[DISCUSSIONE UFFICIALE] Tendine d'Achille

Discussioni e domande sugli infortuni e sui metodi per superarli

Moderatori: filattiera, grantuking, Hystrix, HappyFra

Avatar utente
principe
Maratoneta
Messaggi: 455
Iscritto il: 12 gen 2010, 15:42
Località: Roma

Re: Tendine d'Achille

Messaggio da principe »

Run_Franz_Run ha scritto:soprattutto nn vedo che benefici ti possano dare tre tecar.....
Sicuramente hai ragione che tre tecar non possono fare un gran che, ma nel mio caso aiutano, in quanto ho appena percepito un inizio di tendinite sensazione già avuta la scorsa anno nello stesso periodo con scarpe arrivate e un sovraccarico di lavoro..Quindi rispetto allo scorso anno ho diminutio i carichi,cambiato scarpe e fatto la tecar che per il momento mi ha quasi eliminato la sensazione di fastidio che avevo toccando i tendini con le mani e poi soprattutto erano in offerta :D (3 Tecar 30 euri)
Gas75
Novellino
Messaggi: 18
Iscritto il: 2 giu 2013, 18:35

Re: Tendine d'Achille

Messaggio da Gas75 »

ninja ha scritto:Forse la corsettina di 10 km. e' stata un po' troppo come inizio.
Aspetta che ti ripassi il dolore e riprendi con 1 km. e vedi come va' poi aumenta molto gradualmente.
Ad oggi, dopo essere stato fermo per altre 2 settimane ho ripreso con ritmi più blandi ed il TDA si comporta bene.
Nelle prime corse sentivo ancora qualcosa di strano nonostante non fosse dolore. Ora dopo un paio di settimane dalla ripresa non lo sento più.

Continuerò così con massimo 3 uscite settimanali di un'oretta per un po' ed eventualmente al ritorno del clima fresco intensifico. :thumleft:
Avatar utente
boogie
Novellino
Messaggi: 19
Iscritto il: 5 apr 2013, 19:16

Re: Tendine d'Achille

Messaggio da boogie »

Ciao,
soffro anch’io di questo problema da un po’ di tempo. Ho ricominciato a correre l’estate scorsa (2012) dopo parecchi mesi di inattività completa (non che prima facessi tutto ‘sto gran sport :D ). Ho iniziato con un discreto sovrappeso (1,78h x 86kg X 46anni), intensificando molto rapidamente le sedute, e su percorsi con molti saliscendi.
Questa serie di circostanze sono state probabilmente la causa di un’infiammazione bilaterale ai tda che è apparsa circa dopo un mese dall’inizio. Ho trascurato i primi segnali non avendo coscienza di cosa sarei andato in contro, ed ho continuato fino ad ottobre inoltrato. Nel frattempo visto l’aggravarsi del problema ho cercato di prendere informazioni in rete e ho cominciato a leggere il forum. Devo dire che mi è stato molto utile per prendere coscienza della problematica, e per questo non smetterò mai di ringraziare tutti. La prima decisione è stata quella di sospendere l’attività per un po’ sperando che il riposo fosse sufficiente. Dopo 4 settimane, considerando il sovrappeso e la paura di commettere una stupidata, riprendo mooooolto blandamente, sto parlando di jogging per 6/8 km a circa 7:30 al km (albanesi docet).
Passa un altro mese senza particolari problemi ma sento che c’è qualcosa che non va, sento che i tendini non sono a posto, al tatto mi fanno male, penso che se intensifico torna il dolore, e decido di fermarmi e risolvere definitivamente il problema. Innanzitutto mi convinco che le probabili cause dell’infiammazione vadano rimosse. Decido di dimagrire (oggi che scrivo sono 76kg e ancora non ho ripreso a correre), di potenziarmi con esercizi specifici, e quando ricomincerò, la gradualità sarà il mio primo pensiero. A fine gennaio ecografia il cui esito parla di tendinite (no tendinosi) e l’ortopedico mi prescrive tecar e kinesi. Febbraio lo passo dal fisio e a marzo il medico dice che la situazione è molto migliorata e che secondo lui a maggio posso riprendere. Ma io sento che c’è ancora qualcosa che non va, magari è solo un effetto psicologico ma al tatto sento ancora un po’ di dolore. Allora decido di darmi altri due mesi di stop fino a luglio. Luglio si avvicina e i dubbi sono ancora tanti, così mi rivolgo a un altro medico, scelto in rete cercando tra i più competenti sul problema. Mi visita un ortopedico traumatologo specializzato in fisiatra e medicina dello sport. Mi dice che non ci sono problemi, sono a posto, ho una leggera peritendinite, mi indica esercizi da fare per una settimana e poi posso riprendere. Ora la settimana è scaduta e lunedì dovrei ricominciare. Sono passati 6 mesi, speriamo bene…

Scusate per il lungo post, ma volevo condividere la mia storia, forse per trovare un po’ il coraggio di ripartire.

Ciao a tutti
Massimo
Avatar utente
ninja
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 557
Iscritto il: 12 dic 2011, 13:26

Re: Tendine d'Achille

Messaggio da ninja »

Gas75 ha scritto:
ninja ha scritto:Forse la corsettina di 10 km. e' stata un po' troppo come inizio.
Aspetta che ti ripassi il dolore e riprendi con 1 km. e vedi come va' poi aumenta molto gradualmente.
Ad oggi, dopo essere stato fermo per altre 2 settimane ho ripreso con ritmi più blandi ed il TDA si comporta bene.
Nelle prime corse sentivo ancora qualcosa di strano nonostante non fosse dolore. Ora dopo un paio di settimane dalla ripresa non lo sento più.

Continuerò così con massimo 3 uscite settimanali di un'oretta per un po' ed eventualmente al ritorno del clima fresco intensifico. :thumleft:
3 uscite settimanali da un'oretta dopo una tendinite??? :shock: :pale: :shock: :pale:
Avatar utente
aaaasmile
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 225
Iscritto il: 26 feb 2011, 22:24
Località: Vienna

Re: Tendine d'Achille

Messaggio da aaaasmile »

@boogie: ottimo racconto. Certo che se l'ortopedico ti dice che sei a posto e che il mese successivo puoi riprendere, vuole andare sul sicuro. Però riprendere a correre dopo così tanto tempo deve essere molto bello. Sopratutto quando si ritorna a casa con la consapevolezza di esserci saltati fuori. Buona ripresa.
Avatar utente
lilligas Utente donatore Donatore
Top Runner
Messaggi: 8444
Iscritto il: 23 lug 2011, 12:58
Località: Arezzo

Re: Tendine d'Achille

Messaggio da lilligas »

Ho letto tutti i post arretrati, 'stò benedetto TDA dà veramente tanto fastidio a noi runner! E' subdolo, quando credi di poter ripartire...zac! Eccolo che torna fuori e via, bisogna stare fermi di nuovo......io credo di esserne uscita finalmente, però se corro in salita sento che si affatica un pò, poi facendo tratti in piano il fastidio sparisce e comunque il giorno dopo non sento niente, neanche appena mi alzo dal letto. Segno più che positivo, dal momento che mesi fà, invece, se non facevo stretching ero costretta a zoppicare per diversi minuti appena alzata :afraid: che tristezza ripensarci.......
42km: 3h20'19''Pisa '14
50 km: 4h27'15''Seregno '16
100 Km: 9h24'51" Seregno '18
6h: 66,541 km Sud-Tirol '17
12h: 121,620 km Franciacorta '18
24h: 213,846 km Mondiale Albi '19
Avatar utente
lilligas Utente donatore Donatore
Top Runner
Messaggi: 8444
Iscritto il: 23 lug 2011, 12:58
Località: Arezzo

Re: Tendine d'Achille

Messaggio da lilligas »

boogie ha scritto:Ora la settimana è scaduta e lunedì dovrei ricominciare. Sono passati 6 mesi, speriamo bene…
Com'è andata boogie? Secondo me 6 mesi di riposo sono bastati....aspettiamo news!
42km: 3h20'19''Pisa '14
50 km: 4h27'15''Seregno '16
100 Km: 9h24'51" Seregno '18
6h: 66,541 km Sud-Tirol '17
12h: 121,620 km Franciacorta '18
24h: 213,846 km Mondiale Albi '19
emilianorossi
Novellino
Messaggi: 30
Iscritto il: 4 set 2012, 23:23

Re: Tendine d'Achille

Messaggio da emilianorossi »

boogie ha scritto: ho una leggera peritendinite, mi indica esercizi da fare per una settimana e poi posso riprendere.
siccome ho una peritendinite anch'io (purtroppo con ispessimento residuo, tessuto cicatriziale) volevo chiederti se sono esercizi specifici per la peritendinite oppure generici esercizi di potenziamento.
non ho ancora trovato nulla riguardo al miglioramento della peritendinite, in particolare riguardo la possibilità di rimozione delle cicatrici.
grazie, ciao
Avatar utente
boogie
Novellino
Messaggi: 19
Iscritto il: 5 apr 2013, 19:16

Re: Tendine d'Achille

Messaggio da boogie »

Ciao,
innanzitutto grazie per l’incoraggiamento, devo dire che forse ho esagerato ad aspettare tanto per riprendere ma i dubbi erano e sono ancora tanti. Dopo aver letto tutto il thread ho capito che le ricadute sono sempre dietro l’angolo, e la paura di ricascarci o rovinare il recupero per aver anticipato troppo la ripresa mi ha consigliato di aspettare. Soprattutto se penso che ho la strana percezione che ci sia sempre qualcosa che non va.
Ma veniamo all’uscita di ieri sera. Mi sono imposto di iniziare molto gradualmente è ho deciso di iniziare da capo come un principiante che non ha mai corso prima. Primo livello di Albanesi. Devo dire nessun fastidio particolare né tantomeno dolore. Voleva essere solo un primo assaggio per vedere le conseguenze. Per adesso imposto tre uscite settimanali con 2 di nuoto in aggiunta per tutto il mese di luglio. Incrementi saranno dettati dalle sensazioni, comunque sempre con molta attenzione. Se tra qualche mese il recupero sarà definitivo, l’intensità e la qualità degli allenamenti saranno rimodulati di conseguenza.

@emilianorossi: si tratta di tre semplici esercizi ma non direi siano particolarmente specifici per la peritendinite quanto più per le tendinopatie ai tda in generale, me li ha indicati in riferimento alla mia situazione dopo avermi visitato. Sono probabilmente noti a tutti, provo a spiegarli:
1)fronte muro, braccia alzate in appoggio sul muro, gambe leggermente divaricate, sollevamento sulle punte e ridiscesa, una specie di eccentrico più semplice e meno oneroso, mi ha detto di farne il più possibile durante la giornata
2)seduto, ad esempio la sera mentre si guarda la tv, piedi sollevati da terra, movimento della caviglia, dalla distensione del piede per allungarlo fino alla posizione contraria, questo esercizio me lo ha indicato anche la mattina prima di scendere dal letto per un paio di minuti per ovviare alla sensazione di rigidità dei primi passi.
3)esercizio di stretching, gradino basso, tallone sulla base del gradino, dita sopra il gradino in posizione prensile, gamba diritta in verticale sul gradino sino alla sensazione di allungamento stiramento del polpaccio per max una trentina di secondi

per quanto riguarda la possibilità di rimozione delle cicatrici proprio non saprei.

Continuerò a tenervi aggiornati sul recupero, sperando che la mia esperienza possa essere utile.
Ciao e in bocca al lupo a tutti!
Geco74
Novellino
Messaggi: 26
Iscritto il: 2 apr 2013, 10:54

Re: Tendine d'Achille

Messaggio da Geco74 »

Buongiorno,
vi aggiorno sul mio "calvario" dopo visita ortopedica ho fatto la terapia prescritta (bombardamento di farmaci per 2 settimane) laser e ultrasuoni. Ho iniziato poi lo streching passivo prescritto dal medico che però per il fisioterapista tanto "passivo" non deve essere ... ho trovato inizialmente giovamento ma poi forse sforzando un po' troppo con gli esercizi (principalmente esercizi con l'elastico) mi è tornato il dolore .... ora ho riniziato a fare un po' il laser per far passare l'infiammazione per poi riprendere nuovamente gli esercizi. Parlando però con alcuni medici mi hanno detto che essendo ormai il problema cronico ( sono passati ormai 5 mesi!) con questa terapia non risolverò ed ho bisogno di onde d'urto o iniezione di gel piastrinico. Ne sapete qualcosa? Penso che se continuo così la prima visita che dovrò fare è da uno psichiatra!!!!!!

Torna a “Infortuni e Terapie”