[DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Racconta le tue storie di passione & sudore

Moderatori: Doriano, grantuking, victor76

Avatar utente
Pescanoce
Ultramaratoneta
Messaggi: 1382
Iscritto il: 28 mag 2016, 12:14

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da Pescanoce »

Bbagghins ha scritto:
23 ago 2020, 17:46
Mantengo la motivazione per la vita attiva ma non quella per non mangiare schifezze... e infatti ingrasso 😔
Per curiosità, quali schifezze mangi, e in che quantità? Da solo o in compagnia?
runningmamy ha scritto:
24 ago 2020, 0:33
Pesca, io lascerei perdere gente che consiglia diete iperproteiche.... [-X
Io però vedo tanti che, almeno nelle prime settimane della loro dieta, non possono toccare pane o pasta o addirittura frutta, anche persone magre (che magari vogliono combattere la cellulite o per migliorare la salute). Forse per dare un booost metabolico . Però non siamo fatti solo di metabolismo, e anche solo tre settimane di privazioni totali dei cibi che amo ( che peraltro in sé non sono schifezze) possono essere troppo duro psicologicamente per me... e per altri, immagino.
But just because it burns, doesn't mean you're gonna die
You gotta get up and try, and try, and try
Avatar utente
Utente donatore
The Observer
Guru
Messaggi: 3987
Iscritto il: 26 mag 2015, 9:05
Località: Forse dovrei decidermi...

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da The Observer »

pesca, personalmente MAI mollato il pane, la pasta, o nulla. Questo è il mio peso (la linea è una specie di previsione statistica ma irrilevante per questo). La nutrizione moderna ha abbandonato la tecnica del "semaforo" (cibi buoni, cibi cattivi, cibi indifferenti) per entrare in una questione di "porzioni" giuste. Mi becco pure la mia porzione di frutta secca settimanale, pane e pasta tutti i giorni ma, è quello il punto, nella porzione giusta. Ormai sia per me che per la mia compagna è diventato quasi automatico usare porzioni ed alternare gli ingredienti. Per il resto faccio 5 pasti al giorno, cercando piuttosto di "prevenire" la fame invece di combatterla. Altro punto cruciale.

Al momento mi mancano 1.5 kg per rientrare formalmente nel normopeso (79.9999... kg). Se vuoi ti dico come faccio, ma niente di molto strano, solo seguire le linee guida CNR-CREA. Veramente sono la dimostrazione, e 61 anni, che seguendo le Linee Guida del CNR-CREA si può perdere peso senza rinunciare a nulla e senza mai avere fame. E no, non ho sentito nessun nutrizionista.

Immagine
Ultima modifica di The Observer il 25 ago 2020, 10:08, modificato 4 volte in totale.
“Great things are done when men and mountains meet" -- William Blake, circa 1793
Il mio DIARIO. Le mie corse su Strava
Bbagghins
Maratoneta
Messaggi: 340
Iscritto il: 30 nov 2019, 22:10

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da Bbagghins »

@Pescanoce a volte ho dei momenti di bulimia, vado principalmente di formaggi e dolci oppure carboidrati la sera, quando si accumulano... quantità industriali purtroppo, tipo che mi faccio una vaschetta di gelato intera o qualche etto di grana in meno di mezz'ora. E a volte invece della "o" ci metto una "e"... Purtroppo così è facile avvicinarsi alle 4000 kcal al giorno e mettere qualche chilo nonostante l'attività fisica
Avatar utente
Pescanoce
Ultramaratoneta
Messaggi: 1382
Iscritto il: 28 mag 2016, 12:14

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da Pescanoce »

@bbagghins, mio marito fa un po’ come te, si mangia tipo tre gelati di seguito magari dopo un pasto abbondante, così se io me ne mangio uno... mi sembra di essere stata comunque virtuosa.

Comunque mi chiedo come mai, in molti campi che riguardano medicina e fisiologia, ci siano differenze di approccio così marcate. Le linee guida che segnala observer sono un malloppone di 200 e passa pagine de catechizandis rudibus, immagino esistano anche in versione più dettagliata per nutrizionisti. Più volte ribadiscono :
• Evita le diete molto drastiche del tipo “fai da te”, quasi sempre squilibrate come apporto nutritivo (ad esempio, le diete monocibo e quelle pressoché totalmente a base di proteine) o esageratamente seve- re (a esempio quelle basate su sostituti dei pasti o su digiuni e semi-digiuni prolungati) che se seguite per periodi prolungati, possono essere dannose per la tua salute. Una buona dieta dimagrante deve sempre includere tutti gli alimenti in maniera quanto più possibile equilibrata.
Perché invece molti propongono esattamente il contrario?
Queste linee guida sono proposte da un comitato scientifico numerosissimo (tre pagine), non di ultimi arrivati... avranno avuto sottomano ben più di uno studio! Mah ... un fan delle proteiche e del complottismo potrebbe dire “eh ma in Italia mica puoi permetterti di dire di mangiare la pasta/il pane una volta la settimana se no BigPasta ti perseguita”...
But just because it burns, doesn't mean you're gonna die
You gotta get up and try, and try, and try
Bbagghins
Maratoneta
Messaggi: 340
Iscritto il: 30 nov 2019, 22:10

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da Bbagghins »

Boh, alla fine secondo me ognuno ha il suo metabolismo e la sua dieta adatta, che deve essere gestibile anche mentalmente per non avere controindicazioni e effetti di rimbalzo.
Avatar utente
Utente donatore
The Observer
Guru
Messaggi: 3987
Iscritto il: 26 mag 2015, 9:05
Località: Forse dovrei decidermi...

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da The Observer »

secondo quello che ho capito invece i principi di base sono pochi e comuni a tutti se li si adattano a diverse culture alimentari. Le Linee guida alla fine si riducono ad una tabella dii "porzioni" da vari gruppi di alimenti tra cui scegliere, variando il più possibile in ogni gruppo per assicurare il corretto apporto di tutti gli alimenti necessari. Poi a secondo della cultura locale si scelgono alimenti diversi. I giapponesi per esempio, che hanno un'ottima alimentazione in media, hanno ingredienti molto diversi (non usano olio extravergine di oliva), ma vivono a lungo e sono abbastanza più longilinei proprio perché il problema sono i gruppi di alimenti, non i singoli ingredienti. Queste Linee Guida possono essere riscritte per adattarsi alla cultura giapponese senza grandi cambiamenti.

E' vero invece che sotto il profilo psicologico la modalità di "attacco" del problema può cambiare, almeno per certi aspetti. Ho una certa mentalità e ho dovuto trovare il "mio" metodo, che è diverso da quello della mia compagna, per esempio. Ma entrambi usiamo la stessa tabella, adattata ai diversi fabbisogni calorici.

Comunque uno degli autori principali delle Linee Guida è raggiungibile in un forum (per qualche modo nascosto) del Corriere: http://forumcorriere.corriere.it/nutrizione/. Risponde sempre anche se piuttosto brevemente visto che è molto occupato... Se avete quesiti potete chiedere a lui gratuitamente.
“Great things are done when men and mountains meet" -- William Blake, circa 1793
Il mio DIARIO. Le mie corse su Strava
Avatar utente
Morgana70
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 660
Iscritto il: 5 ago 2015, 17:06
Località: Poirino

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da Morgana70 »

Buongiorno Pescanoce, ho letto ieri il tuo diario e mi piace il tuo stile. Sia di scrittura, sia di corsa. :D Quindi ho deciso che ti stalkero. :D
“The pain of running relieves the pain of living.” – Jacqueline Simon Gunn
Avatar utente
Pescanoce
Ultramaratoneta
Messaggi: 1382
Iscritto il: 28 mag 2016, 12:14

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da Pescanoce »

Tempo fa avevo visto un video di una conferenza di Bressanini che illustrava uno studio, piuttosto importante, che voleva dimostrare se faceva più dimagrire una dieta basata su più mediterranea o viceversa una dieta Basata su grassi e proteine. Alcune persone dimagriscono e restano stabili con l’una, altri con altre. Il problema è che non si è capito cosa rende qualcuno più adatto all’uno o all’altro regime.

Al di là di questo, ci sono poi casi particolari e conosciuti, come la sottoscritta: ingrasso sulla pancia e i dolci li dovrei vedere occasionalmente (questo tutti, ma io un po’ di più). Però ultimamente me ne sono fregata un po’ troppo... Visto il periodo, forse è stato il male minore e comune a molti.

Per quanto riguarda settembre, la super sfida per me sarà tenersi attiva ma senza diventare ossessionata. Del tipo che se decido di andare un venerdì, perché poi mi viene bene anche lavarmi i capelli e fare la lavatrice e tutto si incastra alla perfezione, e poi quel venerdì piove, non me la devo prendere come invece mi capita perché il mio programma perfetto è andato a rotoli.

Nel frattempo, la piccola Quando mi vede preparare l sera l’abbigliamento per la mattina, mi dice che la mattina vuole venire a correre pure lei!
But just because it burns, doesn't mean you're gonna die
You gotta get up and try, and try, and try
Avatar utente
Morgana70
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 660
Iscritto il: 5 ago 2015, 17:06
Località: Poirino

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da Morgana70 »

Pescanoce ha scritto:
27 ago 2020, 14:21
Nel frattempo, la piccola Quando mi vede preparare l sera l’abbigliamento per la mattina, mi dice che la mattina vuole venire a correre pure lei!
Per un attimo mi sono chiesta che strano nome avesse tua figlia. :mrgreen:
La mia, la più grande, anni 15 compiuti, ogni pomeriggio mi dice "domani vengo anch'io". Poi la sera "no, dai, domattina dormo". La vedo bene quando riprende volley. [-X
“The pain of running relieves the pain of living.” – Jacqueline Simon Gunn
Avatar utente
Pescanoce
Ultramaratoneta
Messaggi: 1382
Iscritto il: 28 mag 2016, 12:14

Re: [DIARIO] che fatica alzarsi dal divano!

Messaggio da Pescanoce »

Per quanto riguarda settembre, la super sfida per me sarà tenersi attiva ma senza diventare ossessionata. Del tipo che se decido di andare un venerdì, perché poi mi viene bene anche lavarmi i capelli e fare la lavatrice e tutto si incastra alla perfezione, e poi quel venerdì piove, non me la devo prendere come invece mi capita perché il mio programma perfetto è andato a rotoli.
Guarda un po’, proprio quello che mi è capitato ieri. Me la sono tirata, come si dice. Ci tenevo tanto a unirmi al gruppo di corsa delle 6 del mattino, specialmente perché si festeggiava il compleanno dell’iniziativa, invece caldazza schifosa di notte, quando non mi svegliavo io si svegliavano o la bimba o il gatto che svegliavano comunque me, insomma dormito niente e e il poco che ho dormito ho fatto incubi. Non me la sono sentita di uscire, e questo mi ha messo cattivo umore e brutti pensieri su tutto. Avete presente quando fate colazione con latte e disgusto per se stessi? Mi sento spesso un passo indietro rispetto a chi mi ci circonda, specialmente chi mi sta vicino.
Comunque, dopo un po’ è passata. La notte è stata clemente e stamattina sono riuscita a fare un’uscita panoramica
Immagine

Immagine

Immagine
But just because it burns, doesn't mean you're gonna die
You gotta get up and try, and try, and try

Torna a “Storie di corsa”