Andiamo a correre: Fulvio Massini

Moderatori: F-lu, elisa udine

Rispondi
Avatar utente
The Observer
Guru
Utente donatore
Messaggi: 2863
Iscritto il: 26 mag 2015, 9:05
Località: Central Galaxy

Re: Andiamo a correre: Fulvio Massini

Messaggio da The Observer » 22 gen 2016, 9:39

ho scritto qualcosa su questo volume poco più sopra. Francamente però, una volta che sono andato a guardare con attenzione i suoi contenuti per preparare la mia prima maratona sono rimasto un po' deluso. I contenuti restano interessantissimi, per carità, quello che mi lascia parecchio perplesso è una certa "trascuratezza" qua e là nel volume.

Già il fatto che manchi un indice dei termini usati rende difficile ad un principiante come me - cui il libro é rivolto, visto che si occupa proprio di chi parte da zero! - capire i vari riferimenti.

Poi il volume é piuttosto trasandato, pieno di inconsistenze. Le sigle usate cambiano da capitolo a capitolo, rendendo difficile capire a cosa si riferisca esattamente. Per esempio a volte LP è "Lento Progressivo" a volte "Lento Potente".

Alcuni valori anche cambiano a seconda del punto. Faccio un esempio: Nel Day after parla di un riscaldamento di 3-4 km, ma poche righe dopo di 2-3 Km... uh? Piccoli errori, per carità, ma che irritano un poco un neofita che ha cacciato €17.50, non proprio zero, per materiale che spesso si trova su internet.

Altra cosa è la differenza tra tabelle "distanza tempo" e tabelle "metodo della respirazione". E' chiaro che se uno corre lentamente (tempi tra i 5 e i 6'/km) la seconda non ha molto senso, dato che in 70'+30' = 1h e 40', il massimo di durata, non si fanno più di 16-17 km a 6'/km. Eppure questa indicazione non mi sembra di averla vista. Anzi, Massini consiglia il secondo metodo rispetto al primo, senza distinzioni di sorta. Questo secondo me è un errore abbastanza grave, in quanto la preparazione per la maratona, per esempio, con percorrenze del genere non mi sembra possa risultare sufficiente. O ho dimenticato qualcosa io?

In definitiva resta un ottimo volume ma Massini (o l'editore) dovrebbe fare uno sforzo ulteriore, il cosiddetto "extra mile" per dirla come gli inglesi, e cercare di correggere le numerose trascuratezze, in modo da renderlo più maneggevole per chi ha bisogno di una guida e consistente da capitolo a capitolo.
“Somebody's boring me. I think it's me.” ― Dylan Thomas
Il mio DIARIO. Le mie corse su Strava
Avatar utente
Amil
Guru
Messaggi: 4493
Iscritto il: 10 ago 2015, 17:29
Località: Milano

Re: Andiamo a correre: Fulvio Massini

Messaggio da Amil » 22 gen 2016, 19:36

@observer, ciao caro, bello trovarsi anche qui [emoji6].

Premetto che non ho visto nel dettaglio le parti e gli allenamenti per la maratona e ancora meno quello del ritmo della respirazione perché non li uso, ma farò presente a Fulvio alcuni errori di "consistency" che ogni tanto su qualche sigla. Però considera che su un libro così la casa editrice non è che investe in una revisione [emoji6].


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Running for Passion
21k 1:42.14 (Crema HM 20.11.16)...lontano ricordo..
10k 45:28 (Test gara 7.5.17)
Avatar utente
The Observer
Guru
Utente donatore
Messaggi: 2863
Iscritto il: 26 mag 2015, 9:05
Località: Central Galaxy

Re: Andiamo a correre: Fulvio Massini

Messaggio da The Observer » 22 gen 2016, 19:51

ciao a te Amil.

Magari, sarebbe bellissimo. Avrei una lista di possibili miglioramenti se lo desidera, ma sono sicuro che uno serio come Massini ne è al corrente perfettamente.
Ultima modifica di The Observer il 23 gen 2016, 11:48, modificato 1 volta in totale.
“Somebody's boring me. I think it's me.” ― Dylan Thomas
Il mio DIARIO. Le mie corse su Strava
Avatar utente
pippotek
Guru
Utente donatore
Messaggi: 2355
Iscritto il: 3 dic 2014, 19:20
Località: Torino

Re: Andiamo a correre: Fulvio Massini

Messaggio da pippotek » 22 gen 2016, 20:58

Ne segnalo qualcuno anch'io, nel caso ci fosse la possibilità di correggere la prossima ristampa. Pag 73, "42,195 metri" dovrebbe diventare "42,195 km". Pag 110 ultima riga: "VME" dovrebbe essere corretto in "RME". A pag 172 ultime tre righe non sono chiare: "Fatti gli esercizi di riscaldamento (…) vi sentirete pronti ad affrontare la fase successiva, gli esercizi di riscaldamento." :nonzo:
Comunque "Andiamo a correre" di F. Massini è nel complesso un ottimo libro, che vale sicuramente i soldi spesi. :asd2:
10k 40'06" TuttaDritta 2017
21k 1h30'42" Mezza di Abbiategrasso 2017
____________________________________
"Chi flanella non tarella"
Avatar utente
Amil
Guru
Messaggi: 4493
Iscritto il: 10 ago 2015, 17:29
Località: Milano

Re: Andiamo a correre: Fulvio Massini

Messaggio da Amil » 22 gen 2016, 22:30

Sopratutto se lo paragoniamo ad altri [emoji6]


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Running for Passion
21k 1:42.14 (Crema HM 20.11.16)...lontano ricordo..
10k 45:28 (Test gara 7.5.17)
Avatar utente
The Observer
Guru
Utente donatore
Messaggi: 2863
Iscritto il: 26 mag 2015, 9:05
Località: Central Galaxy

Re: Andiamo a correre: Fulvio Massini

Messaggio da The Observer » 23 gen 2016, 11:32

Quali per esempio?

E' un fatto però che rispetto ai migliori testi analoghi in lingua inglese (perché stiamo parlando infatti di uno dei migliori in italiano, mi sembra) , come accuratezza, grafica e organizzazione del volume, non c'é paragone.

In peggio intendo.
“Somebody's boring me. I think it's me.” ― Dylan Thomas
Il mio DIARIO. Le mie corse su Strava
Avatar utente
The Observer
Guru
Utente donatore
Messaggi: 2863
Iscritto il: 26 mag 2015, 9:05
Località: Central Galaxy

Re: Andiamo a correre: Fulvio Massini

Messaggio da The Observer » 23 gen 2016, 11:45

Altro punto da inserire nell'elenco delle "imprecisioni": il "Lunghissimo Potente" (pag. 142)

Intanto la sigla LP a volte é riferita a questa dicitura, a volte a "Lunghissimo Progressivo" (vedi in fondo a pag. 213). Altre volte per il Lunghissimo Progressivo viene usata la sigla LLP (in alto a pag. 212), il che rende un lettore inesperto come me un po' confuso. Saranno la stessa cosa o due cose diverse? Bisognerebbe rileggere tutto il volume per saperlo con certezza.

Poi al contrario di tutti gli altri allenamenti, la differenza di tempi é riferita a RMA, invece che a VR, il che aumenta la confusione.

Infine, non viene indicato esplicitamente QUANTE VOLTE ripetere i 1000 m il veloce seguiti dai 1000 m a RMA. Non era meglio seguire uno schema univoco: riscaldamento/ripetute/finale, come fatto per esempio per il "Day After"?

Se poi vogliamo essere precisini (e lo siamo ;) ) tutto lo schema di questo paragrafo "Il Lunghissimo Potente (LP)" è diverso da quello degli altri allenamenti: mancano i sottoparagrafi specifici su percorso, frequenza cardiaca, etc. Perché? Non era meglio unificare il formato?

Se trovo altre imprecisioni le continuerò a segnalare caso mai Amil abbia modo di chiedere direttamente all'autore. Sempre in un ottica di critica costruttiva e non di denigrazione, sia chiaro... ;)
“Somebody's boring me. I think it's me.” ― Dylan Thomas
Il mio DIARIO. Le mie corse su Strava
Avatar utente
CarloR
Ultramaratoneta
Utente donatore
Messaggi: 1796
Iscritto il: 14 mar 2014, 15:49
Località: Milano, Lomellina e Valtidone

Re: Andiamo a correre: Fulvio Massini

Messaggio da CarloR » 23 gen 2016, 12:04

The Observer ha scritto: Altra cosa è la differenza tra tabelle "distanza tempo" e tabelle "metodo della respirazione". E' chiaro che se uno corre lentamente (tempi tra i 5 e i 6'/km) la seconda non ha molto senso, dato che in 70'+30' = 1h e 40', il massimo di durata, non si fanno più di 16-17 km a 6'/km. Eppure questa indicazione non mi sembra di averla vista. Anzi, Massini consiglia il secondo metodo rispetto al primo, senza distinzioni di sorta. Questo secondo me è un errore abbastanza grave, in quanto la preparazione per la maratona, per esempio, con percorrenze del genere non mi sembra possa risultare sufficiente. O ho dimenticato qualcosa io?
.
Io quando sono arrivato alla tabella della respirazione ho fatto la tua stessa considerazione e, forse ingiustamente, l'ho estesa a tutto quanto letto dopo. Non ho un buon ricordo di quel libro.
E' anche vero che su un libro sulla corsa si dovrebbero cercare indicazioni di massima su come e quanto allenarsi piuttosto che tabelle, di cui è pieno internet e che sono comunque tutte abbastanza simili.
Avatar utente
Amil
Guru
Messaggi: 4493
Iscritto il: 10 ago 2015, 17:29
Località: Milano

Re: Andiamo a correre: Fulvio Massini

Messaggio da Amil » 23 gen 2016, 13:06

@theobserver, caro si è vero, per noi che abbiamo tanto a che fare con gli inglesi la parte sul LP non è "consistent", con il resto. [emoji3]

Comunque, ribadisco che come primo testo di approccio alla corsa secondo me è meglio sia di quello di Arcelli, sia di Albanesi (il testo generale, quello specifico sulla maratona non l'ho letto) testi che in realtà magari sono più approfonditi su altre cose ma mancano di sintesi e senso pratico. Guarda, il libro di Fulvio è il più "inglese di tutti"!

Prova a dare un occhio a questi altri due, che sono comunque secondo me buono libri in alcune parti, e sono curioso di sentire cosa ne pensi. Arcelli lo trovi su Google play mentre Albanesi e su Kindle. Comunque se avrò occasione segnalerò a Fulvio questi commenti.

Tu invece chi consigli come testi inglesi?li trovo su bookstore in line?

Comunque condivido quello che dice @CarloR che alla fine un testo deve trasmettere un messaggio le tabelle di per se sono relative


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Running for Passion
21k 1:42.14 (Crema HM 20.11.16)...lontano ricordo..
10k 45:28 (Test gara 7.5.17)
Avatar utente
The Observer
Guru
Utente donatore
Messaggi: 2863
Iscritto il: 26 mag 2015, 9:05
Località: Central Galaxy

Re: Andiamo a correre: Fulvio Massini

Messaggio da The Observer » 23 gen 2016, 13:31

diciamo allora che manca un testo italiano "definitivo". Peccato due volte perchè l'impostazione di Massini, in qualche modo molto "italiana", a mio parere sarebbe molto interessante. Il problema secondo me é la mentalità un po' provinciale dell'editoria italiana. Da un volume così non credo che ci si guadagni granché e quindi destinare ore a rieditare non vale la pena...

p.s. i libri in inglese cui mi riferisco te li direi volentieri ma ho ancora tutta la mia roba in viaggio da un continente all'altro (causa inefficienza della compagnia di removal - Ward Van Lines...). Uno per tutti potrebbe essere Lore of Running, di Noakes. Un altro é un libro scritto da un newyorker che fa il coach di professione, ma non riesco a ricordare ne titolo ne autore. Probabilmente esaurito. (EDIT: forse era Jeff Galloway, ma non sono sicuro).

Vivrò in una casa quasi completamente VUOTA. Eccettuato un materasso e due valigie.

E la roba per correre ovviamente... ;)
“Somebody's boring me. I think it's me.” ― Dylan Thomas
Il mio DIARIO. Le mie corse su Strava
Rispondi

Torna a “Libri e letteratura”