Cominciare a 42 anni e in sovrappeso

Principianti, è ora di iniziare...

Moderatori: gambacorta, Doriano, fujiko, franchino

Rispondi
no_more_couch
Novellino
Messaggi: 3
Iscritto il: 5 nov 2019, 11:27
Località: Palermo

Cominciare a 42 anni e in sovrappeso

Messaggio da no_more_couch » 5 nov 2019, 12:10

Ciao a tutti,
come ho già spiegato nel mio post di presentazione (viewtopic.php?f=18&t=56744) ho 42 anni, sono sedentario ed un pò sovrappeso (85kg e 180cm). Ma ho tantissima voglia di rimettermi in riga e sopratutto sono motivatissimo, non vedo l'ora di cominciare insomma!

E qui qualcuno potrebbe dirmi: esci e corri!

Ma... avevo provato a cominciare l'anno scorso. Chiacchierando con amici che corrono ho capito che prima mi servivano un buon paio di scarpe, per non farmi male. Sono andato in un negozio specializzato, ed ho speso una bella cifretta per un paio di scarpe adatte (mi è stato detto) per il mio grado di pronazione. Ero davvero pronto, motivato... avevo anche 2 chiletti in meno... ho cominciato a correre seguendo una tabella C25K trovata in rete, fatta per veri principianti. La prima settimana è andata bene, alternavo 1' di corsa ad 1' e mezzo di camminata, ritmo blandissimo, giusto per rimettermi in moto; come letto in giro me ne sono fregato che i moscerini mi si spiaccicavano sulla schiena :D ciò che contava era correre senza farsi male...

Alla seconda settimana, però, ho cominciato a sentire un dolore alla parte interna delle ginocchia (ambedue); 'doloretti da principiante' mi sono detto, e siccome erano perfettamente sopportabili, ho continuato i miei allenamenti seguendo la tabella. All'inizio della terza settimana, però, il dolore è diventato insopportabile. Ho dovuto fermarmi, e anche da fermo, da seduto, applicavo il ghiaccio. Mi sono fermato.

Il dolore ci ha messo una settimana a sparire, ma io non ho più ripreso a correre.

Ora, a distanza di un anno, voglio riprovarci. Ma ovviamente non voglio che accada la stessa cosa. Per cui sono qui a chiedere consigli sull'approccio migliore da seguire nella mia situazione.

La mia sensazione è che le mie gambe da super-sedentario non fossero sufficientemente strutturate per cominciare con la corsetta, per quanto lenta. Fra l'altro ho letto un articolo (credo di Massini, non sono sicuro) che diceva che la corsa lenta sollecita maggiormente le ginocchia, non so quanto sia vero.

Quindi, a costo di allungare di tanto i tempi, pensavo di seguire un approccio generale leggermente differente, ovvero: prima cerco di 'scaricare' quei 5kg dedicandomi a camminate (naturalmente a ritmo elevato) ed esercizi a casa (per tonificare le gambe e l'addome - leggasi "scalare la panza"); arrivato ad 80kg comincerei con una delle tabelle per principianti, con un pò di zavorra in meno e le gambe un tantino più solide.

Cosa ne pensate? Troppi ragionamenti? Esco e corro?

Grazie a tutti per i consigli!

Roberto
Avatar utente
giokaos
Top Runner
Messaggi: 5123
Iscritto il: 9 set 2012, 14:53
Località: Chiavenna

Re: Cominciare a 42 anni e in sovrappeso

Messaggio da giokaos » 5 nov 2019, 13:37

Ciao! Mi sembra un buon approccio... ti consiglio di alternare la corsa con la bici se ti è possibile, pedalare ti permette di evitare i "microtraumi " che con la corsa sono inevitabili...
Milano marathon: 2h53' e qualcosa
https://www.strava.com/athletes/9496294
Avatar utente
crop74
Moderatore
Utente donatore
Messaggi: 10432
Iscritto il: 28 giu 2010, 14:52
Località: Berna, Svizzera

Re: Cominciare a 42 anni e in sovrappeso

Messaggio da crop74 » 5 nov 2019, 15:02

Perdere peso è sicuramente una buona idea, ma non penso che il tuo sovrappeso sia tale da sconsigliare del tutto la corsa.
Il dolore alle ginocchia è un po' strano, immagino nelle tue prime due settimane tu abbia corso complessivamente pochi km. mi verrebbe piu' da ipotizzare un problema posturale, e sicuramente correre molto piano non aiuta. E' solo un'ipotesi ovviamente. Forse puoi provare scarpe neutre e vedere cosa succede. Eventualmente valutare di farsi vedere da un occhio esperto (che raramente si incontra nei negozi "specializzati").
Le mie maratone:
2010:Coast to Coast 2011:Berlino 2014:Zurigo, Biel, Jungfrau, Losanna, Firenze 2017:Terre Verdiane, Milano, Jungfrau, Parma, Losanna 2018: white marble, Boston 2019: Stoccolma, Chicago

Best: Terre Verdiane 3h09'31"

Strava
Dr.Kriger
Ultramaratoneta
Messaggi: 1155
Iscritto il: 2 apr 2017, 8:40

Re: Cominciare a 42 anni e in sovrappeso

Messaggio da Dr.Kriger » 5 nov 2019, 15:55

Non è un peso eccessivo, ma bisogna starci attenti lo stesso. Meglio correre 2-3 volte a settimana e camminare tanto per bruciare le calorie e perdere peso.
Vadoalmeglio
Maratoneta
Messaggi: 276
Iscritto il: 17 apr 2016, 20:36
Località: S.angelo lodig.

Re: Cominciare a 42 anni e in sovrappeso

Messaggio da Vadoalmeglio » 5 nov 2019, 18:37

no_more_couch ha scritto:
5 nov 2019, 12:10
Ciao a tutti,
come ho già spiegato nel mio post di presentazione (viewtopic.php?f=18&t=56744) ho 42 anni, sono sedentario ed un pò sovrappeso (85kg e 180cm). Ma ho tantissima voglia di rimettermi in riga e sopratutto sono motivatissimo, non vedo l'ora di cominciare insomma!

E qui qualcuno potrebbe dirmi: esci e corri!

Ma... avevo provato a cominciare l'anno scorso. Chiacchierando con amici che corrono ho capito che prima mi servivano un buon paio di scarpe, per non farmi male. Sono andato in un negozio specializzato, ed ho speso una bella cifretta per un paio di scarpe adatte (mi è stato detto) per il mio grado di pronazione. Ero davvero pronto, motivato... avevo anche 2 chiletti in meno... ho cominciato a correre seguendo una tabella C25K trovata in rete, fatta per veri principianti. La prima settimana è andata bene, alternavo 1' di corsa ad 1' e mezzo di camminata, ritmo blandissimo, giusto per rimettermi in moto; come letto in giro me ne sono fregato che i moscerini mi si spiaccicavano sulla schiena :D ciò che contava era correre senza farsi male...

Alla seconda settimana, però, ho cominciato a sentire un dolore alla parte interna delle ginocchia (ambedue); 'doloretti da principiante' mi sono detto, e siccome erano perfettamente sopportabili, ho continuato i miei allenamenti seguendo la tabella. All'inizio della terza settimana, però, il dolore è diventato insopportabile. Ho dovuto fermarmi, e anche da fermo, da seduto, applicavo il ghiaccio. Mi sono fermato.

Il dolore ci ha messo una settimana a sparire, ma io non ho più ripreso a correre.

Ora, a distanza di un anno, voglio riprovarci. Ma ovviamente non voglio che accada la stessa cosa. Per cui sono qui a chiedere consigli sull'approccio migliore da seguire nella mia situazione.

La mia sensazione è che le mie gambe da super-sedentario non fossero sufficientemente strutturate per cominciare con la corsetta, per quanto lenta. Fra l'altro ho letto un articolo (credo di Massini, non sono sicuro) che diceva che la corsa lenta sollecita maggiormente le ginocchia, non so quanto sia vero.

Quindi, a costo di allungare di tanto i tempi, pensavo di seguire un approccio generale leggermente differente, ovvero: prima cerco di 'scaricare' quei 5kg dedicandomi a camminate (naturalmente a ritmo elevato) ed esercizi a casa (per tonificare le gambe e l'addome - leggasi "scalare la panza"); arrivato ad 80kg comincerei con una delle tabelle per principianti, con un pò di zavorra in meno e le gambe un tantino più solide.

Cosa ne pensate? Troppi ragionamenti? Esco e corro?

Grazie a tutti per i consigli!

Roberto
Qnd ho iniziato a correre,ormai 6 anni fa,ho avuto la stessa cosa ,un dolore nella parte interna di solo un ginocchio però,dopo le prime due settimane di piccole corse...addirittura sentivo qst dolore anche a salire le scale
Ho mollato per una settimana,la seconda camminate e provavo a correre ma non riuscivo,la terza ho stretto i denti perché sentivo ancora un pochettino di dolore ed ho cominciato a correre ma con passettini da formichina
Poi mi è passato tutto...nel frattempo mi ero comprato anche delle scarpe un po'più serie...comunque è un problema di "sollecitazione "alle articolazioni dopo lunghi periodi di attività,io addirittura correvo in campagna sugli sterrati dove le sollecitazioni sono molto maggiori del correre sul piatto asfalto
Avatar utente
Cataldo
Maratoneta
Messaggi: 287
Iscritto il: 1 ago 2017, 22:02

Re: Cominciare a 42 anni e in sovrappeso

Messaggio da Cataldo » 6 nov 2019, 19:06

I dolori e gli infortuni nei primi mesi di attività fisica sono da considerare quasi certi ...

Io ho iniziato a correre nel 2015 (95 kg x 180 cm) ..

Un paio di infortuni nel primo anno mi hanno dato modo di capire alcune cose ...

Su scarpe, ritmi , tabelle, tempi e modi chiunque qui potrebbe darti migliaia di consigli ... Ma è tutta aria fritta se prima non hai la costanza di affrontare almeno 6 mesi consecutivi di attività .

Significa uscire un giorno sì e uno no per correre ... Indipendentemente dai dolori e dalle sensazioni ... Ci saranno giorni in cui le gambe gireranno meglio , altri in cui farai fatica a camminare ... Ma non bisogna mai mollare ... Tranne che non si tratti di reali infortuni chiaramente diagnosticati da personale qualificato e non autodiagnosticati ...

Tutti noi che abbiamo cominciato tardi abbiamo avuto a che fare con dolori , infortuni, stop forzati e mancanza di voglia ...

Ma per parlare realmente di running bisogna che tu superi i 6 mesi di costanza nell'allenamento ... Dopo 6 mesi ti renderai conto di non poter più fare a meno di correre ... La corsa deve piacerti al punto da trascurare i dolori che hai all'inizio ... Se mi fossi fermato ad ogni dolore non avrei portato a termine nulla ... Oggi , dopo solo 4 anni , posso dire con certezza che la corsa è diventato il mio stile di vita ...
Avatar utente
giokaos
Top Runner
Messaggi: 5123
Iscritto il: 9 set 2012, 14:53
Località: Chiavenna

Re: Cominciare a 42 anni e in sovrappeso

Messaggio da giokaos » 6 nov 2019, 20:12

Cataldo ha scritto:
6 nov 2019, 19:06
.. Se mi fossi fermato ad ogni dolore non avrei portato a termine nulla ...
Questa è da incorniciare :asd2: :thumleft:
Milano marathon: 2h53' e qualcosa
https://www.strava.com/athletes/9496294
no_more_couch
Novellino
Messaggi: 3
Iscritto il: 5 nov 2019, 11:27
Località: Palermo

Re: Cominciare a 42 anni e in sovrappeso

Messaggio da no_more_couch » 8 nov 2019, 12:04

Grazie a tutti del caloroso benvenuto e sopratutto degli incoraggiamenti.

Seguirò i vostri consigli, stringerò i denti e vedremo come va, sono davvero motivato.
Rispondi

Torna a “Iniziare a correre”