[DIARIO] corsa a 6 gambe (o zampe?)

Racconta le tue storie di passione & sudore

Moderatori: Doriano, Andybike, elisa udine

Rispondi
Avatar utente
Pescanoce
Ultramaratoneta
Utente donatore
Messaggi: 1150
Iscritto il: 28 mag 2016, 12:14

Re: [DIARIO] corsa a 6 gambe (o zampe?)

Messaggio da Pescanoce » 10 ott 2017, 20:56

Ps:e va bene porsi domande su dove si sta andando, ma non eccedere in severità verso quanto fatto finora.
But just because it burns, doesn't mean you're gonna die
You gotta get up and try, and try, and try
daffi
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 158
Iscritto il: 15 feb 2017, 12:36

Re: [DIARIO] corsa a 6 gambe (o zampe?)

Messaggio da daffi » 11 ott 2017, 12:10

@Pesca, ecco forse son diventata ipocondriaca pure io! in effetti piano piano vedo che le cose migliorano, comunque a pensarci fa un po' ridere pensare che una cosa tanto piccola possa provocare tanti problemi... settimana prossima faro' le analisi del sangue che mi ha prescritto l'otorino e poi vediamo come va, al limite tornero' dal mio medico

la frontale c'è ;), ora ho spostato gli allenamenti al primo pomeriggio, ma con il cambio ora di fine mese mi sa che mi toccherà tornare ad allenarmi al buio :D! per fortuna che ho Rezia che mi fa compagnia ;)
daffi
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 158
Iscritto il: 15 feb 2017, 12:36

Re: [DIARIO] corsa a 6 gambe (o zampe?)

Messaggio da daffi » 18 ott 2017, 10:26

L'ultimo allenamento mi ha lasciato l'amaro in bocca.
Parto la mattina alle 7.30 da casa, in breve sono alla partenza dei sentieri, oggi volevo esplorare una zona nuova che sembra promettente per fare le uscite "collinari"... peccato che fin dal primo momento sento rumori di spari, alcuni lontanissimi, altri lontani, altri decisamente vicini. La cosa peggiora quando cambio versante della collina, devo anche fare una deviazione per non finire dove c'è un casello di caccia... poi trovo anche due cacciatori sul sentiero, sono signori anziani e con i tappi nelle orecchie, mi chiedo quanto riescano a vedere (e sentire!), e se poi - presi dall'entusiasmo - sparano senza accorgersi di me?
Insomma, riesco a correre comunque 8 km, il posto è bello e merita ma ci tornero' solo nei giorni di chiusura della caccia :asd2:

Oggi invece mi aspetta il primo fartlek :mrgreen:
Avatar utente
Pescanoce
Ultramaratoneta
Utente donatore
Messaggi: 1150
Iscritto il: 28 mag 2016, 12:14

Re: [DIARIO] corsa a 6 gambe (o zampe?)

Messaggio da Pescanoce » 18 ott 2017, 12:38

:afraid:
But just because it burns, doesn't mean you're gonna die
You gotta get up and try, and try, and try
Avatar utente
Gaietta
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 577
Iscritto il: 20 set 2017, 12:07
Località: Bologna

Re: [DIARIO] corsa a 6 gambe (o zampe?)

Messaggio da Gaietta » 18 ott 2017, 19:30

Me lo chiedo anch'io quanto i cacciatori siano affidabili. In questo periodo sono una gran rottura, anche perché se ne guardano bene da fare rumore e ti accorgi di loro solo quando parte lo sparo...
Tornando alla corsa, continua così [emoji106]Com'è andata l'esperienza del primo fartlek? [emoji16]
Trail della Memoria - Trail dell'Ulivo 45 km - Trail del Cinghiale 60km
daffi
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 158
Iscritto il: 15 feb 2017, 12:36

Re: [DIARIO] corsa a 6 gambe (o zampe?)

Messaggio da daffi » 19 ott 2017, 13:20

Bello il fartlek... o quantomeno, sarebbe stato bello se non mi fossi portata dietro Rezia :D!

In realtà volevo lasciarla a casa, ma quando mi ha visto mettere le scarpe e ha capito che non intendevo portarla con me, mi ha fatto uno sguardo da cerbiatta addolorata, sbattendo le sopracciglia (tecnica che deve aver appreso da mia figlia), così non ho resistito, le ho messo l'imbrago e siamo uscite.
Durante il riscaldamento tutto bene, ha pure imparato a fare i suoi bisogni non troppo lontano dall'unico cestino che incontriamo (!), poi quando si è trattato di cominciare il fartlek son cominciati i guai: quando dovevo accelerare il ritmo, lei trovava il modo per fermarsi ad annusare cani, fare la pipi', avvicinarsi a un gruppo di anziane che prendevano il sole, insomma ogni scusa era buona per fermarsi! A quel punto cercavo di trascinarla ma non è cosi facile accelerare tirandosi dietro 25 kg di cane!!

Beh, comunque ho portato a casa l'allenamento, ma la prossima volta che mi fa lo sguardo dolce, resistero' a ogni costo all'idea di portarla con me!!!!!
daffi
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 158
Iscritto il: 15 feb 2017, 12:36

Re: [DIARIO] corsa a 6 gambe (o zampe?)

Messaggio da daffi » 8 nov 2017, 10:40

Eccoci finalmente al gran giorno della gara .. in effetti non è semplicemente la prima gara su trail che faccio, ma la prima competizione in assoluto alla quale mi sono iscritta: non ho mai partecipato a nessuna cosa del genere, nemmeno da bambina o da ragazzina, da sola o in squadra, insomma mai niente di tutto ciò.
Me lo sono chiesta, il motivo di questa novità, ma non sono giunta a nessuna conclusione certa: un po’ l’ho fatto per mantenere lo stimolo ad allenarmi e migliorare, un po’ perché la corsa si svolge nei miei luoghi del cuore (le vigne della Valtellina), un po’ anche per ricordare mio padre che non c’è più e fare il piccolo gioco di immaginare cosa mi avrebbe detto… ci ho pensato a mio padre, mentre correvo tra i filari delle vigne, al legame che si crea con le persone e i posti, un legame indissolubile e che viene fuori nei modi e nei momenti più impensati.
Ma veniamo al dunque: arriviamo al punto di ritrovo, dove la navetta ci raccoglierà per portarci alla partenza. Fa freddino, metto addosso tutto quello che ho, sul pulmann si sta bene e per fortuna all’arrivo esce un bel sole che riesce a scaldarmi. Lascio la borsa per il cambio e ritiro il pettorale, organizzazione perfetta, in pochi minuti sbrigo tutto e mi dedico al riscaldamento: non sono sola oggi, ci sono amici e anche mio fratello, che si è fatto trascinare nell’impresa.
Continuo a muovermi per trattenere un po’ di calore, quando mancano pochi minuti alla partenza mi tolgo la giacca e sistemo lo zainetto, e poi si parte! Siamo più di 700, un serpentone colorato si dirige verso il paese e poi arriviamo alla prima cantina: già, questo trail ha la particolarità di prevedere il passaggio in una serie di cantine, con possibilità di assaggi di vino, salumi, e tante cose invitanti. Evito il vino a malincuore e mi concedo qualche secondo per ammirare la serie di botti, poi via verso le vigne e i prati, arriva la prima salita dove – come mi ero ripromessa – comincio a camminare per non affaticarmi troppo già all’inizio.
Mi accodo a una donna che procede con passo regolare e al mio ritmo; appena si torna in piano riprendo a correre, con un po’ di su e giù in paese, e all’uscita alla fine di una rampa in leggera salita trovo la mia famiglia: compagno, figlia e pure il nostro cane Rezia! Mia figlia mi abbraccia e mi saluta come se stessi facendo un impresa al limite dell’umano, mi fermo un attimo con loro, baci e abbracci e poi riparto per la ripida salita che si svolge sui sentierini tra le vigne, pensare a come il versante è stato addomesticato dall’uomo alla viticoltura fa una certa impressione… passo regolare e salgo, accompagnata dai guaiti del mio cane che vorrebbe tanto correre con me, come facciamo sempre quando siamo a casa.
Il cielo è tornato del tutto nuvolo, guardo il versante opposto, i boschi che cominciano a ingiallire, il fumo dei camini, sento freddo allo stomaco e corro un po’ con le braccia incrociate sulla pancia, non ho voglia di fermarmi per mettermi il gilet, penso che poi mi scalderò correndo.
Approfitto di un ristoro per bere un bicchiere di the caldo, non mangio nulla e riprendo a correre, ho studiato l’altimetria prima di partire e a questo punto dovrebbe essere quasi tutta discesa… ed è bello correre in discesa sui sentierini tra le vigne, con i volontari che ti dicono “brava” e i vecchietti del paese che ti guardano passare … meno bello, quando ti accorgi che no, le salite non sono finite, dopo ogni discesa c’è una breve risalita che è sufficiente per farmi esaurire le ultime forze: mi sento le gambe “vuote”, non mi è mai successo prima, ma ormai sono in città e si tratta solo di attraversare il centro per arrivare nella piazza di arrivo. Concentro le ultime energie, non mi guardo nemmeno intorno (tanto che non vedo nemmeno il mio compagno e mia figlia che mi incitano!), ma non voglio mettermi a camminare a poche centinaia di metri dall’arrivo! Essendo la prima gara che faccio, non mi viene naturale seguire il percorso tra le transenne, non mi sento certo un’atleta!! Evito all’ultimo secondo di essere investita da un paio di corridori della 21 km che arrivano come treni, e poi ecco il traguardo: già, ma dove è esattamente la linea del traguardo? Non capisco dove sia, continuo a correre fino a quando non mi imbatto negli altri corridori che sono appena arrivati, e finalmente mi fermo e mi gusto un po’ di arance (non immaginavo che ci sarebbe stato un rifornimento all’arrivo), poi trovo la mia famiglia, baci&abbracci, il cane mi tiene il muso (cosi’ sembra!), ritroviamo gli altri e in breve ritiro pacco gara e la borsa con il cambio, tutto perfetto… se non fosse che dopo la doccia ho una specie di congestione che mi impedisce di mangiare, nausea e tachicardia, devo rimanere tranquilla e a stomaco vuoto mentre gli altri si concedono un bel piatto di pasta.
Fortuna che nel giro di un’oretta tutto va a posto, faccio 2 passi per sgranchirmi un po’ le gambe, non so se questo genere di cose fanno per me (troppo affollamento per i miei gusti), mi dico che può essere un diversivo ma che alla fine quello che mi piace della corsa in montagna è andare per sentieri senza troppa gente intorno… e mi sa che anche la mia cagnolona la pensa allo stesso modo!
Avatar utente
corriFabriCorri
Maratoneta
Messaggi: 337
Iscritto il: 31 ott 2013, 11:12
Località: Acireale (CT)

Re: [DIARIO] corsa a 6 gambe (o zampe?)

Messaggio da corriFabriCorri » 8 nov 2017, 10:55

Wow bravissima!!!
Che bello correre con il cane, è sempre stato il mio sogno :D

Vi seguirò con interesse!
Complimenti per il trail, e iscrivi anche Rezia la prossima volta! :D:D:D
10 Km - 44'33" - Elephant Run 2017
Avatar utente
Pescanoce
Ultramaratoneta
Utente donatore
Messaggi: 1150
Iscritto il: 28 mag 2016, 12:14

Re: [DIARIO] corsa a 6 gambe (o zampe?)

Messaggio da Pescanoce » 8 nov 2017, 17:56

Certo devi assolutamentefare una delle gare a 6 zampe che ogni tanto organizzano, se no Rezia non ti scondinzola più!
Sono contenta che ti sia goduta la bella esperienza... forse preferisci i tuoi giri in solitudine, ma ogni tanto fare qualcosa di diverso è un ottimo stimolo!
But just because it burns, doesn't mean you're gonna die
You gotta get up and try, and try, and try
daffi
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 158
Iscritto il: 15 feb 2017, 12:36

Re: [DIARIO] corsa a 6 gambe (o zampe?)

Messaggio da daffi » 9 nov 2017, 10:04

è vero, una gara è comunque un bello stimolo... infatti sto pensando a cosa fare nei prossimi mesi :D!

ci sono anche gare che si possono fare con i cani? sarebbe molto divertente! anche se Rezia è un po' indisciplinata e potrebbe seminare il terrore :shock: ! sabato ho visto 2 corridori alla gara che avevano il cane, non so come hanno fatto in certi punti, alcuni tratti in discesa erano ripidi e mi immagino a farli con un cane che magari tira troppo!
Rispondi

Torna a “Storie di corsa”