ematuria da sforzo

Discussioni e domande sugli infortuni e sui metodi per superarli

Moderatori: F-lu, grantuking, Hystrix, gian_dil

Avatar utente
gaetano_63
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 704
Iscritto il: 26 ott 2011, 21:46

Re: ematuria da sforzo

Messaggio da gaetano_63 »

Leggo solo ora,
premetto che non sono medico per cui i miei sono solo consigli, la parola spetta al medico, anche se, a mio parere, bisogna stare attenti in quanto non tutti i medici sono superaggiornati sulle vicende di noi runner perche ' abituati ad avere a che fare persone "normali!" ( anche se a mio parere anormali sono quelli che hanno una vita sedentaria) ;) Io cmq ho ascoltato il mio medico curante e tre urologi (poi ne ho seguito uno solo per non creare confusione, anche se erano tutti piu' o meno d'accordo))

L'ematuria puo' essere micro o macro, nel primo caso non si riscontra ad occhio nudo ma solo con analisi delle urine; questa e' la ragione per cui benche' il fenomeno non sia cosi' raro pochi se ne accorgono !

I medici che hanno avuto a che fare con la vita militare sono alquanto informati su questo fenomeno a causa dell'alto numero di episodi riscontrati dopo lunghe marce. Nella vita dei presunti normali e' difficile che si riscontrino casi del genere: se lo sforzo piu' grande consiste nell'aprire la porta dell'ascensore...! :)

A me il fenomeno (pipi' colcor cocacola) e' apparso alla prima minzione dopo l'allenamento e gia' dopo pochi minuti ad una seconda minzione era sparito.
Le cose da fare dovrebbero essere:

1 - analisi delle urine con urinocoltura e analisi del sangue con psp ( parlo per i maschietti naturalmente).

2 - L'ematuria da sforzo sparisce con il riposo per cui dopo circa 15 giorni di riposo andrebbero rifatte le analisi delle urine per riscontrare eventuali presenza di globuli rossi. Alcuni urologi, nel caso le seconde analisi siano negative, prevedono per sicurezza ecografia prostata e reni, altri invece la ritengono inutile e prevedono una flussometria)
Le cause possono chiaramente essere anche altre, come cistiti o prostatiti (con la corsa la prostata infiammata "sbatte" per cui vien fuori pipi' coca-cola) per cui il fenomeno sarebbe legato indirettamente alla corsa.

I miei consigli: andare da uno specialista, non leggere info in rete ( si rischia di farsi venire un infarto e credere di avere pochi giorni di vita), stare calmi e basta !

Spero di essere stato utile...
"Amo l'atletica perché è poesia|Se la notte sogno,sogno di essere un maratoneta ", Montale
inizio attività: 09/ 2011
- 5 km: 20.16 min all. 2/08/2012
- 10km best woman 2013 41.05
- 21,097.Roma - Ostia 2013 1:34
- 42,195 Roma 2014, 3:30:58
Avatar utente
Domm
Novellino
Messaggi: 3
Iscritto il: 21 dic 2013, 10:21
Località: Pistoia

Re: ematuria da sforzo

Messaggio da Domm »

Grazie Gaetano, come giustamente dici anche te è difficile trovare medici con indicazioni pertinenti perchè hanno a che fare quasi sempre con persone "normali", io ho voluto scrivere quanto sto vivendo con la speranza che qualche medico sportivo possa dare una qualche interpretazione.
Avatar utente
leorun
Mezzofondista
Messaggi: 83
Iscritto il: 29 apr 2013, 9:12
Località: Milano

Re: ematuria da sforzo

Messaggio da leorun »

ciao Gaetano_63, ma appurato che la tua era ematuria da sforzo, dopo uno stop di quanti giorni hai ripreso a correre? Il problema non ti si è più presentato? Io sono appena incappato per la prima volta nello stesso problema (macroematuria con la prima pipì immediatamente dopo un allenamento di un'oretta, idem dopo quello successivo il giorno dopo) e il mio medico di famiglia mi ha prescritto ogni genere di analisi delle urine e del sangue nonché una ecografia dell'addome che farò nei prossimi giorni. Non so se per eccesso di prudenza o per poca conoscenza della medicina sportiva, con mio sommo dolore, mi ha detto di togliermi dalla testa le maratone in genere perché, secondo lui, ho evidenti limiti fisiologici e rischierei di sforzare oltremisura i reni...
Chiedo un parere anche all'esperto Fisioandrea e Quicksilver
Grazie in anticipo per la condivisione delle vostre esperienze

Leo, runner depresso
Maratona: 3h44'05" (Milano Marathon 2016)
Mezza maratona: 1h38’33” (Stramilano 2016)
10K: 44’29” (Walk of Life Telethon Milano 2014)
5K: 21’26”
Avatar utente
gaetano_63
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 704
Iscritto il: 26 ott 2011, 21:46

Re: ematuria da sforzo

Messaggio da gaetano_63 »

dunque:

2/10/2013: ematuria in minzione immediatamente dopo allenamento. Dopo 5 minuti in minzione successiva sparita
3/10/2013 analisi urine: globuli rossi 57 e bianchi 51 (livelli normali globuli rossi tra 0 e 15, globuli bianchi tra 0 e 18)

3 e 7/10/13: allenamento senza ematuria
8/10/2013: ematuria post allenamento ma in minore misura

analisi urine 10/10/2013 globuli rossi 3 - bianchi 4 ( livelli normali globuli rossi tra 0 e 15, globuli bianchi tra 0 e 18).

stop fino al 24/10/2013: niente piu' ematuria, ma continui dolorini in zone sospette durante la corsa terminati solo quando l' urologo mi ha detto che quel problem non comporta quei dolorini ;)

analisi urine 23/10/2013 globuli rossi 0 , bianchi 1 (livelli normali globuli rossi tra 0 e 15, globuli bianchi tra 0 e 18)

ho consultato in dal giorno 3 al giorno 24 di ottobre un medico generico, un medico del pronto soccorso e tre urologi. Mi pare che dovrebbero bastare ! ;)

Se non ti fermi per un po' e' normale che il fenomeno possa ripetersi !!!

Parliamo di limiti, come dice il tuo medico generico: i limiti li ha lui nella sua testa !!! ;)

Ti racconto un episodio:

Dieci anni fa, quando avevo quaranta anni, avevo continui problemi alla caviglia sx: a quei tempi non correvo e pesavo 34 kg in piu' di qanto peso ora.

Andai da un ortopedico che mi disse che avevo seri problemi, avrei avuto problemi anche a camminare in futuro. Ero in preda allo spavento ma a mente fredda decisi di andare da altro ortopedico. Questo mi dice che avrei risolto i miei problemi con una semplice suoletta personalizzata e perdendo peso. Dopo solo pochi giorni "di suoletta" stavo bene, e adesso, con 34 kg in meno non ho neanche piu' quella. !!! :) lascia perdere certi medici!!!! Non mollare la corsa per pregiudizi di persone, mi dispiace dirlo di professionisti, incompetenti!!!

Adesso a mio parere devi rivolgerti ad un urologo !!!
Ciao ed in bocca al lupo e non esitare a contattarmi se hai bisogno di info....

p.s. dimenticavo, sono diventato un esperto di colore di urine ;)
"Amo l'atletica perché è poesia|Se la notte sogno,sogno di essere un maratoneta ", Montale
inizio attività: 09/ 2011
- 5 km: 20.16 min all. 2/08/2012
- 10km best woman 2013 41.05
- 21,097.Roma - Ostia 2013 1:34
- 42,195 Roma 2014, 3:30:58
Avatar utente
MaxF
Guru
Messaggi: 3252
Iscritto il: 26 ott 2009, 0:49
Località: Milano

Re: ematuria da sforzo

Messaggio da MaxF »

Mi sono fatto un minimo di cultura in materia essendo stato operato in passato per un'anomala (per l'età) ipertrofia prostatica benigna.
Non sono un medico e quindi prendete quello che scrivo per quello che è, un consiglio da amico e basta.
Il sanguinamento delle urine avviene per vari motivi (ma specifico che a me non è mai successo), alcuni banali come l'assunzione di farmaci come gli antibiotici e la conseguente attività sportiva (ma sparisce il giorno dopo), oppure per uno sforzo molto intenso (una maratona, per esempio), oppure per infiammazioni più o meno estese come una cistite o una prostatite. Punto.
L'urina di colore scuro segnala che la prostata è stata un pò "maltrattata" durante la corsa, ma in sé non indica nient'altro, potrebbe essere anche un deficit di assunzione di liquidi (bevete troppo poco) o i reni che sono un po' in sofferenza. L'esame del sangue può dare indicazioni in questo senso.
Se il dottore (correttamente) vi prescrive degli esami è per capire se dietro a questi sintomi ci sia altro. Sono di routine, non dovete spaventarvi, e lui fa bene a farveli fare.
L'analisi del PSA (non Psp) che si fa con le analisi del sangue indica lo stato di disagio che ha in questo momento il vostro fisico.
Dei valori fuori norma indicano che qualcosa non va nel verso giusto e che si deve approfondire, ma non necessariamente indicano qualcosa di grave.
Leggendo su Internet varie cose all'epoca ho capito bene a cosa serviva, ma dai valori che avevo io sembrava quasi matematico che avessi un cancro alla prostata. Io con Internet ci lavoro e non dirò mai che è il demonio.
E'chi scrive che deve essere consapevole delle conseguenze. Internet è un grande strumento di informazione, non di analisi, tanto meno di auto-analisi.
La prescrizione di una radiografia dell'addome dovrebbe mettervi di buon umore, perché sostituisce un'esame dell'urologo piuttosto invasivo e che sono quasi certo non vi piacerebbe fare ;)
La visita dall'urologo, per un problema simile, rappresenta l'ultimo step, e credo che 9 volte su 10 non sia necessario arrivarci se gli esami precedenti sono a posto o se si è individuata con certezza la causa.
L'uroflussometria invece mi sembra una forzatura, perchè dovrebbe essere a discrezione dell'urologo una volta accertata la patologia (tanto è vero che se la prenotate adesso ve la fanno fare tra 3 mesi, se va bene).
L'unica cosa sbagliata è fare finta di niente, perchè il fisico vi sta dando un segnale, e se siete svegli (non come ho fatto io) cogliete "il suggerimento" per rimettervi sulla giusta strada.
Milano Nord parkrun, 5km cronometrati, gratis e in compagnia, tutti i sabati alle 9. Vieni anche tu!

Ciao Krily, per sempre me con me
Avatar utente
leorun
Mezzofondista
Messaggi: 83
Iscritto il: 29 apr 2013, 9:12
Località: Milano

Re: ematuria da sforzo

Messaggio da leorun »

ciao Max,
grazie mille per i tuoi suggerimenti e le sagge precisazioni. Con mio grande sollievo ho appena fatto l’ecografia completa all’addome e sembra tutto a posto. Aspetto l’esito degli esami del sangue e delle urine e poi, se è tutto ok, mi rimetto a correre.
Intanto, visto che di norma bevo poca acqua sto provando a cambiare regime e ad abituarmi a mandar giù un litro e mezzo/due litri di acqua al giorno. Come ho scritto a Gaetano in privato, guardando in rete, fra forum e siti più o meno specialistici, non emerge alcuna idea chiara e univoca sulle cause dell'ematuria da sforzo, ma sono in tanti a concordare sui benefici di una buona idratazione (anche e soprattutto durante la corsa, nelle uscite più lunghe o negli allenamenti più intensi). Alcuni runner, poi, suggeriscono di non svuotare completamente le vesciche prima della corsa (meglio, dicono, urinare una mezz'oretta prima di uscire). Questo perché una delle più plausibili cause dell'ematuria – sostengono - è da attribuirsi al trauma a cui vanno incontro le vesciche vuote sbattendo fra loro o contro le pareti pelviche. Sono tutte ipotesi, per carità, ma qualche piccolo espediente salutista va pure provato.

Ho trovato comunque molto interessante questo articolo:
http://www.time-to-run.com/doctor/bloodyurine.htm

Qui invece le testimonianze di altri runner come noi:
http://www.coolrunning.com.au/forums/?showtopic=5497

ciao e buone corse a tutti!
Maratona: 3h44'05" (Milano Marathon 2016)
Mezza maratona: 1h38’33” (Stramilano 2016)
10K: 44’29” (Walk of Life Telethon Milano 2014)
5K: 21’26”
Avatar utente
flavioweb
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 891
Iscritto il: 1 apr 2012, 11:24
Località: Pozzuolo Martesana (Mi)

Re: ematuria da sforzo

Messaggio da flavioweb »

E' capitato anche a me ieri mattina.
Durante un lungo 25k, verso il 17esimo k ho urinato tracce di sangue.
Arrivato a casa ho rifatto la stessa esperienza accusando bruciore durante l'atto.
Da quello che leggo non è nulla di preoccupante ma mi sentirò meglio dopo un consulto col medico curante.
La situazione nel frattempo si è normalizzata e l'urina ha il solito colore paglierino
Hola a todos
Flavio

10k: 46:41 septiembre'15 Castelrozzone
Medio maratón: 1:43:21 noviembre'13 Garda Trentino
Maratón: 3:46:32 diciembre '16 Reggio Emilia
cuscio
Novellino
Messaggi: 9
Iscritto il: 11 set 2020, 8:07

Re: ematuria da sforzo

Messaggio da cuscio »

anch'io ho avuto episodi simili. Io ho 54 anni e oltre a correre gioco a tennis e proprio 6 anni fa dopo una partita di tennis ho urinato rosso. Ogni volta che correvo o giocavo si presentava questo problema per poi sparire. Ho fatto tutti gli esami che il medico mi aveva prescritto ed era emerso che avevo una ipertrofia prostatica benigna "importante" che mi impediva di svuotare completamente la vescica favorendo la formazione di calcoli vescicali. E proprio questi calcoli, durante gli sforzi, sfregavano sulle pareti vescicali, causando il sanguinamento. Me li sono fatti togliere con un intervento e per un pò non ho più avuto sanguinamenti.
Purtroppo dopo 2 anni si sono riformati a causa dell'ipertrofia e pertanto ho deciso di operarmi alla prostata anche perchè fativavo ad urinare, da li in poi non ho più avuto problemi.
Ieri dopo una corsa mi è successo di nuovo in maniera lieve (urina arancione/rossastra) ma non mi sono preoccupato più di tanto perchè avevo preso anche un'aspirina x il mal di testa e sto urinando bene svuotando totalmente la vescica. Vediamo nei prossimi giorni se il problema si ripresenta.

Torna a “Infortuni e terapie”