180 Passi al minuti e dolore ai piedi

Discussioni sui vari tipi di appoggio e stile di corsa

Moderatori: F-lu, grantuking, Hystrix

Dinu
Novellino
Messaggi: 6
Iscritto il: 30 ott 2016, 14:04

180 Passi al minuti e dolore ai piedi

Messaggio da Dinu »

Ciao a tutti, sono nuovo della corsa e dello sport in genera e solitamente ho una frequenza di passi di circa 164 bpm.
Volendo rivedere la mia tecnica di corsa ho provato un paio di volte a correre ai famosi 180 bpm riducendo l'ampiezza del passo per circa una decina di minuti ma entrambe le volte il giorno dopo avevo i piedi doloranti.
Il dolore è lungo tutta la pianta del piede e non è costante, va e viene in diversi punti e mi dura circa una settimana, poi scompare e se provo a correre come faccio solitamente non mi viene più fuori.
A qualcuno è mai capitata un'esperienza simile? Secondo voi sono dolori di adattamento? Io per paura di procurarmi una fascite plantare mi sono sempre fermato fino a quando il dolore non scompariva del tutto.
Grazie.
Avatar utente
Utente donatore
franchino
Moderatore
Messaggi: 9189
Iscritto il: 14 gen 2008, 11:36
Località: Turin

Re: 180 Passi al minuti e dolore ai piedi

Messaggio da franchino »

non prendiamo la storia della cadenza come oro colato, a maggior ragione se ci si è avvicinati da poco alla corsa. Corri normalmente facendo abituare il tuo fisico alla nuova attività, con la velocità migliorerà parzialmente la cadenza. dopodichè se vorrai lavorare per aumentarla ancora dovrai intervenire con lavori di tecnica di corsa e forza, concentrarsi a correre a 180 pam dal nulla sarebbe controproducente come hai potuto sperimentare
RUNNINGFORUM VIVE GRAZIE A TE! Fai correre anche tu il maialino, :pig: scopri qui come: www.runningforum.it/viewtopic.php?f=102&t=46765!

www.strava.com/athletes/franco_chiera
Avatar utente
ale_tuz
Mezzofondista
Messaggi: 88
Iscritto il: 10 apr 2013, 15:34
Località: Berlino

Re: 180 Passi al minuti e dolore ai piedi

Messaggio da ale_tuz »

Concordo con franchino e vorrei ricordare che la frequenza è legata in modo indissolubile alla velocità. La relazione non è sempre lineare, ecco un esempio (dati reali): l'atleta "X", che corre i 10 km a 3'20"/km (18 km/h), tra i 7 e gli 11 km/h ha una cadenza di 164 pam. Dai 12 km/h in su, la cadenza aumenta quasi linearmente fino ad arrivare a 176 pam a 18 km/h. Chi corre i lenti sforzandosi di tenere 180 pam dovrebbe, quindi, andare oltre i 190-195 pam in gare lunghe e oltre i 200 in gare corte. Ovviamente questo non accade, semplicemente perché il corpo umano si sistema sempre nella condizione che ritiene ottimale (la scienza non ha ancora veramente scoperto cosa sia questo "ottimo").

Non stressarti troppo Dinu! :-)
Avatar utente
Utente donatore
The Observer
Guru
Messaggi: 3704
Iscritto il: 26 mag 2015, 9:05
Località: Forse dovrei decidermi...

Re: 180 Passi al minuti e dolore ai piedi

Messaggio da The Observer »

Dinu, è interessante che non hai indicato la tua velocità...

In realtà, come dimostrano i dati empirici di ale, credo che al di là di tutto la "geometria" delle gambe debba necessariamente influire sulla "lunghezza" del passo. Il ritmo viene di conseguenza. Quindi per chi non è molto veloce ed è mediamente alto, come me, è inutile pensare a 180 bpm. Significherebbe fare un passo assurdamente corto, che imporrebbe una postura innaturale sia durante la fase di volo che in quella di atterraggio, portando ad una fase di appoggio e di distacco piuttosto innaturale, e quindi faticosa.

Forse c'è proprio questo fenomeno all'origine del dolore che provi.
“Great things are done when men and mountains meet" -- William Blake, circa 1793
Il mio DIARIO. Le mie corse su Strava
Dinu
Novellino
Messaggi: 6
Iscritto il: 30 ott 2016, 14:04

Re: 180 Passi al minuti e dolore ai piedi

Messaggio da Dinu »

Ciao a tutti! La velocità era di circa 5:30 al km mentre io sono alto solo 1.70. Probabilmente l'aumento degli appoggi uniti ai miei piedi deboli, perché mai allenati coi i vari esercizi di rafforzamento, hanno stressato la fascia plantare che non era pronta per sostenerli. Ho notato una cosa però: con scarpe A3 alte circa 13 mm ho una frequenza di circa 164 bpm mentre a parità di velocità con scarpe minimali drop 0 alte 5 mm la cadenza passa da sola a 173 bpm. Comunque sono proprio un idiota dell'attività fisica.... È dal 4 dicembre che ho provato sti 180 bpm per 4 uscite da 20 minuti e alla fine della 4°a mi sono demolito. Adesso dopo quasi 4 mesi sto molto meglio ma ancora sento che i piedi non sono completamente a posto.
Avatar utente
Utente donatore
The Observer
Guru
Messaggi: 3704
Iscritto il: 26 mag 2015, 9:05
Località: Forse dovrei decidermi...

Re: 180 Passi al minuti e dolore ai piedi

Messaggio da The Observer »

guarda ci sono passato pure io per questa sciocchezza (e tante altre). Quanto tempo è che corri? Puoi dirmi l'età?

Te lo chiedo perché una cosa che ho notato è che l'adattamento del fisico alla corsa richiede ANNI. Nel mio caso (58 anni), cominciato a correre intorno al 2005, ho smesso di soffrire di grossi problemi (dolori, DOMS, incidenti alle articolazioni, strappi, etc.) solo intorno al 2014 (quando, tra le altre cose, ho SMESSO di fare stretching alla fine).
“Great things are done when men and mountains meet" -- William Blake, circa 1793
Il mio DIARIO. Le mie corse su Strava
Dinu
Novellino
Messaggi: 6
Iscritto il: 30 ott 2016, 14:04

Re: 180 Passi al minuti e dolore ai piedi

Messaggio da Dinu »

Ciao, ho 28 anni e non ho mai fatto sport in vita mia.
Come peso rispetto all'altezza sono nella norma, 1.70x58 Kg.
Prima di farmi male correvo da 6 mesi 4-5 volte a settimana per un totale di circa 40 Km, ma senza mai forzare, ero arrivato a fare solo 10 Km proprio per non esagerare.
Ma lì il problema è tutto nella mia ignoranza, non avrei mai lontanamente immaginato che tenere una certa frequenza di passi per qualche uscita potesse provocarmi questo, vabbè, tutta esperienza per il futuro.
Avatar utente
Utente donatore
The Observer
Guru
Messaggi: 3704
Iscritto il: 26 mag 2015, 9:05
Località: Forse dovrei decidermi...

Re: 180 Passi al minuti e dolore ai piedi

Messaggio da The Observer »

ripeto Dinu: la tua ignoranza è quella di chiunque. E te lo dice uno che non è certo un gran corridore, ma qualcosa ha letto, eppure continua a imparare letteralmente ogni giorno sulla propria pelle.

Da quello che ho capito si impara leggendo e discutendo, ma anche per "trial and error", sperando di non sfasciarsi strada facendo. Comunque: (tua età + 1) * 2 = (mia età)... ;) e questo sicuramente ti aiuta. Sei pure normopeso, quindi...
“Great things are done when men and mountains meet" -- William Blake, circa 1793
Il mio DIARIO. Le mie corse su Strava
Avatar utente
laudo
Ultramaratoneta
Messaggi: 1058
Iscritto il: 14 gen 2015, 13:42
Località: Dello (BS)

Re: 180 Passi al minuti e dolore ai piedi

Messaggio da laudo »

Riprendo questa discussione riguardo ai passi al minuto.
Ho notato e penso sia una cosa normale che aumento il numero dei passi quando comincio ad essere stanco, da un periodo a questa parte sto usando delle scarpe di un altra marca e vedo che gia in partenza i passi sono tanti come quando sono stanco, l'altro giorno ho tirato fuori dalla scarpiera le mie amate scarpe quasi alla frutta e alla fine dei 10 km non ho mai raggiunto una volta i 180 passi finendo la corsa più riposato di quando la faccio con le altre che li supero.
Secondo voi i modelli di scarpe diversi possono influire su questi dati?
21,4 km 1:24:47" 21/10/18 (Cremona Half Marathon ) Asteria
10,0 km 37'59" 10/03/2019 (Bam Brescia) Asteria
30,01 km 2:23'58" 02/07/2016 (allenamento) Launch 2
5,00 km 19'50" 01/10/2017 (Decathlon) Asteria
Avatar utente
Utente donatore
franchino
Moderatore
Messaggi: 9189
Iscritto il: 14 gen 2008, 11:36
Località: Turin

Re: 180 Passi al minuti e dolore ai piedi

Messaggio da franchino »

Mah, difficile a dirsi. Faccio fatica credere che una scarpa influisca sulla cadenza di corsa in modo marcato. Certo una scarpa leggera minimale ti fa lavorare meccanicamente diversamente rispetto ad esempio a una A3 magari con drop 8 o 10. L'aumento dei passi alla fine può essere sinonimo di un decadimento della forza: sei più stanco quindi a ogni passo applichi meno forza
RUNNINGFORUM VIVE GRAZIE A TE! Fai correre anche tu il maialino, :pig: scopri qui come: www.runningforum.it/viewtopic.php?f=102&t=46765!

www.strava.com/athletes/franco_chiera

Torna a “Biomeccanica”