Prima mezza - tra passione e non applicazione

Moderatori: franchino, Doriano, fujiko, gambacorta

Avatar utente
Masme4
Novellino
Messaggi: 10
Iscritto il: 30 apr 2013, 15:13

Prima mezza - tra passione e non applicazione

Messaggio da Masme4 »

Ciao a tutti, mancano 12 giorni alla mia prima mezza. Che sarà un po' atipica, visto che andrò alla strongmanrun di Rovereto. Chiaro che l'obiettivo in una corsa del genere non è il tempo, ma è puramente il divertimento, che ho deciso di vivere accettando l'invito a partecipare di un amico, appunto, roveretano.
Corro da 17 mesi, senza assillo. Ho 36 anni, due figlie piccole ed un lavoro impegnativo, non riesco a far ruotare il resto intorno ad un programma di allenamento, faccio piuttosto il contrario, cercando di piazzare la corsa laddove i tempi me lo consentono. Mediamente dunque esco 1/2 volte nei feriali, alle 5,45 del mattino, e corro diciamo un 7 km in 40 minuti (mediamente insomma). Dopodichè tra sabato e domenica faccio una uscita lunga. Ad aprile ho corso in staffetta la MilanoCity chiudendo i miei 10km in 56'. Da lì ho iniziato ad allenarmi tanto su sterrato e anche salite, per prepararmi ai percorsi ostici della gara. 10 giorni fa ho corso 20 km in 2 h, in estate comunque un buon 5 o 6 uscita da 15-16 km con le salite in poco pià di un'ora e mezza le ho fatte.

Che devo fare adesso? Ha senso che io giovedì faccia un altro lungo sui 20, domenica 10, mercoledì prox 7, e poi basta per arrivare riposato? Oppure devo aggiungere una uscita ma non fare più i 20?

Vi leggo da tanto e tanto ho imparato da voi. Ma spesso mi perdo...i vostri racconti sulle corse sono stupendi, i vostri post sulla scelta delle scarpe preziosi, ecc.... ma sui programmi di allenamento io mi annoio e alla terza riga mi perdo....sarà perchè ho una vita così irregolare da non riuscire proprio ad impormi di seguire tabelle rigide...o sarà che non riesco ancora a sentire mio lo stimolo dei tempi? Non so rispondermi, però una cosa posso senz'altro dirla: amo molto di più correre sugli sterrati, in montagna, per prati, ecc., che non l'asfalto dritto tanto per guardare i tempi (che palle).

Insomma sono contradditorio: da una parte non vedo l'ora di correre la strongrun e ho già voglia di prendermi un altro appuntamento, e mi intrippa vedere il materiale da corsa. Dall'altra l'idea di un programma rigido e non flessibile di allenamento mi nausea. E' normale tutto ciò?
Ma mentre mi faccio ste pippe mentali...intanto riuscirò a chiudere l'impegnativa gara sabato prox, giusto? si dai, giusto!! :rambo:
La vigliaccheria chiede: è sicuro? L’opportunità chiede: è conveniente? La vana gloria chiede: è popolare? Ma la coscienza chiede: è giusto?
Avatar utente
Utente donatore
Doriano
Moderatore
Messaggi: 24131
Iscritto il: 12 gen 2012, 9:22
Località: Milano Turro...ma anche Mantova e l'Emilia

Re: Prima mezza - tra passione e non applicazione

Messaggio da Doriano »

ciao!
anch'io non amo molto le tabelle rigide..sono abbastanza flessibile pur confermandoti che dare una struttura al tuo allenamento è importante..
ormail la gara è alle porte, non c'è nulla che tu possa fare per modificare, in qualsiasi senso, la tua preparazione..il lungo, se lo vuoi fare, fallo al più presto, perchè poi siamo a ridosso della gara! e poi per il resto direi ok.

goditi il tuo debutto e poi, se vorrai, si potrà impostare un allenamento per la prossima!

:salut:
PB:
10k: 43.03 (Alpin Cup 2015)
21k: 1.33.22 (Novara 2016)
42k: 3.34.48 (Pisa Marathon 2016)

fai correre anche tu il porcellino :pig: di Running Forum, scopri qui come! www.runningforum.it/viewtopic.php?f=102&t=46765

Torna a “Correre la prima Mezza Maratona”