[DIARIO] SEMI SERIO DI UN EX ATLETA

Racconta le tue storie di passione & sudore

Moderatori: Doriano, Andybike, elisa udine

Bloccato
Avatar utente
Bussino71
Guru
Messaggi: 3295
Iscritto il: 25 feb 2014, 10:09

[DIARIO] SEMI SERIO DI UN EX ATLETA

Messaggio da Bussino71 » 27 mar 2014, 11:06

Ho deciso, Vi racconto chi sono
Mi chiamo Alberto Lazzerini, ma tutti soprattutto nel mondo del Trail mi conoscono come Bussino
42 anni Marito di una splendida Moglie anche lei sportiva, e padre della bambina più bella del mondo che tra poco più di una settimana finirà due anni.

Nel mondo delle corse ci sono sempre stato, i miei mi portarono a fare Atletica all'età di sei anni e da allora è un amore incondizionato, anche se nel mezzo ci sono 15 anni di stop forzato.

Il mio momento migliore l'ho avuto tra i 18 ed i 21 anni, correvo i 10000m in 31'40 ed ho un personale di 14'58 nei 5000m, ho anche un personale di 2h37 in maratona fatto a 20 anni in una gara in Francia di cui non riesco a ritrovarne traccia.
Il momento d'oro di quel periodo è stato però sulle gare in strada, e quelle di corsa in montagna dove spesso vincevo con notevoli distacchi, in una di queste tanto per farvi capire, un allenatore disse al suo atleta oggi si corre per il secondo posto c'è Alberto (lui arrivò terzo... io? secondo :sbonk:), a dicembre 1993 parto per il servizio di leva, faccio i provini per il gruppo sportivo e lì supero senza problemi, ai primi di gennaio dovrei avere il sospirato trasferimento, che però non si concrettizzerà mai, il comandante dell'11° reg. Bersaglieri (caserma opertiva), militare convinto nega il trasferimento, e così i mi ritrovo a fare il soldato in una delle caserme col più alto grado di preparazione militare d'Italia, campi di addestramento in sardegna, addestramenti coordinati con gli americani, i francesi, spagnoli tutto questo perché che era uno dei due reggimenti italiani insieme alla Folgore, facente capo al gruppo di intervento rapido della Nato per le missioni militari... che culo è :rambo: :salut: :mrgreen: . Il mio destino cambia il 1 luglio 1993, mentre rientriamo da un permesso premio, mentre dormo in macchiana il mio commilitone si addormenta alla guida e con la sua A112, ci schiantiamo contro un platano, ma non era il mio momento, per puro caso visto che non c'era l'obbligo, mi ero all'acciato la cintura di sicurezza solo per potermi appoggiare per dormire meglio, quel gesto però mi ha salvato la vita, ma le conseguenze furono comunque belle pesanti, frattura plurima scomposta della mandibola per un totale di 30 tra fratture principali e secondarie, schiacciamento della milza (per fortuna rissorbito in maniera naturale) interessamento della spalla sinistra dello sterno e della spalla destra. Inizia così il mio calvario 5 anni dentro e fuori dagli ospedali costellati da diversi interventi chirugici, che hanno la principale causa di allontanarmi dalle corse. Così passano gli anni, seguo lo sport da dietro una scrivania come dirigente di pallavolo, l'unica attività fisica che mi concedo sono i campionati amatoriali di calcio a 5 come portiere. Le corse le seguo con un occhio e col cuore gonfio, ma rifiutandomi di tornare. Poi arriva il 2008 peso 93/94 kg ed inizio ad andare in palestra, lì conosco delle persone che vengono dal mondo dell'atletica e che spingono gli iscritti della palestra a fare gare podistiche, così un sabato mi decido e vado anch'io da lì l'amore rinasce, il fuoco sopito sotto le ceneri si ravviva, e la passione soprattutto per le gare lunghe prende il sopravvento e così decido "devo fare la maratona di NY" ed anche una gara nel deserto (sogni di quando avevo 20 anni), convinco i ragazzi della palestra ed organizziamo un gruppo che prenderà parte alla 40ma edizione di NY, la testa diceva si il fisico un po' meno, visto che i miei 93/94 kg non erano certo l'ideale e soprattutto tenuto conto, che non andavo a correre praticamente mai. Ad un mese e mezzo dalla maratona ho nelle gambe l'autonomia di poco più di 12/13 km, così mi decido e vado a trovare il mio vecchio allenatore il quale mi da del grullo ma siamo amici e così mi butta giù una tabella che mi permetta di finire la gara senza troppe pretese, principalmente corsa per dimagrire e tante ripetute per mettere un po' di ritmo nelle gambe qui sta la differenza tra un allenatore che ti conosce e ti segue e le tabelle fisse scaricate su internet. In quel mese e mezzo sono riuscito a mettere un po' di banane nel motore e a togliere 6kg di peso. Arrivo a NY senza sapere cosa avrei potuto fare, senza un tempo nella testa con l'unica idea quella di essere il più regolare possibile durante la gara. Ma ecco la prima notizia incredibile, in questo gli americani sono unici c'è poco da fare, al ritiro del pettorale mi vedo assegnare il n°7458 colore Blu raggruppamento denominato Professional Man quella che per intenderci, fa parte della prima onda di partenza subito dietro ai Professionisti composta principalmente da chi ha come personale sotto le 3h, sono passati 15 anni ma dove ca**o hanno torvato il mio personale? boh, ma questo mi gasa e non poco, potrò partire subito senza la calca dei 50000 e provare a tenere il mio penoso ritmo per il maggior tempo possibile, ipotizzo per poco visto che il mio massimo lungo fatto, e con le ripetute di 400m, manco in maniera continuativa è stato di 25km, ma alla fin fine non posso definire nemmeno così penoso il mio ritmo visto che chiudo la maratona nel tempo di 3h51' distrutto si ma sempre sotto le 4h.
Come è logico che sia ormai l'amore è riesploso totalmente, mi gaso di quello che ho fatto e mi metto ad allenarmi con maggiore serietà e continuità, così 4/5 mesi dopo parto alla volta di Barcellona per la mia seconda maratona della mia nuova vita sportiva, tempo finale 3h21' e spiccioli, in poco tempo ho limato mezz'ora al mio nuovo personale (è inutile parlare di tempi vecchi di 15 anni), il prossimo obbiettivo andare sotto le tre ore, ma quello per il momento è un obbiettivo messo in frigo, perché nel frattempo è riesploso un altro amore vero il Trail, le Ultra e le gare nel deserto. Ma questa è un'altra storia che vi racconterò nei prossimi giorni.
La Morte la c'ha a trovà' vivi...
"Forse sono troppo vecchio per la Corsa, ma non oggi."
http://runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=31915 (prima parte)
viewtopic.php?f=16&t=41470 (il viaggio continua)
Avatar utente
MarcelloS.
Top Runner
Utente donatore
Messaggi: 20719
Iscritto il: 26 mag 2010, 22:45
Località: Erba (CO) e Arezzo

Re: [DIARIO] SEMI SERIO DI UN EX ATLETA

Messaggio da MarcelloS. » 27 mar 2014, 11:25

Porca miseria che storia! Complimenti per tutto =D> =D> =D>
PB:
21,097km:1:22:50 ('11) - 42,195km:2:59:49 ('12)
60km:4:58:08 ('13) - 100km:8:57:38 ('18) - 6h:65,963 ('17)
12h:121,724 km ('16): 1°classificato 12h Reggio Emilia
24h:200,920 km ('17)
Nove Colli Finisher 202,4 km ('18)
Maratone:20+1eco - Ultra:61,5
Avatar utente
StePo8
Top Runner
Utente donatore
Messaggi: 6633
Iscritto il: 3 ago 2011, 11:44
Località: Mariano CO

Re: [DIARIO] SEMI SERIO DI UN EX ATLETA

Messaggio da StePo8 » 27 mar 2014, 11:36

wow Bussino!
che storia emozionante, =D> =D>
certo che quando uno ha della "stoffa" non la si perde mai ! :hail:

Complimenti per tutto e in bocca al lupo, sei un grande! :beer:
... i secondi persi all'inizio, sono minuti guadagnati alla fine...
29 Maratone: LMM 3h13' , Venezia 2012 io c'ero
Triathlon, 5 Medi e 4 Olimpico
2018: Ironman Zurigo :thumleft:
Avatar utente
Fartleko
Guru
Messaggi: 4358
Iscritto il: 12 ott 2013, 10:47

Re: [DIARIO] SEMI SERIO DI UN EX ATLETA

Messaggio da Fartleko » 27 mar 2014, 12:33

Bellissima Storia. =D> =D>
Training By Feel & GPS Free
"The only way to define your limits is by going beyond them." - Arthur Clarke
Avatar utente
juanni
Top Runner
Messaggi: 6302
Iscritto il: 1 giu 2011, 20:10
Località: Marmilla

Re: [DIARIO] SEMI SERIO DI UN EX ATLETA

Messaggio da juanni » 27 mar 2014, 12:52

:D :D
Bella storia Bussino :beer: :beer:
Ciao, "IL BOTTIGLIARO", non ti dimenticherò mai. BUONI SOGNI.
Avatar utente
MaxF
Guru
Messaggi: 3247
Iscritto il: 26 ott 2009, 0:49
Località: Milano

Re: [DIARIO] SEMI SERIO DI UN EX ATLETA

Messaggio da MaxF » 27 mar 2014, 13:04

Anche se non ricordavo quel reggimento, la storia che hai raccontato sembrava simile alla mia, così sono andato su wikipedia e ho letto:
L'11º Reggimento bersaglieri, le cui tradizioni sono state custodite dal 27º Battaglione bersaglieri "Jamiano", venne ricostituito il 30 settembre 1992.
Non siamo commilitoni per poco, io ho finito nel 1989 (ad Aviano, dove c'era il 27°).

Bellissima storia, concordo, e grazie per avercela raccontata.
Milano Nord parkrun, 5km cronometrati, gratis e in compagnia, tutti i sabati alle 9. Vieni anche tu!

Ciao Krily, per sempre me con me
Avatar utente
Bussino71
Guru
Messaggi: 3295
Iscritto il: 25 feb 2014, 10:09

Re: [DIARIO] SEMI SERIO DI UN EX ATLETA

Messaggio da Bussino71 » 27 mar 2014, 13:06

Grazie ragazzi, lieto vi sia piaciuto, mi piace ricordare il passato, ma amo più le sfide future, nel giro di un paio di volte arriverò al presente, e la storia la scriveremo insieme

Inviato dal mio SM-N9005 utilizzando Tapatalk
La Morte la c'ha a trovà' vivi...
"Forse sono troppo vecchio per la Corsa, ma non oggi."
http://runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=31915 (prima parte)
viewtopic.php?f=16&t=41470 (il viaggio continua)
Avatar utente
giokaos
Guru
Messaggi: 4418
Iscritto il: 9 set 2012, 14:53
Località: Chiavenna

Re: [DIARIO] SEMI SERIO DI UN EX ATLETA

Messaggio da giokaos » 27 mar 2014, 13:38

:hail: Resto in attesa del resto della storia :thumleft:
Avatar utente
Bussino71
Guru
Messaggi: 3295
Iscritto il: 25 feb 2014, 10:09

Re: [DIARIO] SEMI SERIO DI UN EX ATLETA

Messaggio da Bussino71 » 27 mar 2014, 13:44

MaxF esattamente, di quell'anno resta comunque dei ricordi indelebili e due su tutti, il primo è legato ad un esercitazione fatta in Sardegna durata un mese io sono Bersagliere Mortaista (Bersagliere tutta la vita) ed l'11reg. Quell'anno ha rimesso in vigore il tiro diretto con mortaio sul bersaglio era dalla 2 guerra mondiale che non veniva fatto ed ho avuto l'onore di far parte di quel primo tiro.
L'altra meno piacevole sentire il colonnello all'alzabandiera "partiamo per il Mozambico, che sia missione di pace o di guerra dobbiamo attestarci tra le fazioni in lotta e fermare il massacro tra hutu e tutsi e dovremo restare lì fino a quando la Nato non manderà i caschi blu, siete preparati faremo il nostro dovere" dormimmo due notti all'interno degli hangar di Aviano pronti a partire. Poi mandaro i Francesi come caschi blu. Ma di questo per fortuna i libri di storia non ne avranno traccia

Inviato dal mio SM-N9005 utilizzando Tapatalk
La Morte la c'ha a trovà' vivi...
"Forse sono troppo vecchio per la Corsa, ma non oggi."
http://runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=31915 (prima parte)
viewtopic.php?f=16&t=41470 (il viaggio continua)
Avatar utente
Bussino71
Guru
Messaggi: 3295
Iscritto il: 25 feb 2014, 10:09

Re: [DIARIO] SEMI SERIO DI UN EX ATLETA

Messaggio da Bussino71 » 27 mar 2014, 13:47

Giokaos stasera ci metto mano [SMILING FACE WITH SMILING EYES]

Inviato dal mio SM-N9005 utilizzando Tapatalk
La Morte la c'ha a trovà' vivi...
"Forse sono troppo vecchio per la Corsa, ma non oggi."
http://runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=31915 (prima parte)
viewtopic.php?f=16&t=41470 (il viaggio continua)
Bloccato

Torna a “Storie di corsa”