[Diario] mooolto incostante

Racconta le tue storie di passione & sudore

Moderatori: Doriano, Andybike, elisa udine

Rispondi
Avatar utente
RAEL70
Ultramaratoneta
Messaggi: 1112
Iscritto il: 9 mag 2014, 10:04
Località: Palermo

Re: [diario] mooolto incostante

Messaggio da RAEL70 »

Hai scritto un post molto triste e ahimé molto reale e concreto...

Sembra paradossale che in un forum dove si dovrebbe parlare solo di fatica, sudore, tecnica, tempi, vittorie, sconfitte, infortuni, percorsi e quant'altro, brutalmente ci si scontra con gli effetti di questo mondo/società assolutamente illogico, irrazionale e senza alcun senso...

Personalmente ti sono molto vicino e se vuoi sfogarti in privato non hai che da farlo :vicini:.

Quando ci si trova davanti a simili eventi ogni parola lascia il tempo che trova però, almeno in questo caso, ti consiglio fortemente di non abbandonare la corsa, non per perdere l'allenamento che hai già svolto ma per garantirti quel minimo spazio vitale da dedicare a se stessi dimenticandosi di tutte le gravissime problematiche che la vita moderna ci sbatte in faccia...

In questi casi è facile perdere la bussola e lasciarsi andare ma tu devi reagire e la corsa è sicuramente uno dei mezzi che puoi utilizzare.

Non abbatterti (anche se è la cosa più istintiva e facile da fare) [-X
Gli ideali sono come la stella polare: sono irraggiungibili ma indicano la retta via. la mia nuova assicurazione il mio diario la mia prima mezza la mia seconda mezza. Polar M400 + Polar H7
Avatar utente
incostante
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 845
Iscritto il: 17 set 2012, 12:00
Località: Appennino Tosco-Emiliano

Re: [diario] mooolto incostante

Messaggio da incostante »

Non mi abbatto, non adesso. devo ancora riuscire a correre i 5 km senza pause, non posso abbandonare!!!

Comunque, stamattina, senza fretta, sono uscito per l'allenamento. Considerando il momento non semplice, ho preferito andare a correre evitando traffico e chiasso, e perciò me ne sono andato alla riserva naturale.

Parcheggio la macchina, parto, senza cappello nè occhiali da sole (tempo nuvoloso). Comincio la prima parte di sterrato, in scioltezza, devo mantenere il ritmo altrimenti rischio di scoppiare tra un po'. Incontro un altro runner della mia stazza e ci salutiamo. Finisco lo sterrato e comincio la parte di asfalto. Il mare alla mia destra era fantastico, calmissimo, di un colore scuro che solo il cielo nuvoloso riesce a trasmettere. I profumi della macchia mediterranea mi inondano, timo, finocchio selvatico e rosmarino i più forti. Arrivo a metà percorso ancora relativamente fresco, la musica a basso volume per non lasciarmi sfuggire troppo i rumori della natura. Finisco una leggera salita e sto per ricominciare il tratto in sterrato misto a sabbia, quando sento un bambino di due, massimo tre anni, che era lì in compagnia della madre, che comincia a incitarmi "Dai, corri, corri".
Non avverto più la stanchezza, arrivo alla fine con ancora l sorriso sulle labbra, sapendo di aver fatto anche un buon tempo.
IL BELLO DELLA CORSA!!!
Blog: http://runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=35397

che faticaccia...:rambo: :culone: :oops:

Scarpe: ASICS Gel Kayano giallo fluo, così mi fissano le scarpe...
Avatar utente
incostante
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 845
Iscritto il: 17 set 2012, 12:00
Località: Appennino Tosco-Emiliano

Re: [diario] mooolto incostante

Messaggio da incostante »

Ieri mattina mi alzo con un forte mal di gola, naso gocciolante e brividi di freddo. IL RAFFREDDORE!!!!!

Ok, niente panico, che vuoi che sia? Vado di Vivincì e mi vesto più pesante, senza rinchiudermi in casa (tanto, che senso ha?). Fino alla sera i brividi aumentano. Ok, rientro e vado a letto con una coperta aggiuntiva.
Stamattina poche novità. Porca miseria, nel pomeriggio ho l'allenamento! Dai, fino all'una vedrai che sarà passato. Come no!
Ma non mi faccio loccare da un semplice raffreddore (secondo me ieri sera anche qualche linea di febbre): maglia termica, antivento, pantaloni da tuta lunghi, e parto.
Decido di non allontanarmi troppo da casa, non si sa mai, sento di essere deboluccio. Faccio un percorso che feci un paio di anni fa, ma poi abbandonai a causa di un simpaticissimo cane randagio :afraid: molto "affettuoso". Mi dico: dai, magari in questi due anni ha cambiato zona, mica può restare sempre lì, da solo, a controllare la zona. Faccio 300 metri, giro l'angolo e lo sento abbaiare. Ma in effetti in parte avevo ragione: non è più da solo :azz: Anzi, lui si è alzato ma si mantiene a distanza. Mi si avvicina quello nuovo, due volte più grande :pale:
Io fingo indifferenza, anche perchè è sicuramente più veloce lui :-$ . E secondo me lo sa anche, dato che non si preoccupa di tagliarmi la strada, ma comincia a inseguirmi e in tre falcate è in direzione di polpaccio. Parte all'attacco: cerca di mordermi il tendine, mi prende di striscio. A questo punto io comincio a camminare, sento la voce di una donna che richiama l'animale cercando di calmarlo, ma evidentemente il cagnolone mi trova simpatico! Finalmente si calma, ringrazio la signora e capisco che non è la padrona del cane, ma è un randagio di quartiere. Pazienza. Riparto. Prima piano, poi provo a riprendere il ritmo. Le gambe sono molli, me ne accorgo subito, il raffreddore mi ha trasmesso spossatezza. Finisco il primo chilometro, mi faccio coraggio, adesso mi tocca un giro di uno pseudo parco archeologico da fare due volte. Al primo giro sono al limite, so che dovrò fermarmi, praticamente sto poco più che camminando. Non posso farne a meno, a due terzi dell'allenamento mi fermo, e comincio a camminare. Sento il vento che pericolosamente sferza sul mio leggerissimo antivento, e sento che il sudore addosso mi si gela. Non è proprio l'ideale quando si è raffreddati. Non c'è tempo da perdere: riparto. Senza altre pause. Allenamento portato a termine. E magari fino a stasera il raffreddore scomparirà. E sarò in perfetta salute. O con la febbre!!!!!
Blog: http://runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=35397

che faticaccia...:rambo: :culone: :oops:

Scarpe: ASICS Gel Kayano giallo fluo, così mi fissano le scarpe...
Dario84
Mezzofondista
Messaggi: 68
Iscritto il: 11 ago 2014, 8:48
Località: Grosio (So)

Re: [diario] mooolto incostante

Messaggio da Dario84 »

Ciao!! allora passato il raffreddore?? Dai che in Puglia il "freddo è relativo"!! Io sto iniziando a girare i negozi di sport per attrezzarmi per l'autunno/inverno! Del resto qui sulle Alpi andiamo sotto zero tranquillamente!

Ho letto gli aggiornamenti del tuo Diario.. non mollare su nessun fronte!

Buone corse!
P.B.
10km 41.41
21km 1h32
http://www.runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=35638
"Se non puoi correre, allora cammina. E se non puoi camminare, allora striscia. Fai ciò che devi fare, però vai avanti e non mollare."
Avatar utente
incostante
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 845
Iscritto il: 17 set 2012, 12:00
Località: Appennino Tosco-Emiliano

Re: [diario] mooolto incostante

Messaggio da incostante »

Sono un uomo nuovo. Ciao ciao raffreddore :asd2: e mica ci spaventa a noi runner un po' di influenza!!!
Si, purtroppo è vero, qui in puglia il freddo è molto relativo, e per me, che preferisco di gran lunga il freddo al caldo, è un problema! Però dai, mica possiamo lamentarci per tutto! SIamo per minimo 5 mesi l'anno in spiaggia, magliettina e pantaloncini per metà anno, cappotto solo qualche volta...dai, non si sta poi tanto male!
Blog: http://runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=35397

che faticaccia...:rambo: :culone: :oops:

Scarpe: ASICS Gel Kayano giallo fluo, così mi fissano le scarpe...
Avatar utente
RAEL70
Ultramaratoneta
Messaggi: 1112
Iscritto il: 9 mag 2014, 10:04
Località: Palermo

Re: [diario] mooolto incostante

Messaggio da RAEL70 »

Complimenti per la volontà e l'impegno! =D>
Per me questa è l'essenza dello Sport: sconfiggere se stessi e i propri limiti e oltrepassare barriere (fisiche ma spesso psicologiche) che sembrano insormontabili.

Vai incostante! :wink:
Gli ideali sono come la stella polare: sono irraggiungibili ma indicano la retta via. la mia nuova assicurazione il mio diario la mia prima mezza la mia seconda mezza. Polar M400 + Polar H7
Avatar utente
incostante
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 845
Iscritto il: 17 set 2012, 12:00
Località: Appennino Tosco-Emiliano

Re: [diario] mooolto incostante

Messaggio da incostante »

Tra un'ora attacco con l'allenamento. Sperando che la congiuntivite e il fastidio che sento al polpaccio non si ribellino
Blog: http://runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=35397

che faticaccia...:rambo: :culone: :oops:

Scarpe: ASICS Gel Kayano giallo fluo, così mi fissano le scarpe...
Avatar utente
RAEL70
Ultramaratoneta
Messaggi: 1112
Iscritto il: 9 mag 2014, 10:04
Località: Palermo

Re: [diario] mooolto incostante

Messaggio da RAEL70 »

Secondo me il fastidio scomparirà dopo un chilometro, per la congiuntivite fai una preghiera [-o<

In bocca al lupo per la sessione!!! :wink:
Gli ideali sono come la stella polare: sono irraggiungibili ma indicano la retta via. la mia nuova assicurazione il mio diario la mia prima mezza la mia seconda mezza. Polar M400 + Polar H7
Avatar utente
incostante
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 845
Iscritto il: 17 set 2012, 12:00
Località: Appennino Tosco-Emiliano

Re: [diario] mooolto incostante

Messaggio da incostante »

Eh si, Rael, avevi ragione, anzi, il dolore è sparito dopo meno di 500 metri.

Oggi avevo deciso di cambiare, di andare a correre in campagna, su strade bianche. Perciò prendo la macchina, e parto verso il percorso che avevo studiato su gmap, una vecchia proprietà militare abbandonata da chissà quanto, con vegetazione, vecchie costruzioni. Perfetta. Arrivo, e la prima entrata è accupata da una mandria di pecore al pascolo. Vabbè, poco male, mi dico, tutti hanno libero accesso qui, vado più avanti e entro dalla seconda entrata. Senonchè, la seconda entrata era stata chiusa con dei mucchietti di terra :nonzo: Qualcosa non quadra. E tutto diventa ancora più strano quando noto un tizio su un trattore che stava arando all'interno dell'area militare :shock: :shock: :shock: Ma come è possibile?
Vabbè, niente panico, piano B. Un boschetto praticamente di fronte. Giro per la strada che porta al boschetto, è noto che è completamente allagata ](*,) Che paese di merda!!!!!!!!!
Non ho alternative: troppo tardi per andare al mare, mi tocca andare sulla tristissima pista ciclabile, senza neanche un filo di ombra. Arrivo, ovviamente innervosito per il tempo perso, per il fastidio al polpaccio, per la congiuntivite. Parcheggio, cammino un po', tempo che Endomondo si connetta al GPS, e parto. Il fastidio si fa sentire, ma poi mi ricordo che per il nervoso il lettore mp3 è rimasto in macchina!! Non posso tornare, avrei perso altro tempo, continuo, e non penso più al dolore, che intanto passa, concentrandomi solo sul passo e sul respiro. Arrivo alla fine della pista, faccio un giro di una piazzetta (finalmente un po' di fresco) e riprendo la ciclabile. Il nervoso viene espulso insieme al sudore, più tempo passa più mi rendo conto che aumentando la stanchezza aumenta anche la serenità.
Allenamento finito col sorriso (stiamo parlando sempre di 3 km e mezzo, eh!), nervosismo passato, sensazione di benessere.
Che si può chiedere di più?
Blog: http://runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=35397

che faticaccia...:rambo: :culone: :oops:

Scarpe: ASICS Gel Kayano giallo fluo, così mi fissano le scarpe...
Avatar utente
RAEL70
Ultramaratoneta
Messaggi: 1112
Iscritto il: 9 mag 2014, 10:04
Località: Palermo

Re: [diario] mooolto incostante

Messaggio da RAEL70 »

Caro Incostante, che rimanga tra noi, ma dimmi la verità, qual'è il tuo problema: il sovrappeso o trovare un c***o di posto dove correre? :lol: :lol: :lol:

Scherzo eh, ma non sono riuscito a trattenermi nel leggere la tua (dis)avventura nel trovare un posto adatto dove correre: ma è così difficile dalle tue parti? :nonzo:

Per il resto te l'avevo detto che il fastidio non si sarebbe più fatto sentire non appena i muscoli si scaldavano e meno male che la congiuntivite non ti ha dato problemi :asd2:

Finire la sessione con il sorriso è la cosa più bella che ci possa essere quindi puoi essere soddisfatto di quello che hai fatto oggi. :wink:

Prima o poi, però, i 5 Km li devi fare (non importa a quale andatura)... :D
Gli ideali sono come la stella polare: sono irraggiungibili ma indicano la retta via. la mia nuova assicurazione il mio diario la mia prima mezza la mia seconda mezza. Polar M400 + Polar H7
Rispondi

Torna a “Storie di corsa”