Piedi piatti e pronazione

Discussioni sui vari tipi di appoggio e stile di corsa.

Moderatori: F-lu, elisa udine

patton82
Novellino
Messaggi: 32
Iscritto il: 15 ott 2013, 1:36

Piedi piatti e pronazione

Messaggio da patton82 » 15 feb 2018, 11:37

Salve a tutti,
ho entrambi i piedi completamente piatti da sempre, il test statico sul bagnato evidenza il cedimento dell'arco plantare verso l'interno come tutti i piedi piatti, si vede bene anche dalla foto delle caviglie.

Per correre uso scarpe antipronazione da diversi anni, sono passato però dalle Asics Kayano 19 e 21, a delle meno strutturate Mizuno Inspire 12 prima e 13 poi.
Allego foto di due scarpe dismesse: Kayano (450km percorsi) e Mizuno Inspire 12 (620km percorsi), le attuali inspire 13 hanno 300km e sembra si stiano usurando alla stessa maniera delle 12.



Avendo quasi raddoppiato il chilometraggio mensile e soprattutto i lunghi oltre i 15km, stavo valutando di tornare a scarpe più strutturate, ma a guardando l'usura delle suole sembro non essere più pronatore, almeno nella corsa.
Corro su medie di 4.30-4.40 min/km sui 10km, sono 185cm per 80kg.

Voi come valutate valutate l'usura delle scarpe e quindi l'appoggio?

Grazie

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
Avatar utente
salamandra
Ultramaratoneta
Messaggi: 1489
Iscritto il: 10 apr 2011, 0:57

Re: Piedi piatti e pronazione

Messaggio da salamandra » 1 mar 2018, 19:04

di piu il sinistro..
un consiglio.. ortopedico e plantare..il,piede piatto pronato e' cosa seria e prima intervieni meglio e' :asd2:
Avatar utente
gomitolo
Novellino
Messaggi: 32
Iscritto il: 22 apr 2012, 13:38

Re: Piedi piatti e pronazione

Messaggio da gomitolo » 5 mar 2018, 10:17

ti consiglio un buon terapista del piede, evita se puoi i plantari e piuttosto rafforza l'arco plantare con degli esercizi specifici.
Un plantare andrà ad indebolire ulteriormente l'arco e nel giro di pochi anni potresti avere altri problemi, se invece rinforzi il piede con sedute specifiche ti ritrovi poi un piede più funzionale.
Ricordati che le scarpe antipronazione evitano alla scarpa di pronare verso l'interno ma non al piede di pronare dentro le scarpe...non so se mi sono spiegato.
lablinux
Novellino
Messaggi: 6
Iscritto il: 27 feb 2018, 17:29

Re: Piedi piatti e pronazione

Messaggio da lablinux » 5 mar 2018, 12:51

io da ultrapronatore (non sono un fan scatenato :D ) ho i plantari, consigliati dall'ortopedico.
Mi hanno risolto problemi a caviglie e anche.
Però devo dire che gomitolo non è il primo che sento dire di evitare i plantari per lunghi periodi (io sono 'solo' tre anni che li uso).

PS posso far "publicità" a solette che mi hanno risolto altri problemi? Lo dico tra parentesi perché non sono un rivenditore e non me ne viene in tasca nulla.
Avatar utente
gian_dil
Moderatore
Utente donatore
Messaggi: 5304
Iscritto il: 10 mag 2012, 14:37
Località: Milano Est

Re: Piedi piatti e pronazione

Messaggio da gian_dil » 5 mar 2018, 13:10

via MP puoi dire cosa vuoi a chi vuoi....qui meglio di no
Avatar utente
gomitolo
Novellino
Messaggi: 32
Iscritto il: 22 apr 2012, 13:38

Re: Piedi piatti e pronazione

Messaggio da gomitolo » 6 mar 2018, 10:16

lablinux ha scritto:io da ultrapronatore (non sono un fan scatenato :D ) ho i plantari, consigliati dall'ortopedico.
Mi hanno risolto problemi a caviglie e anche.
Però devo dire che gomitolo non è il primo che sento dire di evitare i plantari per lunghi periodi (io sono 'solo' tre anni che li uso).

PS posso far "publicità" a solette che mi hanno risolto altri problemi? Lo dico tra parentesi perché non sono un rivenditore e non me ne viene in tasca nulla.
il concetto del plantare è molto soggettivo e i medici spesso lo consigliano non sapendo neanche di cosa stanno parlando.
Il percorso più breve è mettere un plantare e vedere come va (via medica che tende a curare il sintomo piuttosto che la malattia),invece perdere tempo a fare esercizi per rinforzare l'arco è una cosa che fanno e consigliano in pochi, anche perchè tutti vogliono risolvere il problema il più velocemente possibile e chissenefrega delle conseguenze. (es. quelli che si fanno le gare prendendo un OKI per il dolore)
A te la scelta....troverai migliaia di articoli sul rinforzo dell'arco plantare, buttaci un occhio e decidi :beer:
patton82
Novellino
Messaggi: 32
Iscritto il: 15 ott 2013, 1:36

Re: Piedi piatti e pronazione

Messaggio da patton82 » 8 mar 2018, 17:33

Ok grazie per le dritte. Non ho mai pensato a un plantare perché non ho mai sofferto di problemi a caviglie e ginocchia, non per più di qualche giorno almeno. Cercherò qualche esercizio sul rinforzo dell'arco plantare. Per quanto riguarda le scarpe con supporto antipronazione, mi consigliate di restare su questa tipologia di scarpe o provare delle neutre?
Avatar utente
gomitolo
Novellino
Messaggi: 32
Iscritto il: 22 apr 2012, 13:38

Re: Piedi piatti e pronazione

Messaggio da gomitolo » 9 mar 2018, 8:06

patton82 ha scritto:Ok grazie per le dritte. Non ho mai pensato a un plantare perché non ho mai sofferto di problemi a caviglie e ginocchia, non per più di qualche giorno almeno. Cercherò qualche esercizio sul rinforzo dell'arco plantare. Per quanto riguarda le scarpe con supporto antipronazione, mi consigliate di restare su questa tipologia di scarpe o provare delle neutre?
Esercizi ne trovi centinaia:

https://www.youtube.com/results?search_ ... +exercises

per le scarpe dipende da te come ti trovi, io sarei per usare sempre scarpe neutre, perhè tanto le altre hanno solo un rinforzo mediale che non le fa crollare strutturalmente ma non ti corregge il problema, un po come curare il sintomo e non la malattia.
Avatar utente
danezk
Novellino
Messaggi: 36
Iscritto il: 11 dic 2015, 11:01
Località: TV

Re: Piedi piatti e pronazione

Messaggio da danezk » 5 set 2018, 13:38

se posso dire la mia, da modesta pronatrice: ho un modesto piattismo dlela volta plantare (in pratica, archi molto bassi ma che compensano da soli), e però tendo a pronare evidentememnte solo a sinistra. Con lo studio in dinamica (ho rotto le balls al mondo e ho investito molto tempo e soldi per capire), ho potuto appurare che almeno nel mio caso, la differenza la fa la velocità e la tecnica. Ovvero, entro i 10 km o poco più, distanze su cui riesco a tenere velocità abbastanza elevate per me (diciamo 4.30 o poco meno), non prono. Se inizio ad andare più lenta o a percorrere distanze maggiori, prono. E mi si infiammano puntualmente i muscoli stabilizzatori dell'anca corispondente. Purtroppo, non sono in grado di correre lunghe distanze ad alte velocità, per cui mi organizzo con scarpe un po' più strutturate per i lunghi, e scarpe quasi neutre o neutre per le brevi distanze. E funziona. Invece due anni fa mi ero fatta fare dei costosissimi plantari personalizzati da sport: un disastro...Infiammate le anche, sensazioni pessime di piede ingessato. Improponibile.
A Patton82 posso confermare che i pronatori tendono a consumare proprio la parte esterna delle calzature: perchè l'iperpronazione si verifica in "uscita", ovvero dopo che si è inizialmente appoggiata la porzione esterna del piede.
Avatar utente
gomitolo
Novellino
Messaggi: 32
Iscritto il: 22 apr 2012, 13:38

Re: Piedi piatti e pronazione

Messaggio da gomitolo » 13 set 2018, 11:27

@danezk
in inverno dovresti lavorare a secco per potenziare tutti i muscoli delle gambe, vedrai che poi riesci a fare anche distanze più lunghe.
Rispondi

Torna a “Biomeccanica”