"Correre naturale" di Daniele Vecchioni

Moderatori: F-lu, elisa udine

Rispondi
Avatar utente
phantomfh
Maratoneta
Messaggi: 285
Iscritto il: 17 mag 2018, 9:24

"Correre naturale" di Daniele Vecchioni

Messaggio da phantomfh » 13 ago 2018, 11:20

Ciao a tutti,
segnalo che a maggio è uscito il libro "Correre naturale" di Daniele Vecchioni.
Lo sto leggendo in questi giorni. Per quanto letto finora l'approccio di Vecchioni mi piace molto.
Quando l'avrò finito magari scriverò una mini-recensione.
ferdylosroq
Mezzofondista
Messaggi: 57
Iscritto il: 4 mag 2015, 12:16

Re: "Correre naturale" di Daniele Vecchioni

Messaggio da ferdylosroq » 31 ago 2018, 16:30

Ho letto il libro e l'ho trovato interessante.
Viene proposto un approccio completamente nuovo alla corsa.
Senza tabelle ma dei buoni consigli utili soprattutto per ridurre la probabilità di infortunarsi.
Avatar utente
phantomfh
Maratoneta
Messaggi: 285
Iscritto il: 17 mag 2018, 9:24

Re: "Correre naturale" di Daniele Vecchioni

Messaggio da phantomfh » 31 ago 2018, 16:55

Il libro non è così nuovo come approccio come pensavo all'inizio. Adesso che ho avuto modo di approfondire ho scoperto che molti dei concetti esposti sono studiati da decenni (e sostanzialmente applicati anche da atleti di livello mondiale). Solo che Vecchioni non ne fa cenno, e secondo me avrebbe dovuto per "dare a Cesare quello che è di Cesare", spendendo almeno qualche parola su personaggi come Arthur Lydiard e Stephen Seiler.
Comunque resta una lettura interessante.
Avatar utente
SimoneMonty
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 785
Iscritto il: 6 set 2010, 10:28

Re: "Correre naturale" di Daniele Vecchioni

Messaggio da SimoneMonty » 3 set 2018, 9:56

Comprato e letto prima dell'estate. Ogni tanto, quando mi viene un dubbio. lo riapro molto volentieri, cosi come Pizzolato.
Personalmente ho trovato molto interessante la sezione sulla corsa a "naso" (bianco, grigio e nero)
Strava - Garmin - Polar - Runtastic

Every runner has a reason ...
Avatar utente
elteo79
Ultramaratoneta
Messaggi: 1406
Iscritto il: 19 gen 2010, 17:18
Località: Fraud, prov. Venezia

Re: "Correre naturale" di Daniele Vecchioni

Messaggio da elteo79 » 22 ott 2018, 11:20

Effettuvamente l'autore ha fatto un bel lavoro, non inventando nulla ma mettendo assieme tutto quello che funziona legato al benessere e tralasciando tutto quello che è legato alle performance e inevitabilmente porta a infortuni. Sto sperimentando gli esercizi e i metodi di allenamento ed effettivamente ne sto traendo giovamento.
Il tutto però puzza di marketing spinto, recensioni di eventi solo positive, tutti belli e felici... Qualcuno di voi è mai stato ad una giornata di workshop? Sarei interessato più che per necessità per curiosità, mi par impossibile che non ce ne sia uno, dico uno non soddisfatto con qualcosa da ridire, soprattutto in relazione al pagato: siamo sui 150-200 euro
Avatar utente
phantomfh
Maratoneta
Messaggi: 285
Iscritto il: 17 mag 2018, 9:24

Re: "Correre naturale" di Daniele Vecchioni

Messaggio da phantomfh » 22 ott 2018, 11:53

Anche io ho l'impressione che ci sia un marketing spinto. Mi sono convinto (magari sbaglio clamorosamente eh!) che il workshop non dia un valore aggiunto rispetto al libro tale da compensare i 150 euro di spesa; 20-25 partecipanti a corso mi sembrano davvero tanti perché possano essere seguiti individualmente se non per pochi minuti (la durata del corso mi pare sia di 5-6 ore effettive). Io sto prendendo il buono del libro, che comunque ho apprezzato, cercando di dimenticarmi il marketing "all'americana" che è secondo me eccessivo. Per lo stesso motivo non seguo la pagina Facebook, in cui non ho letto un singolo commento negativo.
Avatar utente
elteo79
Ultramaratoneta
Messaggi: 1406
Iscritto il: 19 gen 2010, 17:18
Località: Fraud, prov. Venezia

Re: "Correre naturale" di Daniele Vecchioni

Messaggio da elteo79 » 23 ott 2018, 10:47

In effetti il fatto di correre più piano autolimitati dal naso è qualcosa di talmente semplice ma talmente efficace da restare sbalorditi, sto riscoprendo le stesse sensazioni provare 15 anni fa nelle mie prime corsette, Zero fastidi, zero acciacchi, zero pericolo di overtraining (facendo triathlon ci sono incappato spesso) sensazione di benessere... I piedi sono sempre stato il mio tallone di achille, microfratture, fastidi tendinei, rinforzarli di sicuro è un punto chiave.
Sul fatto che gli unici esercizi di forza che servono siano il plank e i punti front e inverso non sono però convintissimo, sto traendo gran beneficio da una serie molto più ampia di esercizi in palestra.
Ho visto che il personaggio è anche un triathleta, mi piacerebbe sapere come integra quello che scrive nel libro con l'allenamento multisport
Rispondi

Torna a “Libri e letteratura”