MAGRAID 2013 - Pazza idea?

Moderatori: gambacorta, franchino, Doriano, fujiko

Avatar utente
Cremonachecorre
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 526
Iscritto il: 10 giu 2012, 18:38

Re: MAGRAID 2013 - Pazza idea?

Messaggioda Cremonachecorre » 23 giu 2013, 13:30

Tordg ha scritto:magraid 2013.
La faccio un po' lunga, ma ho trovato lungo.

Ci troviamo a pranzo venerdì Mauro Unalieno, Daniele e io.
Poi via al campo base.
Io e Daniele troviamo posto nella tenda riservata a Marco Olmo e a tre top runners del team xbionic.
Due ragazzi che fanno ultra trail e una ragazza che fa le maratone e le mezze. Invitati da SKY tv, tutte le mattine intervista pre partenza e dopo l'arrivo.
Sento parlare di deserti, di Oman, di Nigeria, di giungle, di migliaia di km percorsi...
Inizio a chiedermi se a sta corsa c'e' gente normale... tapascioni come me...

1a tappa 25 km.
La risposta e' NO.
Tutti i partecipanti portano i segni delle loro conquiste...berretti della 100 km del Sahara, zaini delle precedenti edizioni del magraid, passatore, ricordi della marathon du sable e di altre corse che manco avevo mai sentito...ma lunghissime.
Mi viene spontanea la solita domanda: "ma che caxxo ci faccio io qui in questo desertaccio che al massimo ho fatto 46 km e non ho mai corso 2 giorni di fila e che al caldo sto male?"
La pistola spara e non ho risposta.
Vado molto piano perché 25 km sono tanti, sono stanco del viaggio e non voglio avere le gambe morte il giorno dopo.
Arrivo in 3.09. Tanto tempo ma sto bene, a parte un sasso che ho alzato con una scarpa e mi ha preso esattamente l'osso della caviglia facendola sanguinare e diventare blu. Ghiaccio alla sera. Il percorso non mi e' piaciuto, soprattutto l'infinito argine finale tutto dritto e senza fine.
Primi ritirati.
Serata conviviale e in branda.

2a tappa 55 km
Il regolamento obbligava 1,5 l d'acqua, ne ho portati tre in quattro borracce da 75.
Parto nelle retrovie, fa caldo, ci sono dei rettilinei lunghissimi, non mi piace, si va in prati tagliati che buttano umidità calda e asfalto, voglio il greto, non arriva, se ne assaggia un pezzo, poi di nuovo su stradine di campagna, mi sto rompendo, incontro man mano quelli che si ritirano, voglio arrivare al ristoro del 30 km, ma ho letto male, mi dicono, e' al 33, inizio a guardare l'orologio con i km, passa il 33 e il ristoro non arriva, non ne posso più...
Finalmente il ristoro.
Trovo 5 persone che non continuano.
Trovo un compagno di tenda che ha avuto un calo di pressione ma dice che riparte.
Mi sono rotto le palle.
Mi ritiro.
Tolgo lo zaino, mangio due arance e due banane, mi faccio praticamente una doccia d'acqua gelata con una gomma, mi siedo e mi fumo una sigaretta...
Sto meglio.
Riparto.
Da li e' tutto un superare gente.
Il mio compagno di tenda si ritira al 41.
Con il mio infimo tempo di 9,22 sono 70o, ne lascio dietro trenta oltre a 22 ritirati.
La sera ho un po' di febbre da insolazione ma disinfetto con birra.

3a tappa 20 km
Fa più caldo del giorno prima e non si muove una foglia.
Mi trovo con Mauro prima della partenza che mi dice "ma sai che tutti quelli che conoscevo personalmente o virtualmente si sono ritirati tutti tranne te?"
Mi tocco le palle. :D
Al breafing, poi, alle mie spalle sentivo i click delle foto, mi giro e trovo almeno tre persone che mi dicono di stare fermo...avevo una farfalla appoggiata sullo zaino e tutti a fare foto.
Mauro, incoraggiante come al solito, mi dice: "porta sfiga" :D
Non ricordandomi se le farfalle sono annoverate fra gli psicopompi, tanto per non sbagliare, mi tocco nuovamente le palle.
La terza tappa e' stata per me la più bella, a correre nelle risorgive e tutta nel greto.
La finisco in circa 2,30.

Considerazioni finali.
Avevo male alle caviglie da prima quindi, contro ogni logica, ho corso con delle hoka prese il mercoledì.
Mi e' andata bene. Nessuna vescica e nessun male ai piedi o alle ginocchia.

Molto bello il clima di condivisione del campo base, conosciuto tante persone simpatiche.
Il tipo di corsa comunque non credo faccia per me (magari poi mi ricredo).

Contento di aver rivisto daniele, conosciuto Mauro (sei un grande!) e domenica Silvietta, che ha lanciato il sasso poi si e' solo fatta la tappa più bella...
Prossimo anno ti penso da qualche fresca montagna mentre te la fai tutta... :beer:

Ciao a tutti!!!

P.S. grazie kimmino :beer: prossimo anno ti tocca...


Che dire? alla tre rifugi mi nascondo nel tuo zaino! Grandissimo!!!

unalieno

Re: MAGRAID 2013 - Pazza idea?

Messaggioda unalieno » 28 giu 2013, 10:57

unalieno ha scritto:per chi c'era e per chi è curioso di vedere com'era.. copio e incollo dalla newsletter:

"Nella 44. puntata di ICARUS - ALLA RICERCA DEL LIMITE si parlerà di Magraid 2013. Icarus torna nei Magredi per farsi raccontare dai grandi campioni del running la magia della corsa nella steppa, e per vivere con i propri inviati la fatica dei 100 chilometri vissuti in un weekend.


ecco il link alla prima parte del filmato:

www.icarusnews.com/dettaglioVideo.aspx?id=111

Avatar utente
passofelpato
Ultramaratoneta
Messaggi: 1966
Iscritto il: 15 gen 2013, 19:44
Località: Rimini

Re: MAGRAID 2013 - Pazza idea?

Messaggioda passofelpato » 28 giu 2013, 12:20

Bel servizio e bella gara.. ma so già che la mia schiena e il mio ginocchio non apprezzerebbero...
Quelle tende e quelle brandine mi sembra di conoscerle :-"

unalieno

Re: MAGRAID 2013 - Pazza idea?

Messaggioda unalieno » 28 giu 2013, 13:05

è uscita anche la seconda parte del filmato, con le immagini della seconda tappa

http://www.icarusnews.com/dettaglioVideo.aspx?id=112


Torna a “Correre la prima Ultra”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite