Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Discussioni e domande sugli infortuni e sui metodi per superarli.

Moderatori: F-lu, gian_dil, elisa udine

Avatar utente
maarco72
Top Runner
Messaggi: 7761
Iscritto il: 5 gen 2013, 10:59
Località: rho(mi)

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggioda maarco72 » 8 ott 2017, 16:52

@mentorex...stesso mio problema..ma sai che io soffro do meno con scarpe a drop basso???
Ho tagliato anch'io le scarpe così anni fa..dovrei trovare un.bravo calzolaio..
:beer: :beer: :batman:

Andrea1969
Maratoneta
Messaggi: 350
Iscritto il: 6 apr 2009, 12:07

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggioda Andrea1969 » 14 ott 2017, 11:04

mentorex ha scritto:Salve, mi presento anche se sono iscritto da tempo in questo forum.
Io soffro di questo patologia (Haglund) da circa 10 anni. Con questo problema ho fatto varie maratone e mezze, con discreti risultati.
A novembre mi opererò, non tanto per il dolore in se, che ormai mi sono abituato a sopportare, con l'aiuto del rialzo sotto il tallone e la scarpa tagliata in corrispondenza del tallone (vedete foto), ma per la postura che assumo durante la giornata nello svolgere le normali attività. A lungo andare si compromette il bacino, le anche, le ginocchia, la schiena e via dicendo.
In foto vi mostro come taglio tutte le mie scarpe da corsa, da 10 anni a questa parte. Consiglio di farlo a tutti. Comunque si evita l'azione abrasiva che inevitabilmente la scarpa esercita sul calcagno favorendo l'infiammazione quindi la borsite e quindi il dolore intenso. In aggiunta vi dico che utilizzo i rialzi sotto il tallone con tutte le scarpe, siano esse quelle da corsa che quelle normali. Li ho inseriti anche nelle pantofole da casa.
Ora domando a qualcuno di voi, in particolare a chi si è già fatto l'intervento, se avete comprato la scarpa postoperatoria, per intenderci quella senza tacco da indossare per qualche giorno (vedete foto). Se c'è qualcuno che può prestarmela gliene sarei grato e riconoscente. Chiaramente gliela restituirei.
Io indosso il numero 42,5 e mi trovo in provincia di Latina. Sono disposto anche a pagare le spese di spedizione se qualcuno da lontano volesse aiutarmi :hail: Grazie


Immagine

Immagine


Anche a me il chirurgo aveva prescritto la scarpa operatoria, ma poi vedendo questa ha esclamato che era perfetta lo stesso :D
Basta solo non vergognarsi ad andarci in giro (che per me è l'ultimo dei problemi).

Immagine

Avatar utente
dolomite.1970
Maratoneta
Messaggi: 268
Iscritto il: 8 giu 2017, 16:30

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggioda dolomite.1970 » 17 ott 2017, 16:37

Ciao a tutti, avete dei consigli prima e durante la maratona per alleviare questo problema? Qualcosa di efficace?
Domenica ho la venice marathon e mi è tornata l'infiammazione sul punto di Haglund... cazzarola nei 3 mesi di allenamento e carico, nulla, con l'ultimo lunghissimo di 32 km mi è tornato il fastidio/dolore/pizzicolio sul piede sinistro.... grazie
PB Maratona 4h6'38" 22.10.2017 Venezia
PB 30 km 2h47'5" 22.10.2017 Venezia
PB 21.1 km 1h47'53" 12.11.2017 Move It Riva del Garda

Avatar utente
mentorex
Maratoneta
Messaggi: 356
Iscritto il: 14 dic 2010, 9:21

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggioda mentorex » 23 ott 2017, 23:10

anto64 ha scritto:Salve, usi qualche procedura o strumento particolare per il taglio?

Le taglio con un seghetto, quelli piccoli da hobby per la falegnameria
Personal Record
- 10km-34'
- 21,097km-1h15'
- 42,195km-2h44' (Parigi-Venezia), ho fatto 21 maratone tutte sotto le 3 ore
- 50 km-3h28' (50 km di Romagna), 4h08' (Pistoia-Abetone)
- 60km-4h34' (60km del Trasimeno)
- 100km-9h14' (100km del Passatore)

Avatar utente
mentorex
Maratoneta
Messaggi: 356
Iscritto il: 14 dic 2010, 9:21

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggioda mentorex » 23 ott 2017, 23:14

Andrea1969 ha scritto:
mentorex ha scritto:Salve, mi presento anche se sono iscritto da tempo in questo forum.
Io soffro di questo patologia (Haglund) da circa 10 anni. Con questo problema ho fatto varie maratone e mezze, con discreti risultati.
A novembre mi opererò, non tanto per il dolore in se, che ormai mi sono abituato a sopportare, con l'aiuto del rialzo sotto il tallone e la scarpa tagliata in corrispondenza del tallone (vedete foto), ma per la postura che assumo durante la giornata nello svolgere le normali attività. A lungo andare si compromette il bacino, le anche, le ginocchia, la schiena e via dicendo.
In foto vi mostro come taglio tutte le mie scarpe da corsa, da 10 anni a questa parte. Consiglio di farlo a tutti. Comunque si evita l'azione abrasiva che inevitabilmente la scarpa esercita sul calcagno favorendo l'infiammazione quindi la borsite e quindi il dolore intenso. In aggiunta vi dico che utilizzo i rialzi sotto il tallone con tutte le scarpe, siano esse quelle da corsa che quelle normali. Li ho inseriti anche nelle pantofole da casa.
Ora domando a qualcuno di voi, in particolare a chi si è già fatto l'intervento, se avete comprato la scarpa postoperatoria, per intenderci quella senza tacco da indossare per qualche giorno (vedete foto). Se c'è qualcuno che può prestarmela gliene sarei grato e riconoscente. Chiaramente gliela restituirei.
Io indosso il numero 42,5 e mi trovo in provincia di Latina. Sono disposto anche a pagare le spese di spedizione se qualcuno da lontano volesse aiutarmi :hail: Grazie


Immagine

Immagine


Anche a me il chirurgo aveva prescritto la scarpa operatoria, ma poi vedendo questa ha esclamato che era perfetta lo stesso :D
Basta solo non vergognarsi ad andarci in giro (che per me è l'ultimo dei problemi).

Immagine
Grazie per il consiglio, provo a farlo presente al mio chirurgo e vediamo che dice. Spero mi dica che va bene così nn butto i soldi per una scarpa da usare per 5/6 giorni
Personal Record
- 10km-34'
- 21,097km-1h15'
- 42,195km-2h44' (Parigi-Venezia), ho fatto 21 maratone tutte sotto le 3 ore
- 50 km-3h28' (50 km di Romagna), 4h08' (Pistoia-Abetone)
- 60km-4h34' (60km del Trasimeno)
- 100km-9h14' (100km del Passatore)

Avatar utente
mentorex
Maratoneta
Messaggi: 356
Iscritto il: 14 dic 2010, 9:21

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggioda mentorex » 23 ott 2017, 23:14

Andrea1969 ha scritto:
mentorex ha scritto:Salve, mi presento anche se sono iscritto da tempo in questo forum.
Io soffro di questo patologia (Haglund) da circa 10 anni. Con questo problema ho fatto varie maratone e mezze, con discreti risultati.
A novembre mi opererò, non tanto per il dolore in se, che ormai mi sono abituato a sopportare, con l'aiuto del rialzo sotto il tallone e la scarpa tagliata in corrispondenza del tallone (vedete foto), ma per la postura che assumo durante la giornata nello svolgere le normali attività. A lungo andare si compromette il bacino, le anche, le ginocchia, la schiena e via dicendo.
In foto vi mostro come taglio tutte le mie scarpe da corsa, da 10 anni a questa parte. Consiglio di farlo a tutti. Comunque si evita l'azione abrasiva che inevitabilmente la scarpa esercita sul calcagno favorendo l'infiammazione quindi la borsite e quindi il dolore intenso. In aggiunta vi dico che utilizzo i rialzi sotto il tallone con tutte le scarpe, siano esse quelle da corsa che quelle normali. Li ho inseriti anche nelle pantofole da casa.
Ora domando a qualcuno di voi, in particolare a chi si è già fatto l'intervento, se avete comprato la scarpa postoperatoria, per intenderci quella senza tacco da indossare per qualche giorno (vedete foto). Se c'è qualcuno che può prestarmela gliene sarei grato e riconoscente. Chiaramente gliela restituirei.
Io indosso il numero 42,5 e mi trovo in provincia di Latina. Sono disposto anche a pagare le spese di spedizione se qualcuno da lontano volesse aiutarmi :hail: Grazie


Immagine

Immagine


Anche a me il chirurgo aveva prescritto la scarpa operatoria, ma poi vedendo questa ha esclamato che era perfetta lo stesso :D
Basta solo non vergognarsi ad andarci in giro (che per me è l'ultimo dei problemi).

Immagine
Grazie per il consiglio, provo a farlo presente al mio chirurgo e vediamo che dice. Spero mi dica che va bene così nn butto i soldi per una scarpa da usare per 5/6 giorni
Personal Record
- 10km-34'
- 21,097km-1h15'
- 42,195km-2h44' (Parigi-Venezia), ho fatto 21 maratone tutte sotto le 3 ore
- 50 km-3h28' (50 km di Romagna), 4h08' (Pistoia-Abetone)
- 60km-4h34' (60km del Trasimeno)
- 100km-9h14' (100km del Passatore)

Avatar utente
mentorex
Maratoneta
Messaggi: 356
Iscritto il: 14 dic 2010, 9:21

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggioda mentorex » 23 ott 2017, 23:18

dolomite.1970 ha scritto:Ciao a tutti, avete dei consigli prima e durante la maratona per alleviare questo problema? Qualcosa di efficace?
Domenica ho la venice marathon e mi è tornata l'infiammazione sul punto di Haglund... cazzarola nei 3 mesi di allenamento e carico, nulla, con l'ultimo lunghissimo di 32 km mi è tornato il fastidio/dolore/pizzicolio sul piede sinistro.... grazie
Ormai avrai corso la maratona, spero per te sia andata bene.
Personal Record
- 10km-34'
- 21,097km-1h15'
- 42,195km-2h44' (Parigi-Venezia), ho fatto 21 maratone tutte sotto le 3 ore
- 50 km-3h28' (50 km di Romagna), 4h08' (Pistoia-Abetone)
- 60km-4h34' (60km del Trasimeno)
- 100km-9h14' (100km del Passatore)

Avatar utente
dolomite.1970
Maratoneta
Messaggi: 268
Iscritto il: 8 giu 2017, 16:30

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggioda dolomite.1970 » 24 ott 2017, 19:11

Ciao, si finita per fortuna... anche se mi ha condizionato il dolore dal 30 km ed ho preso un OKI TASK... comunque bellissima Venezia!
Ormai lo so però, Il problema mi si ripresenterà di nuovo quando caricherò i km totali.... per la prossima maratona... non si scappa!
PB Maratona 4h6'38" 22.10.2017 Venezia
PB 30 km 2h47'5" 22.10.2017 Venezia
PB 21.1 km 1h47'53" 12.11.2017 Move It Riva del Garda

Avatar utente
mentorex
Maratoneta
Messaggi: 356
Iscritto il: 14 dic 2010, 9:21

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggioda mentorex » 25 ott 2017, 0:21

dolomite.1970 ha scritto:Ciao, si finita per fortuna... anche se mi ha condizionato il dolore dal 30 km ed ho preso un OKI TASK... comunque bellissima Venezia!
Ormai lo so però, Il problema mi si ripresenterà di nuovo quando caricherò i km totali.... per la prossima maratona... non si scappa!

Complimenti. Io per evitare di prendere farmaci ho smesso di gareggiare dal 2010 (maratona di Firenze 2ore48min) e evito le lunghe distanze. Superati i 20km, infatti, il dolore comincia a essere davvero fastidioso tanto che nn so più come poggiare il piede. Spero di tornare a correre come prima dopo l'intervento. Ormai sono in dirittura di arrivo. Entro novembre dovrei operarmi.
Personal Record
- 10km-34'
- 21,097km-1h15'
- 42,195km-2h44' (Parigi-Venezia), ho fatto 21 maratone tutte sotto le 3 ore
- 50 km-3h28' (50 km di Romagna), 4h08' (Pistoia-Abetone)
- 60km-4h34' (60km del Trasimeno)
- 100km-9h14' (100km del Passatore)

Andrea1969
Maratoneta
Messaggi: 350
Iscritto il: 6 apr 2009, 12:07

Re: Sindrome di Haglund (causa di tendinite insopportabile)

Messaggioda Andrea1969 » 5 nov 2017, 22:27

mentorex ha scritto:
dolomite.1970 ha scritto:Ciao, si finita per fortuna... anche se mi ha condizionato il dolore dal 30 km ed ho preso un OKI TASK... comunque bellissima Venezia!
Ormai lo so però, Il problema mi si ripresenterà di nuovo quando caricherò i km totali.... per la prossima maratona... non si scappa!

Complimenti. Io per evitare di prendere farmaci ho smesso di gareggiare dal 2010 (maratona di Firenze 2ore48min) e evito le lunghe distanze. Superati i 20km, infatti, il dolore comincia a essere davvero fastidioso tanto che nn so più come poggiare il piede. Spero di tornare a correre come prima dopo l'intervento. Ormai sono in dirittura di arrivo. Entro novembre dovrei operarmi.


Beati voi che siete arrivati all'intervento potendo ancora correre addirittura per 20 km. prima che il dolore "cominci" ad essere semplicemente fastidioso.

Io ci sono arrivato invece con un dolore che rendeva già spesso insopportabile persino camminare (specie appena alzato o dopo parecchio tempo seduto): in altri termini ero zoppo, altro che correre, e men che meno 20 km. !

Dirò di più : addirittura oggi, DOPO l'intervento e a distanza di oltre un anno, ecco, riesco a correre tutt'al più per 15 km. (forse potrei arrivare a 20, non ci ho ancora provato) prima però di restare almeno 12-24 ore claudicante, a meno di nno rallentare notevolmente il ritmo di almeno un minuto a km. Il che significa non provarci più di una volta alla settimana (prima correvo anche 5-6 volte).
Insomma, mi sono operato solo per arrivare - DOPO - a stare come stai tu PRIMA di farlo....

E tuttora mi sto rosolando per decidere se e quanto farlo all'altro piede, perché l'operazione al primo ha significato praticamente strisciare per sei mesi e sopravvivere per altri sei, insomma un anno di vita buttato.
Anche perché nel frattempo ho giocoforza anche ridimensionato molto l'importanza...mi servirebbe più che altro solo per mantenere il fiato necessario ad altre attività, che a un certo punto mi era letteralmente sparito !

E' evidente che anche la stessa malattia non colpisce tutti allo stesso modo, anzi...


Torna a “Infortuni e terapie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti