Chirunning - Danny Dreyer

Moderatori: F-lu, elisa udine

Rispondi
Avatar utente
gmerrie
Maratoneta
Messaggi: 336
Iscritto il: 1 apr 2015, 17:08
Località: Udine

Chirunning - Danny Dreyer

Messaggio da gmerrie » 24 mag 2018, 13:20

Sono noto per aprire Thread già esistenti...
Ma mi pare che quello su questo libro manchi proprio.
Ho inziato a leggerlo e mi sembra interessante. Ha un piglio pratico anche se parla di cose "fumose". Mi ci ritrovo come stile nell' affrontare la corsa e la vita. Fa parte a mio avviso di tutta una corrente di pensiero che sta prendendo piede ed abbastanza vicino al Pose running...
Chi ne sa qualcosa di più e ha già porvato qulaocsa di questa tecnica?
..di corsa ma non di fretta....
Giulio
half 1.32.09 Palmanova 2015
42k 3.21 e spiccioli Firenze 2018
Avatar utente
lost_highway
Mezzofondista
Messaggi: 58
Iscritto il: 19 feb 2017, 11:46

Re: Chirunning - Danny Dreyer

Messaggio da lost_highway » 5 giu 2018, 23:19

L'ho letto (un po' a salti) anche io, anni fa e prima che fosse tradotto in italiano, quando stavo cercando di cambiare stile di corsa per riprendere dopo un infortunio al ginocchio. L'ho trovato molto fumoso e "modaiolo", ma allo stesso tempo ricco di spunti pratici e coerentemente collegato alla "filosofia" del Chi. Nel complesso, lo ritengo comunque uno dei libri sulla corsa più utili (per me, tra quelli che conosco).
Avatar utente
gmerrie
Maratoneta
Messaggi: 336
Iscritto il: 1 apr 2015, 17:08
Località: Udine

Re: Chirunning - Danny Dreyer

Messaggio da gmerrie » 6 giu 2018, 13:33

Ciao Lost!
Trovo quello che dici corretto. E' un testo che sta sul versante di una possibile lettura modaiola e new age.
Dal mio punto di vista posso però dire che molti dei tratti di consapevolezza e ascolto che stanno alla sua base sono per me condivisibili. Dopo 8 anni di tabelle mi pare giusto che sia il momento di correre favorendo quell' ascolto che avevo sempre percepito come fondamentale egli allenamenti. Poi parlo per me che ho 58 anni e che penso che la corsa sia una possibilità di benessere prima che una caccia a un obiettivo sportivo.
Come letteratura ho già letto Arcelli, Albanesi, Pizzolato, Baldini, ma sono tutti metodi che passano dal risultato e poco dall' esperienza. L' overstride (corsa sui talloni) non è una opinione ma una dannosa realtà. E si può fare di meglio. O quantomeno tentare... Senza enfasi. Ma tentare,,,
..di corsa ma non di fretta....
Giulio
half 1.32.09 Palmanova 2015
42k 3.21 e spiccioli Firenze 2018
Avatar utente
C3pO
Ultramaratoneta
Messaggi: 1385
Iscritto il: 11 feb 2016, 18:47

Re: Chirunning - Danny Dreyer

Messaggio da C3pO » 31 ott 2019, 14:15

Lo sto leggendo anche io, con molto piacere.
Non sono una che ama queste cose in cui sembra ti vendano la ricetta segreta del l'immortalità, però sto apprezzando tanto la visione spirituale con la quale invita il lettore a vivere la corsa e il rapporto con il proprio corpo.
Voglio comunque finire di leggerlo prima di sbilanciarmi ulteriormente, però le premesse fin ora son positive
She's a maniac, maniac at the show,
And she's dancing like she's never danced before

“Your body can do it. It’s your mind you need to convince.”
Rispondi

Torna a “Libri e letteratura”