buon fisico resistente prodotto da una grossa quantità di attività(tanto per dire i primi 250 metri nuoto senza fatica con lo stesso numero di bracciate, ma con tempi di 10 secondi più rapidi, poi calando le energie, visto anche sicuramente una tecnica non eccelsa, calo e mi porto a 2 min costanti ... come un diesel .. )
Se nuoto solo 100 metri arrivo a fare 1.20 e lì le gambe le sento anche andare .... :D :D :D
A 18 anni (31 anni fa...) nel fare il brevetto per assistenti bagnanti per riscaldarci facevamo 50 vasche ... non si migliora nuotando poco ..seppure bene ... :D

e sto cominciando a mettere le ripetute almeno una volta alla settimana ...
Asd San Filippo Runners - Triathlon Brescia Dttri
5k: 22.07 Corritalia 2019
10k: 47.53
21k : 1h 47.25 Bibione half marathon 2019
Bio: 1970 1.72 , 71,5 Kg
Aral
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 189
Iscritto il: 21 mag 2013, 14:51
Contatta:

Re: Piscina [2]

Messaggio da Aral » 11 set 2019, 18:03

@tulliodg: se vuoi vedere i risultati degli oltre 120 meeting master della scorsa stagione li trovi qui
https://www.federnuoto.it/home/master/c ... venti.html

@louis: 6km/h non li tiene neanche Paltrinieri; forse x 3500-4000 metri, ma non oltre. Agli ultimi campionati mondiali i primi della 5km hanno chiuso sui 52 minuti. E poi il punto di riferimento non possono essere loro, e neanche i primi 50 in Italia che fanno quello x lavoro ed hanno 20 anni.

@flanik: passare da 1'20" a 2'00" mi sembra impossibile. Anche senza considerare l'1'20" in quanto ottenuto in condizioni ottimali ma prendendo in considerazione un 1'30" di passo "impegnativo" (sostenibile x 2-300 metri consecutivi o per 6-8 ripetute con 15-20" di recupero), fare +30" per arrivare a 2'00"/100 mi pare difficile. Ma anche un 1'45" mi farebbe pensare ad un calo inspiegabile... Sui 2000 mi aspetterei un passo sull' 1'38" max 1'40". All'aumentare della distanza siamo ancora lì vicino (direi non oltre +2" fino a 4000-5000).
Luca
Twitter: @bianluca
Aral
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 189
Iscritto il: 21 mag 2013, 14:51
Contatta:

Re: Piscina [2]

Messaggio da Aral » 11 set 2019, 20:04

tulliodg ha scritto:
11 set 2019, 14:41
da quello che ho visto (almeno in Calabria) i partecipanti sono sempre pochi ma molto forti
Questa affermazione non mi tornava perché con tutto il rispetto per la Calabria e per i master calabresi, mi ricordavo che il livello generale era abbastanza modesto, non solo come partecipazione ma anche come risultati.
Premettendo e dando per scontato che anche l'ultimo arrivato merita il massimo rispetto ed anzi nei master non è raro che chi arriva staccato riceve l'applauso di tutti gli altri concorrenti, facendo un rapido raffronto ho visto che nella mia categoria (M50), il primo classificato sui 50 sl in Calabria sarebbe arrivato 16° nel Lazio ed il primo dei 100 stile libero sarebbe arrivato 27°. In Calabria molte gare vengono vinte sotto gli 800 punti; nella maggior parte dei campionati regionali e dei meeting vari sparsi per l'Italia con gli stessi punti si sta a metà classifica. Ripeto: massimo rispetto per tutti i partecipanti sia della Val d'Aosta che della Calabria; lo spirito che muove i master è principalmente quello della ricerca del miglioramento personale ed un miglioramento di uno che fa 450 punti è degno di rispetto come quello di uno che di punti ne fa 1000 e più. Questo solo ed esclusivamente per dirti che la Calabria non è utilizzabile come "media" del movimento master italiano (e verosimilmente non lo è neanche il Lazio), sia per quantità di concorrenti ma anche per livello generale dei risultati.
Sicuramente non è neanche corretto confrontare un master che si cimenta in una sola disciplina con un triatleta che deve allenarsi in 3 sport diversi. Infatti il discorso non è partito da li ed il confronto con i risultati dei master neanche andrebbe fatto.
Quel che mi sento di affermare, per sintetizzare i post precedenti, è che fare 2'00"/100 è probabilmente dovuto a delle lacune tecniche più o meno marcate e che queste lacune possono essere colmate con relativa facilità con poche lezioni (ma molto impegno che deve andare ben oltre le lezioni).
Secondo me una persona con una buona tecnica (ancorché non ottima) e decentemente allenata dovrebbe facilmente stare sull' 1'40"/1'45" sui lunghi e poter fare senza difficoltà 10-15x100 @ 1'45" girando intorno 1'30".
Parlo di riferimenti per gente della mia età (51 anni) e che non ha fatto nuoto agonistico in gioventù. Sotto i 40 o sopra i 60 rivediamo qualcosa dei tempi che ho indicato. Se si è fatto nuoto agonistico è tutto un altro film.
Luca
Twitter: @bianluca
tulliodg
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 501
Iscritto il: 12 ago 2012, 10:38

Re: Piscina [2]

Messaggio da tulliodg » 11 set 2019, 20:26

Che dire sicuramente la mancanza di strutture fino ai primi degli anni 2000 ha penalizzato non poco la mia ragione , quindi chi si è avvicinato al nuoto lo ha fatto in età abbastanza avanzata.
Detto questo farò sicuramente tesoro del tuo consiglio, di farmi seguire soprattutto se come tu affermi con poche lezioni si può migliorare tanto.
5 km 21:13 (5000 su pista memorial Misasi)
9,700 km 42:28 Corricastrovillari
21 km 1:34:45 Roma Ostia 2019
42 km Ravenna 13/11/2018 3:47:20
70.3 Pescara 5:57:00
Aral
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 189
Iscritto il: 21 mag 2013, 14:51
Contatta:

Re: Piscina [2]

Messaggio da Aral » 11 set 2019, 20:57

Guarda, senza vederti è difficile dare indicazioni più precise, ma mediamente con 5/10 lezioni si riescono a mettere a posto parecchie cose. Ovviamente l'impegno da parte tua deve andare ben oltre le 5/10 lezioni nel riprovare e ripetere gli esercizi che ti fa fare l'istruttore durante la lezione anche al di fuori di esse. Molto importante anche avere la percezione di quello che fai ma che non vedi. Vedo molte persone che nuotano bene dal lato della respirazione ma presentano dei difetti più o meno importanti dal lato opposto (ed è per questo motivo che si dovrebbe imparare a respirare da entrambi i lati). Al di la della minor presa/trazione/spinta che si esercita con un braccio rispetto all'altro, questo li porta a nuotare scomposti o, forse peggio, a compensare con posizioni errate della testa o di altre parti del corpo per allineare l'andatura (ma non l'assetto).
In tema di lezioni un primo aiuto potrebbe venire anche dall'assistente di vasca che spesso sono anche istruttori di nuoto. Se vai a nuotare in orari dove in acqua c'è poca gente puoi provare a chiedere a lui di guardarti come nuoti e darti qualche consiglio e/o qualche esercizio per correggere qualcosa. Pur non potendoti seguire che per qualche minuto, compatibilmente con le presenze in acqua, se ti dice bene riesci a risparmiare qualcosa e trarne qualche vantaggio... ;-)
Quanto alla situazione degli impianti stendiamo un velo... non conosco la situazione della Calabria, ma ad esempio nella vicina Basilicata l'unica piscina da 50mt si trova all'interno di un villaggio turistico. All'aperto e quindi inutilizzabile nei mesi invernali... :-(
Luca
Twitter: @bianluca
Avatar utente
Louis
Ultramaratoneta
Messaggi: 1228
Iscritto il: 1 set 2012, 20:22

Re: Piscina [2]

Messaggio da Louis » 11 set 2019, 22:43

Aral ha scritto:
11 set 2019, 18:03
@louis: 6km/h non li tiene neanche Paltrinieri; forse x 3500-4000 metri, ma non oltre. Agli ultimi campionati mondiali i primi della 5km hanno chiuso sui 52 minuti. E poi il punto di riferimento non possono essere loro, e neanche i primi 50 in Italia che fanno quello x lavoro ed hanno 20 anni.
Ma sì, non facciamo i pignoli... 5.5 o 6 kmh sempre di pesci mancati vs esseri umani stiamo parlando. :mrgreen:
«My feet are getting tougher, I can run farther every day. I have to trust my body to know what to do.» (Jake Sully, Avatar)

PB | 10k 37'57" 16-07-17 Gara | 14.8k 58'08" 25-11-18 Gara/GPS | Mezza 1h27'46" 22-06-12 All.
Rispondi

Torna a “Cross Training”