Running index

Moderatori: fujiko, gambacorta, gian_dil

tabs78
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 565
Iscritto il: 27 lug 2012, 15:29

Re: Running index

Messaggio da tabs78 » 7 dic 2017, 19:01

Gilo ha scritto:Dopo un mesetto di utilizzo e una quindicina di uscite ho visto che il running index è abbastanza stabile, sempre compreso fra 62 e 67, premiando le uscite a ritmo blando.
Quello che mi lascia un po' perplesso sono le previsioni per le distanze, mooolto ottimistiche per la mezza maratona e fantascientifiche per la maratona.
Fanno tutti così, io ora ho Garmin e mi dice maratona 3'11. Tieni conto che ho fatto la mezza in 1h49 e la maratona se riuscissi al max fare 3h50

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
PieroCo
Novellino
Messaggi: 33
Iscritto il: 8 feb 2018, 13:29

Re: Running index

Messaggio da PieroCo » 9 feb 2018, 17:16

Il running index ha validità solo sulla previsione per la distanza a cui ci si sta preparando. Se mi alleno per fare i 5000 è normale che i tempi della maratona non sono attendibili come vero è il contrario.

Per mia esperienza il running index è utilissimo e veritiero e non deve essere valutato sulla singola uscita ma a lungo termine
tabs78
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 565
Iscritto il: 27 lug 2012, 15:29

Re: Running index

Messaggio da tabs78 » 9 feb 2018, 21:05

Nel mio caso non è nemmeno ipotizzabile il tempo sulla maratona che sto preparando.
Tra l’altro pur avendo metodi diversi garmin e polar sballano entrambi.
Uno lo calcola durante la corsa l’altro a riposo. Il 50 garmin equivale al 55/56 polar


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
cardiocorsa
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 204
Iscritto il: 26 giu 2015, 11:10

Re: Running index

Messaggio da cardiocorsa » 10 feb 2018, 11:02

Purtroppo il running index, che sulla carta è un ottimo indicatore, da quanto ho capito può essere attendibile sulle previsioni in gara solo se si sta in una fascia media della popolazione in funzione dell'età e altri fattori di base.
Basta essere un po' fuori dalla media della popolazione, ad esempio avere una fcmax molto sopra o sotto la media, che le previsioni possono essere sottostimate o sovrastimimate.
Nonostante ciò se preso come dato relativo individuale è un dato ben indicativo dello stato di forma e in generale dello stato di salute. Ad esempio ho notato abbassamenti del valore a seguito di periodi di stop, anche per una banale influenza o nei giorni successivi a una donazione di sangue, riportando effettivamente il calo di ossigenazione muscolare dovuto al normale abbassamento del valore della emoglobina.
Alb3rt0
Maratoneta
Messaggi: 312
Iscritto il: 1 gen 2019, 14:14

Re: Running index

Messaggio da Alb3rt0 » 6 gen 2019, 20:56

Bah, su running index ci sarebbe molto da dire.
Funzionava meglio il programmino che mi ero creato con excel che anche se non teneva conto della quota e quindi del tipo di percorso, condizioni climatiche, si basava sulla frequenza cardiaca media, distanza e tempo impiegato, restituendo una percentuale più o meno reale in un percorso pianeggiante. Riuscendo quindi a capire se la prestazione migliorava o peggiorava.
Non è possibile che a seconda dell'andatura che viene fatta, il running index cambia ... e non di poco.
Se decido di fare una seduta quasi a ritmo gara o una seduta blanda, non posso avere due valori diversi tipo, 51 se corro forte o 67 se corro piano. Il running index dovrebbe stabilire la performance dell'atleta indipendentemente dall'andatura che si vuol fare. In sostanza, se faccio una maratona in 3:30 il running index è 56/58, ma non posso avere valori durante gli allenamenti molto più alti come 67 se faccio dei lunghissimi o 51 se corro a ritmo gara.
Comunque mentre ci si allena, molto meglio il test di Yasso per prevedere i tempi sulla mezza maratona o maratona. Non so voi, ma con me ha funzionato.
Rispondi

Torna a “Polar”