Lavaredo Ultratrail 2008

Appuntamenti, esperienze, domande per gli amanti della natura e del trail

Moderatori: franchino, runmarco, deuterio, Evuelledi

Avatar utente
teomat
Guru
Messaggi: 4692
Iscritto il: 30 lug 2007, 17:23
Località: In viaggio

Lavaredo Ultratrail 2008

Messaggio da teomat »

In attesa di misurazione ufficiale, comunque 50/53 km e 3300 mt dislivello positivo, altrettanti negativo (percorso ad anello). In autonomia quindi con camel bag (viveri + acqua) sulle spalle.
Prova unica campionato italiano ultra trail.

Cornice: dolomiti e soprattutto le tre cime di Lavaredo.

Mi sono iscritto stamattina. :salut:
Non occorre guardare per vedere lontano.

Reivindico absolutamente el derecho al vagabundeo, a la aventura, a la utopìa y al romanticismo...
Avatar utente
teomat
Guru
Messaggi: 4692
Iscritto il: 30 lug 2007, 17:23
Località: In viaggio

Re: Lavaredo Ultratrail 2008

Messaggio da teomat »

Eccomi a fare il bilancio di questa Lavaredo Ultra Trail.
Direi che il bilancio è certamente positivo, domenica è stata una di quelle giornate in cui tutto gira per il verso giusto, le gambe, il respiro, la mente. Lo scenario è magnifico, il tempo ci permette questa volta di godere di questo splendore.
La prima salita scorre via veloce, così come la prima discesa, la seconda salita un po' meno veloce fino al pratone dove spianava un po' e si prendeva la strada verso la forcella dove tra gli incitamenti di Cris che si materializzava continuamente, tra lei e Simone non so quante volte me li sono trovato davanti, o forse era il caldo ed erano miraggi?!?! Comunque proseguo bene girando e ammirando le 3 cime, scendo alla malga e arrivo a Misurina, giro intorno al lago e ricomincio la salita che non faccio neanche finta di correre, mi diverto un po' sul traverso, un po' meno sulla salita e dopo aver scollinato scendo sul ghiaione come i bambini si divertono a sciare sulla neve...Ricomincio a correre, ormai manca poco credo, invece gli ultimi tratti sono interminabili, comica la scena quando vedo il campeggio e penso di essere arrivato, mi son detto: "C'è tanto di orologio", invece non è ancora finita ma ormai manca veramente poco, Simone dice il mio nome al microfono e mi porge la mano, lo stesso Cris e il concorrente arrivato prima di me, è come essere in famiglia, oggi giocavo in casa!

Per essere il mio primo ultratrail il bilancio è decisamente positivo!
Ringrazio Simone e i volontari per l'organizzazione veramente ottima e l'impegno profuso per permetterci di godere di questa giornata.
Non occorre guardare per vedere lontano.

Reivindico absolutamente el derecho al vagabundeo, a la aventura, a la utopìa y al romanticismo...
Fatdaddy

Re: Lavaredo Ultratrail 2008

Messaggio da Fatdaddy »

Vi leggo e vi immagino, cercando (e in parte riuscendo) ad immedesimarmi nelle sensazioni che "voi ultra" provate e che poi trasmettete nelle vostre parole.
Grazie.
Di cuore.
Fatdaddy

Re: Lavaredo Ultratrail 2008

Messaggio da Fatdaddy »

Il " =D> bravobravissimo =D> " era sottinteso. :wink:
Avatar utente
jean
Top Runner
Messaggi: 7886
Iscritto il: 21 feb 2008, 23:01
Località: in mezzo alle risaie

Re: Lavaredo Ultratrail 2008

Messaggio da jean »

Ebbravo Matteo,come ti sei trovato?Sensazioni ?Fisiche e mentali ovviamente...?
Ho visto che c'era anche lì Gaylord,le fa tutte,ma trova sempre qualcuno che va più di lui :mrgreen: :mrgreen:
Immagine
per poter arrivare.....è necessario partire....
Avatar utente
mauri1965
Ultramaratoneta
Messaggi: 1709
Iscritto il: 27 lug 2007, 22:01

Re: Lavaredo Ultratrail 2008

Messaggio da mauri1965 »

Giù il cappello... bravissimo Matteo, dal racconto grazie alla tua modestia, sembra una passeggiata ma sicuramente non lo è, l'ottavo posto assoluto, è una grande prestazione, come lo sono le 6:22' impiegate a soli 47 minuti dal primo.

:hail: :hail: :hail: :hail: :hail:
Avatar utente
jean
Top Runner
Messaggi: 7886
Iscritto il: 21 feb 2008, 23:01
Località: in mezzo alle risaie

Re: Lavaredo Ultratrail 2008

Messaggio da jean »

Sticapperi Matteo mi inchino,allora avevo visto giusto,ma non ero sicuro del cognome =D> =D> ora però abbi pietà di noi :hail: :hail:
Immagine
per poter arrivare.....è necessario partire....
Avatar utente
Albertozan
Top Runner
Messaggi: 7141
Iscritto il: 12 nov 2007, 21:24
Località: Marca Trevigiana

Re: Lavaredo Ultratrail 2008

Messaggio da Albertozan »

che dire :hail: :hail: :hail: :hail: :hail: complimenti Matteo!!
annarella65

Re: Lavaredo Ultratrail 2008

Messaggio da annarella65 »

Gira gira ce ne abbiamo un altro di "stambecco principe delle dolomiti"!! :king:
Tu non hai bisogno di me il 12 luglio...posso andare al mare...
Avatar utente
teomat
Guru
Messaggi: 4692
Iscritto il: 30 lug 2007, 17:23
Località: In viaggio

Re: Lavaredo Ultratrail 2008

Messaggio da teomat »

jean ha scritto:Ebbravo Matteo,come ti sei trovato?Sensazioni ?Fisiche e mentali ovviamente...?
Ho visto che c'era anche lì Gaylord,le fa tutte,ma trova sempre qualcuno che va più di lui :mrgreen: :mrgreen:
Innanzitutto grazie a tutti, Fat, Mauri, Alberto, Jean e Annarella (a proposito, a Forcella Lavaredo, punto più alto della gara, una turista mi ha chiamato "Camoscio delle dolomiti", non so perché mi siete venuti in mente voi due e credo mi si sia stampato in faccia un bel sorriso)...

Come mi sono trovato, diciamo che è stato l'esordio per molti motivi, la gara più lunga mai fatta in montagna, la prima in autosufficienza,...Sono stato anche fortunato, ho mangiato in tutto 3 barrette prese a decathlon in settimana e mai provate prima (della serie che in gara non si improvvisa niente!!) e 3 pastigliette enervit.
Aiutato dal tempo veramente caldo (anche in cima ho scollinato con la maglietta - tipo ciclista - aperta da vero tamarro anche se mi mancava la collana in oro) sono partito molto leggero, con uno zainetto che conteneva giusto la sacca d'acqua e due barrette (che poi sono rimaste lì) e che non avevo mai usato...
Lo zaino l'ho riempito
una volta sola verso il 20^ km, poi ho cercato di tenere quell'acqua e bevevo un po' in tutti i ruscelli che c'erano (anche perché era più fresca). Per fortuna è bastato, ho tagliato il traguardo con due dita d'acqua nel Camel Bag.

Sensazioni: a parte la solita partenza sprint per non rimanere troppo "incastrato", sono salito abbastanza regolare sulla prima salita quasi sempre di corsa nonostante un dolorino al tallone che poi fortunatamente è sparito, la prima discesa è una strada bianca e quindi si potevano far andare le gambe piuttosto bene, la seconda salita si poteva dividere in 3 parti, la prima dove si riusciva a correre ancora in modo redditizio, la seconda dove era praticamente inutile correre a parte un paio di punti e la terza dove spianava un po' e si riusciva ad andare piuttosto bene. Qui cominciava l'attraversamento sotto le pareti nord delle 3 cime e il sentiero era abbastanza tecnico (soprattutto per me visto che in un tratto l'ho mancato completamente e mi sono ritrovato a saltare sui sassi di una specie di morena), così come la discesa seguente e quindi mi sono divertito. Ho sofferto un po' il pezzo in piano che arrivava e girava intorno al lago di Misurina, ho camminato bene quasi tutta la salita fino alla forcella Popena, poi un bel traverso sul ghiaione. Ho sofferto parecchio invece l'ultima salitella dopo il traverso, soprattutto perché non la ricordavo proprio (della serie la prossima volta mi studio meglio l'altimetria) e invece sono sceso molto bene sullo sfasciume dietro, un bel sentiero pezzo tecnico e selettivo. Discesa buona fino alla fine della foresta, poi circa 3 km di piano fatti con passo strisciante e abbastanza sofferti, l'ultimo dei quali interminabile in un prato tagliato e sotto una cappa di caldo impressionante.

Un po' povero il ristoro finale con solo qualche brocca d'acqua, anche se poi era compreso un pasto con primo, secondo, bibita e frutta, (compresa una bella fetta di anguria).

Adesso devo provare le borracce messe sugli spallacci come te (Jean) al Cro perché lo zaino da riempire è piuttosto scomodo. Domenica quando l'ho riempito visto il caldo non ho avuto pensieri e l'ho messo tutto a bagno (anche perché non c'era dentro nulla), in una gara come il Valdigne non so se è il caso di lavare tutto lo zaino compreso il contenuto!
Tra l'altro lo zainetto che ho usato è molto comodo e si muove pochissimo dato che rimane molto alto sulle spalle, però con la sacca d'acqua non ci sta nulla a parte forse le barrette.
Se riesco a mettere le borracce sugli spallacci magari potrei provare a vedere se riesco a far stare il necessario nello zainetto...devo studiarla un po'... :nonzo:

@Annarella: puoi venire comunque a fare la supporter e poi andare al mare! :wink:
Non occorre guardare per vedere lontano.

Reivindico absolutamente el derecho al vagabundeo, a la aventura, a la utopìa y al romanticismo...

Torna a “Trail Running (Cross, Corsa in Montagna, Skyrunning, Ecomaratone...)”