[DIARIO] Mission impossible?

Racconta le tue storie di passione & sudore

Moderatori: Doriano, grantuking, victor76

Avatar utente
Morgana70
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 660
Iscritto il: 5 ago 2015, 17:06
Località: Poirino

Re: [DIARIO] Mission impossible?

Messaggio da Morgana70 »

Ecco, è proprio innaturale. Poi magari quando (quando) peserò quei 10 chili di meno, mi verrà naturale andare più veloce e pure alzare la gambetta e appoggiare il piede come cristo comanda, ma allo stato, non avendo particolari dolori io andrei così. Una cosa sulla quale devo fare attenzione è non correre guardando la riga per terra. Ma quello perché mi rendo conto che se guardo l'orizzonte vado meglio. :D
“The pain of running relieves the pain of living.” – Jacqueline Simon Gunn
Bbagghins
Maratoneta
Messaggi: 338
Iscritto il: 30 nov 2019, 22:10

Re: [DIARIO] Mission impossible?

Messaggio da Bbagghins »

Se ti consola anche io tallono abbestia, specialmente in discesa.... magari è davvero influenzato dai chili di troppo
Avatar utente
Morgana70
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 660
Iscritto il: 5 ago 2015, 17:06
Località: Poirino

Re: [DIARIO] Mission impossible?

Messaggio da Morgana70 »

"I talloni dei ciccioni. Sottotitolo: Siamo tutti Achille" il mio prossimo libro di tecnica di corsa. :mrgreen:
“The pain of running relieves the pain of living.” – Jacqueline Simon Gunn
Dr.Kriger
Guru
Messaggi: 3194
Iscritto il: 2 apr 2017, 8:40

Re: [DIARIO] Mission impossible?

Messaggio da Dr.Kriger »

Andare piano vuol dire avere una cattiva tecnica, ma è normale. Ci siamo passati tutti. Non puoi forzare una tecnica se non ce l'hai, ehm... nelle gambe! Anche io, da principiante, non so se esattamente tallonavo, ma avevo una tecnica scarsissima, goffa. Ancora adesso sono brutto da vedere correndo, ma sono migliorato molto. La gamba si "alza" come se fosse un elastico, è agile. Ma questo accade con i km nelle gambe, l'esperienza, il miglioramento della prestazione. Forzare una tecnica, magari per andare più veloci, porterebbe a farsi male. In realtà avviene il contrario.
zolla
Ultramaratoneta
Messaggi: 1321
Iscritto il: 20 lug 2016, 15:25

Re: [DIARIO] Mission impossible?

Messaggio da zolla »

Ah, questi ragazzini del 1970! Ciao Morgana, ho letto il tuo diario ed hai tutto il mio sostegno, per quello che può valere. Per il discorso tecnica mi associo a kriger, a 50 anni cercare di modificare un gesto che ti viene naturale può portare a farsi male; stai correndo sempre di più e non hai dolori? Benissimo! Continua aumentando gradualmente e continua ad aggiornarci! Buone corse!
Avatar utente
Morgana70
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 660
Iscritto il: 5 ago 2015, 17:06
Località: Poirino

Re: [DIARIO] Mission impossible?

Messaggio da Morgana70 »

Dr.Kriger ha scritto:
31 ago 2020, 21:18
Forzare una tecnica, magari per andare più veloci, porterebbe a farsi male. In realtà avviene il contrario.
No, no per carità non era questo il punto. E' che sembrava proprio dal tizio del video che "tallonare" fosse il male assoluto e il modo migliore per farsi del male. Per questo stamattina ero perplessa. A ME faceva molto più male cercare di zompettare sull'avampiede (ammesso che poi sia mai riuscita a farlo). Mi rasserenate. Corro come viene e quel che deve migliorare migliorerà. :mrgreen:

@zolla, i ragazzi del 70 sono inossidabili. :smoked: :smoked: (grazie per gli incoraggiamenti!)
“The pain of running relieves the pain of living.” – Jacqueline Simon Gunn
Dr.Kriger
Guru
Messaggi: 3194
Iscritto il: 2 apr 2017, 8:40

Re: [DIARIO] Mission impossible?

Messaggio da Dr.Kriger »

Ah, io ho iniziato ad usare di più l'avampiede proprio a mano che sono migliorato nella prestazione. Ma a volte forse ancora tallono. Non ci ho badato e non mi interessa, com'è giusto che sia per noi normali amatori e salutisti.

Purtroppo la corsa ha il "difetto" di essere davvero alla portata di tutti e in tutte le stagioni, quindi ci sono questi presunti maestri di tecnica o ipertecnologia. E purtroppo questo toglie la vera bellezza alla corsa.
Avatar utente
Utente donatore
El_Gae
Ultramaratoneta
Messaggi: 1640
Iscritto il: 20 ago 2014, 13:24
Località: Vicenza

Re: [DIARIO] Mission impossible?

Messaggio da El_Gae »

Io per ridurre gli effetti del "tallonamento" ho iniziato (a 100 kg e rotti) con le vibram fivefingers. Cioè, dopo qualche mese, quando ho iniziato ad avere dolori alle ginocchia, ho declassato le scarpacce che avevo a "adatte a tagliare l'erba" e sono passato alle minimaliste. Ho accompagnato la transizione con un po' di esercizi per la postura e molto studio (all'epoca andava anche molto di moda e si trovava un sacco di materiale) e devo dire che mi sono sempre trovato bene. A distanza di 5 anni nessun infortunio, nessuna infiammazione significativa.
"Quando mi chiedono che tempo prevedo per la gara rispondo sempre che spero ci sia il sole"
https://lafolgorante.wordpress.com/
Avatar utente
Morgana70
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 660
Iscritto il: 5 ago 2015, 17:06
Località: Poirino

Re: [DIARIO] Mission impossible?

Messaggio da Morgana70 »

@Dr.Kriger, mi sa che hai ragione. Ma non sapendo, noi pischelli possiamo essere portati alla confusione - e per chiarire i dubbi sia benedetto running forum che è una miniera d'oro - specialmente, per me, per timore degli infortuni . Quando hai un BMI in base al quale manco ci dovresti pensare e un'età non esattamente verdissima, ecco, capita. :D

@ElGae, però l'hai fatto perché avevi dei fastidi. Io invece i fastidi li avevo con le scarpe memory foam. Mobbide mobbide, eccezionali per camminare, ma per correre mi sentivo proprio poco protetta. Ora con le stabili, vado liscia (non voglio dirlo troppo forte ma insomma, davvero e sono attentissima ai minimi scricchiolii o fastidi). Quindi per ora continuo così. Domattina spero che il tempo sia ragionevole, ché non so se sono pronta per la pioggia. :mrgreen:
(grazie davvero, siete preziosi!)
“The pain of running relieves the pain of living.” – Jacqueline Simon Gunn
Avatar utente
Morgana70
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 660
Iscritto il: 5 ago 2015, 17:06
Località: Poirino

Re: [DIARIO] Mission impossible?

Messaggio da Morgana70 »

Considerato che ad ogni uscita aggiungo 400 metri (a parità di tempo di corsa) calcoli il canditato quanto mi manca a superare il test del moribondo! :mrgreen:

Immagine

E ho pure preso la pioggia. Ma chissene, felice io! :rambo: :rambo:
“The pain of running relieves the pain of living.” – Jacqueline Simon Gunn

Torna a “Storie di corsa”