Piscina [2]

Rinforza il tuo motore con gli sport alternativi

Moderatori: gambacorta, Doriano, fujiko, franchino

Rispondi
Avatar utente
labboro
Guru
Messaggi: 2072
Iscritto il: 14 nov 2010, 11:46

Re: Piscina [2]

Messaggio da labboro » 14 gen 2019, 12:31

Sono un autodidatta e fare tecnica è importante ma devi fare gli esercizi in maniera corretta e per questo occorre qualcuno che ti guardi e corregga .
Puoi cercare comunque per migliorare di concentrarti sulla bracciata presa spinta recupero magari usando il boccaglio frontale ,sempre con il boccaglio puoi lavorare sulle gambe avendo un assetto lineare simile alla nuotata normale,cosa che con la tavoletta
Non riesci a fare !
Aral
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 218
Iscritto il: 21 mag 2013, 14:51
Contatta:

Re: Piscina [2]

Messaggio da Aral » 14 gen 2019, 12:42

Louis ha scritto:
14 gen 2019, 11:20
Ieri ho fatto la mia prima gara di nuoto master. Esperienza unica e mi sono divertito parecchio. :)
Dove hai gareggiato? Con chi nuoti?

EDIT: Trovato... Trofeo Airon... CUS Bari... siamo lontani... io vivo a Roma... ;-)
Luca
Twitter: @bianluca
Avatar utente
Louis
Ultramaratoneta
Messaggi: 1229
Iscritto il: 1 set 2012, 20:22

Re: Piscina [2]

Messaggio da Louis » 14 gen 2019, 18:15

Flanik ha scritto:
14 gen 2019, 11:34
Woww .. trovato anche qui un bel pò di informazioni ..
Mi alleno un paio di volte a settimana , tempi abbastanza elevati .. penso che sia una questione di quanto mi alleno :emb: .. ma pazienza :D :D
settimana scorsa prima un 3050 in 1h 9 e poi un 1500 in 31 minuti .. quando la stanchezza sopraggiunge la tecnica peggiora notevolmente .. avendo spesso solo un'ora di tempo utile non faccio molti esercizi .. e quindi "direte voi " come fai a migliorare ??
Si migliora, si migliora, ma prima o poi il processo di adattamento finisce. :D
A quel punto o migliori la tecnica o cambi gli stimoli o meglio entrambi.
La gambata è praticamente nulla ... la tavoletta è uno strumento che faccio fatica a farmi "andare giù" :shock: :shock: :shock:
però facendo triathlon le gambe le risparmio :D :D :D :D :D :D
La gambata nel fondo serve più per sostegno che propulsione. Quindi, può anche andare che sia praticamente nulla, devi farla quel poco che basta per mantenere il corpo in assetto e non far sprofondare gambe, bacino...
Ogni persona trova il suo equilibrio nel distribuire energie su bracciata e gambata. Le gambe consumano di più e spingono di meno rispetto alle braccia, però non sono un tecnico per cui mi fermo qua.
al di là di questa mini presentazione .. prevedendo 3 gg a settimana di allenamento come strutturarlo ?
i primi 500 metri sono sotto i 2 min/100 metri ( anche di parecchio) ma poi c'è una caduta vertiginosa e mi attesto sui 2.10 .... li mantengo poi ... e spesso riesco anche ad accelerare qualche vasca .. non capisco questa altalenanza eccessiva ..
se parto più tranquillo finisco sempre per entrare nella mia conforte zone di 2.10 ...
Qui c'è parecchio materiale: https://www.nuotomania.it/nuotoallenamenti2.htm ;)


Aral ha scritto:
14 gen 2019, 12:42
Dove hai gareggiato? Con chi nuoti?

EDIT: Trovato... Trofeo Airon... CUS Bari... siamo lontani... io vivo a Roma... ;-)
Eh sì, difficile che ci incontriamo in allenamento. :D
Comunque, la mia squadra è venuta a Ostia a dicembre. :mrgreen:
«My feet are getting tougher, I can run farther every day. I have to trust my body to know what to do.» (Jake Sully, Avatar)

PB | 10k 37'57" 16-07-17 Gara | 14.8k 58'08" 25-11-18 Gara/GPS | Mezza 1h27'46" 22-06-12 All.
Aral
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 218
Iscritto il: 21 mag 2013, 14:51
Contatta:

Re: Piscina [2]

Messaggio da Aral » 14 gen 2019, 19:20

Louis ha scritto:
14 gen 2019, 18:15
Eh sì, difficile che ci incontriamo in allenamento. :D
Comunque, la mia squadra è venuta a Ostia a dicembre. :mrgreen:
Li c'ero anch'io... :-)
Se sali a Roma o se vieni ai Campionati Italiani fammi sapere... ;-)
Luca
Twitter: @bianluca
Avatar utente
Louis
Ultramaratoneta
Messaggi: 1229
Iscritto il: 1 set 2012, 20:22

Re: Piscina [2]

Messaggio da Louis » 14 gen 2019, 20:05

O almeno c'era in programma di andarci... non li vedo in classifica, boh! Forse non ci sono andati più per scarse adesioni.
Roma ok.
Campionati Italiani la vedo un po' difficile, vedremo! :D
«My feet are getting tougher, I can run farther every day. I have to trust my body to know what to do.» (Jake Sully, Avatar)

PB | 10k 37'57" 16-07-17 Gara | 14.8k 58'08" 25-11-18 Gara/GPS | Mezza 1h27'46" 22-06-12 All.
franz86
Maratoneta
Messaggi: 351
Iscritto il: 30 ago 2017, 14:28

Re: Piscina [2]

Messaggio da franz86 » 2 mar 2019, 22:44

che tipo di allenamenti fate per rinforzare le gambe in piscina? tavoletta ok, ma usata come?
Il mio esercizio + gettonato è alternare 50m gambe stile e 50m gambe rana, senza pause tra le vasche, ripetendo il tutto per 400m o 600m. Oggi sono arrivato ad 800m. Spesso le faccio tutte in leggera progressione, altre volte con una progressione piramidale.
Bene così o sarebbero più efficaci ripetute a velocità più sostenuta ma con riposo?
Aral
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 218
Iscritto il: 21 mag 2013, 14:51
Contatta:

Re: Piscina [2]

Messaggio da Aral » 3 mar 2019, 10:26

Dipende sostanzialmente dal motivo per cui vorresti "rinforzare" le gambe. Solitamente qui c'è gente che corre o al massimo fa triathlon e motivi per potenziare le gambe in piscina non ne ha. Ricercano più lo scioglimento/defaticamento che altro e allora va bene nuotare quei 400/600 metri meglio se alternando gli stili.
Se ti stai riprendendo da un infortunio va ancora bene quanto detto sopra integrando con esercizi a secco in palestra.
Se invece vuoi migliorare l'efficienza della gambata perché hai deciso di fare i master o le acque libere, allora sarebbe meglio alternare quanto sopra introducendo ad esempio esercizi di ripetute tipo 10×50 (o inizialmente 2×5×50) a ritmo sostenuto e riposi da 10 a 30 secondi. Le ripetute su distanza da 50 mt è solo un esempio. Se l'obiettivo sono gare veloci sono più adatte ripetute sui 25 metri in serie da max 4 ripetizioni; se la gara obiettivo è più lunga si allungano di conseguenza anche le ripetizioni. In ogni caso il principio dell'alternanza fra i differenti schemi, distanze e andature va comunque mantenuto per alternare carichi diversi in diverse sedute.
Se nella piscina dove nuoti è consentito, puoi valutare l'utilizzo delle pinnette come ulteriore metodo per variare i carichi e le intensità. Qui si pone la scelta del tipo di pinnetta. Una più rigida è meglio indicata se hai già una buona tecnica di gambe, altrimenti potresti trovarti meglio con una un po più morbida.
Se il problema è di assetto, anzichè isolare le gambe sarebbe meglio fare esercizi generali di tecnica, tipo nuotare alternato tenendo entrambe le braccia avanti, fai una bracciata a dx, torni in pausa avanti e quindi bracciata a sx, di nuovo pausa in avanti e così via. Lo stesso esercizio puoi variarlo con le braccia lungo i fianchi (ma questo a patto che il tuo errore non sia gia quello di fare una pausa tra la spinta e il recupero) oppure facendo 2 bracciate a dx e due a sx, o una vasca sempre a dx e l'altra sempre a sx, etc. Questi stessi esercizi valgono pari pari per il dorso. Per rana e farfalla ce ne sono altri che se ti interessa ti spiego, altrimenti diventa lunga...
Luca
Twitter: @bianluca
franz86
Maratoneta
Messaggi: 351
Iscritto il: 30 ago 2017, 14:28

Re: Piscina [2]

Messaggio da franz86 » 3 mar 2019, 11:32

grazie Aral per tutti gli utili suggerimenti.
Sinceramente il motivo del "potenziamento" è proprio il primo che hai escluso :D nuoto come cross training per la corsa. Dato che non corro da molto tempo (solo pochi mesi) ho paura di sovraccaricare troppo le articolazioni con un eccessivo numero di chilometri settimanale rispetto a quanto tollerabile per il mio stato di forma attuale. ho trovato quindi estremamente utile aumentare il carico settimanale sfruttando uno sport che non affatica le mie deboli caviglie. Quindi mi piacerebbe fare potenziamento gambe in piscina in alternativa ad una seduta di palestra (che odio) o di una di ripetute in pista (con la quale al momento rischierei infortuni).
Aral
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 218
Iscritto il: 21 mag 2013, 14:51
Contatta:

Re: Piscina [2]

Messaggio da Aral » 3 mar 2019, 12:37

Allora vanno comunque bene tutti i suggerimenti di cui sopra perché se ho ben compreso ti serve sia sciogliere le articolazioni che potenziare nei limiti di ciò che si può fare in acqua. Se non vuoi sovraccaricare le caviglie devi limitare l'uso delle pinnette, ma vanno bene tutte le altre indicazioni sulle ripetute. Magari alterna un giorno da 500/600 metri consecutivi (che vedo bene immediatamente dopo i lunghi) con un altro in cui fai ripetizioni da 25/50.
Quando fai 500/600 consecutivi potresti comunque variare e farti 1 vasca ogni 3 oppure 1 ogni 4 velocissima e le altre di recupero attivo; oppure in progressioni ogni 3, ovvero lenta-media-veloce e poi ancora lenta-media veloce per 500 metri.
Va bene anche se il lavoro di gambe lo spezzi in 2 parti, anzi forse nel tuo caso potrebbe essere preferibile: fai riscaldamento e attivazione, un 200/300 di gambe (questi meglio se in ripetute da 25 o 50 a ritmi sostenuti e con recupero medio per sfruttare la freschezza e come proseguimento dell'attivazione), quindi il lavoro centrale e infine altri 200/300 di gambe (o anche di più se te la senti, ti va, ed hai tempo) prima del defaticamento. In questo caso puoi provare ad inserire gradualmente le pinne nel secondo set e per la metà delle volte.
Luca
Twitter: @bianluca
franz86
Maratoneta
Messaggi: 351
Iscritto il: 30 ago 2017, 14:28

Re: Piscina [2]

Messaggio da franz86 » 3 mar 2019, 16:06

grazie coach ;) provo a seguire i tuoi consigli!
in genere io le gambe le metto tutte prima del defaticamento, ma potrebbe essere una buona idea quella di spezzare in 2 così posso variare anche l'intensità nelle due parti.
Grazie ancora, ti farò sapere come mi son trovato
Rispondi

Torna a “Cross Training”