Uso del cardiofrequenzimetro

Consigli, suggerimenti, discussioni generiche

Moderatori: franchino, fujiko, gambacorta, filattiera

Avatar utente
aroldo74
Top Runner
Messaggi: 12115
Iscritto il: 7 giu 2011, 2:02
Località: Parma

Re: Uso del cardiofrequenzimetro

Messaggio da aroldo74 »

No Parma. Quella gara la andai a fare. Me la consigliarono. Era una bellezza. Alle 11 di sera con 20° e soprattutto ottimo ristoro alla fine.
UNA VITA FA....PB:3000 10'32"- 5 Km 17'55" - 10 Km 36'46" - HM 1h23'13" - MAR. 3h15'48"
Prossima gara.......
Avatar utente
Heavyrunner72
Guru
Messaggi: 2809
Iscritto il: 18 ott 2011, 6:54
Località: Mirandola

Re: Uso del cardiofrequenzimetro

Messaggio da Heavyrunner72 »

Infatti. Chiedevo apposta. [WINKING FACE]
"Ci sono persone che sanno tutto,ed è tutto quello che sanno" (O.Wilde)
PB 42k 3.25'46" (Reggio Emilia 2015)
PB 21k 1.35'22" (Correggio 2015)
Avatar utente
gianmarcocordella
Top Runner
Messaggi: 10112
Iscritto il: 2 mar 2014, 13:02
Località: Striano (NA)

Re: Uso del cardiofrequenzimetro

Messaggio da gianmarcocordella »

aroldo74 ha scritto:Giammarco ma sai un sacco di roba.
Ecco quà quello che dici sperimentato su di me.
Frequenza Max raggiunta nel finale di un 5000.
Ultimo 500m duello con un ragazzotto sotto i 3'/km....
Immagine
Eh si :beer:
Io ho la stessa situazione di stallo in un 1500 ma molto più breve (in realtà in un 1500 l'incremento dell'acido dovrebbe essere costante)
PB 400m 51"95
800m 2'03"11
1500m 4'37"72
3000m 10'11"4 (allenamento)
adrenalina
Ultramaratoneta
Messaggi: 1338
Iscritto il: 12 nov 2013, 0:12

Re: Uso del cardiofrequenzimetro

Messaggio da adrenalina »

ah ecco mi pareva strano (=troppo breve). Ma alla fine qua si tratta si sparasi 9km con pendenza del7%? :rambo: Azz!

Credo che proverò prima il test 400m+800m che è più facile da mettere in pratica e poi se riesco (in tutti i sensi) questo "tuo".

Ripeto, ho capito che in questi test (soprattutto quelli di "breve" durata) forse/prob. non si raggiunge la "vera" FCmax, ma alla fine (ripeto) a me basta un qualcosa di più attendibile delle "formulette" teoriche, tutto qua. Immagino che arrivi più vicino alla realtà un test VERO fatto sul MIO fisico, che non una mera inferenza statistica di dati di una certa popolazione, eh!

Se dai test mi viene 191 mentre in realtà è 193, non penso di aver sprecato tempo e fatto un caz.zata a usare quel valore, no? :)

Ciao


gnr ha scritto:
adrenalina ha scritto: Ok potresti dettagliare la prova?
riscaldamento prima ovviamente, poi mi sparo il primo 200m (o 130m) e fin qui tutto chiaro. Poi, recupero quanto? Poi riparto (secondo e ultimo 200m oppure secondo 130m) e alla fine guardo il valore massimo di FC rilevato dal cardiofreq.?
Occhio che la salita ideale ha 200m di dislivello, non di lunghezza :wink:
Dunque 2km al 10% di media o 3km al 7% di media o simile.
Se non la trovi in zona va bene qualcosa meno alta (ma di almeno 100m dislivello) fatto 3 volte.
Riscaldamento profondo e poi' la prima salita preso abbastanza forte.
Discesa in scioltezza ma nessun vero recupero, ultima salita preso a passo di gara...
ad 1km dalla cima si va a tutto, a 200m si pianta una volata come se per vincere il mondiale.
Non fermarti, e' pericoloso, Il valore massimale lo vedrai dopo dalla traccia.
Altra discesa in scioltezza piu' 10' defaticamento.
PB 10k: 43'29'' (VolaCiampino 26.3.2017)
PB 21k: 1h41'41'' (RomaOstia 13.3.2016)
Avatar utente
gnr
Top Runner
Messaggi: 5232
Iscritto il: 23 ott 2011, 14:58

Re: Uso del cardiofrequenzimetro

Messaggio da gnr »

adrenalina ha scritto:ah ecco mi pareva strano (=troppo breve). Ma alla fine qua si tratta si sparasi 9km con pendenza del7%? :rambo: Azz!
Non solo... si tratta di andare a tutto per gli ultimi km di salita ed alla morte per gli ultimi 200m...
del resto hai voluto tu vedere fino a dove arriva il tuo corpo :mrgreen:
Come detto da altri, devi anche essere in stato ottimale ormonale/muscolare, dunque lontano da altri sforzi massimali, riposato, digerito, meglio' se ad inizio serata.
adrenalina ha scritto:Credo che proverò prima il test 400m+800m che è più facile da mettere in pratica e poi se riesco (in tutti i sensi) questo "tuo".

Ripeto, ho capito che in questi test (soprattutto quelli di "breve" durata) forse/prob. non si raggiunge la "vera" FCmax, ma alla fine (ripeto) a me basta un qualcosa di più attendibile delle "formulette" teoriche, tutto qua. Immagino che arrivi più vicino alla realtà un test VERO fatto sul MIO fisico, che non una mera inferenza statistica di dati di una certa popolazione, eh!

Se dai test mi viene 191 mentre in realtà è 193, non penso di aver sprecato tempo e fatto un caz.zata a usare quel valore, no? :)
Se non hai voglia di affrontare un vero test in salita o laboratorio si puo' sempre improvvisare in pianura...
ma meglio' il 7 minuti che 400m-800m e sempre tenendo conto (anche nel valore di stima) di essere comunque lontano almeno 3% dal vero massimo.
Avatar utente
enjoyash
Top Runner
Messaggi: 6639
Iscritto il: 5 lug 2013, 18:35

Re: Uso del cardiofrequenzimetro

Messaggio da enjoyash »

Quindi io avrei 201/202?!? (196 misurata nell'800+400.. A proposito io ho fatto 800+400 e non viceversa).
Immagine
skyline
Mezzofondista
Messaggi: 61
Iscritto il: 16 apr 2015, 11:19

Re: Uso del cardiofrequenzimetro

Messaggio da skyline »

Domenica scorsa patasciata di 10 km . I primi 5 corsi ad un ritmo per me elevato , nella mezza viaggio sui 5:50 m/km mentre stavolta ero a 4:50 , tirato da altri due runner.
FCMAX col polar 189 bpm al km 4.87.
Poi , in un calando entusiasmante [SMILING FACE WITH OPEN MOUTH AND TIGHTLY-CLOSED EYES] , ho chiuso con un FC MEDIA di 175 e 5:36 m/km.
Stavo bene , a parte il caldo inaspettato.
Ah , classe 1965.
Secondo i calcoli teorici dovrei avere 220-50=170 bpm ... come devo interpretare questo risultato secondo voi ? Grazie
Avatar utente
zeromaratone
Top Runner
Messaggi: 5428
Iscritto il: 17 mar 2014, 9:17
Località: Torino

Re: Uso del cardiofrequenzimetro

Messaggio da zeromaratone »

skyline ha scritto: Ah , classe 1965.
Secondo i calcoli teorici dovrei avere 220-50=170 bpm ... come devo interpretare questo risultato secondo voi ? Grazie
Che hai corso su ritmo cardiaco massimale. Oltre la tua soglia.
In una gara ci sta, io stessa età e al 5° km di una mezza raggiunti i 184 bpm.
Come avrai letto, il limite di FCmax è un limite statistico, ognuno di noi ha una "riserva", vedi poi tu come utilizzarla al meglio :salut:
Dal 2014:18 maratone, 6 stars finisher; 2018 100km del Passatore, Ironman70:3
I miei libri: Il Passatore da zero https://tinyurl.com/er5tzd3z +il mio blog [url]https://zeromaratone.blogspot.com[/url]
Avatar utente
spartan
Top Runner
Messaggi: 14761
Iscritto il: 24 giu 2009, 15:34
Località: Taranto

Re: Uso del cardiofrequenzimetro

Messaggio da spartan »

skyline ha scritto: FCMAX col polar 189 bpm al km 4.87.
Poi , in un calando entusiasmante [SMILING FACE WITH OPEN MOUTH AND TIGHTLY-CLOSED EYES] , ho chiuso con un FC MEDIA di 175 e 5:36 m/km.
Stavo bene , a parte il caldo inaspettato.
Ah , classe 1965.
Secondo i calcoli teorici dovrei avere 220-50=170 bpm ... come devo interpretare questo risultato secondo voi ? Grazie
Non c'è niente da interpretare ,come tutte l cose questa è la prova che dalla teoria alla pratica le cose cambiano e di molto ,sui battiti la teoria lascia il tempo che trova .
L'unico giorno facile era ieri.
Fin dove il cuore mi resse arditamente mi spinsi.
Avatar utente
gianmarcocordella
Top Runner
Messaggi: 10112
Iscritto il: 2 mar 2014, 13:02
Località: Striano (NA)

Re: Uso del cardiofrequenzimetro

Messaggio da gianmarcocordella »

Secondi me il test che propone gnr è quasi impossobile da attuare
Non si riesce mi ca ad andare al 100% vero e proprio in allenamento?
PB 400m 51"95
800m 2'03"11
1500m 4'37"72
3000m 10'11"4 (allenamento)

Torna a “Allenamento e Tecnica”