Mezza tra 1h30' ed 1h50' (e variazioni sul tema) Gruppo virtuale aperto d'allenamento (6)

Moderatori: Doriano, fujiko, franchino, gambacorta

Rispondi
Avatar utente
fujiko
Pink-Moderator
Messaggi: 18940
Iscritto il: 18 set 2014, 13:54
Località: Roma - Palermo

Re: Mezza tra 1h30' ed 1h50' (e variazioni sul tema) Gruppo virtuale aperto d'allenamento (6)

Messaggio da fujiko » 2 dic 2019, 22:52

@Valby se hai un personale di 51 sui 10K, 5'40 non è affatto un lento, ma un medio bello e buono. Rallenta, sennò ci credo che i battiti salgono ;)
Never trouble trouble till trouble troubles you, 'cause if you trouble trouble, you'll only double trouble and trouble others, too.
paul mone
Mezzofondista
Messaggi: 57
Iscritto il: 29 mag 2017, 15:29

Re: Mezza tra 1h30' ed 1h50' (e variazioni sul tema) Gruppo virtuale aperto d'allenamento (6)

Messaggio da paul mone » 3 dic 2019, 0:05

@Runiko, davvero tosti, ma per ora funzionano, quindi persevero. Magari con una settimana di scarico ogni tanto...
@Marijus, nessuna VR, sono partito dal passo della mezza fatta ad ottobre, 4'50", e da lì ho basato ogni allenamento sul passo tenuto in quello precedente e vedendo che scendevo ogni settimana di un secondo o due.
Avatar utente
franciswolves
Ultramaratoneta
Messaggi: 1769
Iscritto il: 2 ott 2011, 13:07
Località: BG-MI

Re: Mezza tra 1h30' ed 1h50' (e variazioni sul tema) Gruppo virtuale aperto d'allenamento (6)

Messaggio da franciswolves » 3 dic 2019, 0:18

Chiedo scusa per il ritardo, ma ci tenevo.
Buona lettura a chi vorrà arrivare in fondo.
-----------------------
Le premesse del sabato mattina non sono granché, a Milano fischia il vento e infuria la bufera (più o meno).
Le premesse del sabato pomeriggio sono ancora peggio, visto che, all'arrivo a Firenze, i proprietari dell'Airbnb risultano dispersi - nonostante avessi confermato l'orario d'arrivo poco tempo prima. Arrivano, infine, in formato famiglia: lui (toscano), lei (est Europa?) e bimbo (sorridente). Sono stati all'Ikea, mi dicono, mentre aprono la porta di casa, e hanno comprato un tavolo nuovo per il "mio" salotto. Ne prendo atto, deposito lo zaino e li lascio alle operazioni di montaggio. Nel frattempo mi dirigo alla Leopolda per ritirare il pettorale e, nonostante alcuni intoppi lungo il percorso (tipo perdersi con Google Maps acceso), raggiungo l'expo. "Sarà una delusione come a Venezia?", mi domando. È una delusione come a Venezia, confermo. [Magari a voi piace andare a far quattro chiacchiere con i tizi degli stand per recuperare qualche buono sconto per maratone future, eh. A me viene solo l'ansia.] Cerco di dribblare più volantinari possibile ma alla lunga soccombo e mi vedo costretto ad aggiungere altra paccottiglia a quella già presente nel pacco gara. Il posto in sé non è male, meno asfittico rispetto a Venezia, ma i contenuti mi lasciano sempre un po' perplesso. La maglia, in compenso, è bbbella. Quando chiedo una L, la ragazza al banco me la sventola davanti agli occhi (la maglia, eh) come a dire: "Ma sei sicuro?". E io: "Sì sì, va benone", ché di magliette che fanno risaltare la panza ne ho già a sufficienza.

Appena ho tutto il necessario fuggo dalla Leopolda, faccio un po' di spesa per i tre giorni fiorentini e torno fiducioso all'Airbnb. La fiducia si rivela mal riposta, visto che l'intera famiglia di cui sopra (bimbo compreso) è ancora alle prese con l'arduo montaggio (qualora vi interessasse: tavolo Glivarp, 4.2 stelline su 5 sul sito Ikea, 190€). Glivarp è ancora a pezzi e il tavolo vecchio è ancora al suo posto, impedendo per di più l'accesso al frigorifero. Mi trovo quindi costretto ad abbandonare la spesa a sé stessa e ritirarmi in stanza, dove attendo che il capofamiglia vinca la lotta contro Glivarp e mi conceda infine di accedere alla cucina. All'alba delle 16.30, Glivarp è in grado di reggersi in piedi da solo e il proprietario dell'Airbnb lo guarda con soddisfazione e affetto, un po' come Geppetto guarda Pinocchio dopo averlo scolpito. Finalmente, una volta solo, posso dedicarmi all'attività prevista per la serata: abbandonarmi all'ansia pre-gara (Canotta? Termica? Termica e canotta? Quali pacer ci sono? Dove partiranno? Useranno il real time? Perché mi sono iscritto? Scoppierò al 28esimo come l'anno scorso? O ancora prima? Quali sono le probabilità di acqua alta a Firenze? Ma quindi Piatek era davvero un bluff? La Cina riuscirà a scalzare definitivamente gli USA e diventare la prima potenza economica al mondo?)

La notte va relativamente bene, per uno abituato a non dormire benissimo.
Sveglia, colazione, scelta outfit e via. Devo percorrere ben 3 minuti a piedi per raggiungere la piazza di Santa Maria Novella, che è ancora semi-immersa nell'oscurità. I camion Bartolini per il deposito borse, va detto, rovinano un po' la poesia. Rapido controllo Whatsapp e vedo che Mirco @ciromi è già in zona - lo raggiungo nei tendoni/spogliatoi, gli occhiali da pro lo rendono inconfondibile. Insieme raggiungiamo Nadia @evuelledi, che è già in assetto da gara (con felpa tecnico-tattica). Grazie alla loro simpatia la tensione cala, il che non fa mai male. Indosso l'elegante sacco azzurro simil-spazzatura del pacco gara e, dopo aver incrociato Marco @mampr, con Mirco e Nadia raggiungo l'Apple Store di Piazza della Repubblica per il ritrovo forum ufficiale. Qualche stretta di mano, due battute e via, ognuno al proprio destino. A quel punto mi concedo ben 1km per scaldarmi (@esteban ti abbiamo pensato e citato tutti, sei il nostro riferimento ufficiale quando si tratta di riscaldamento). Raggiungo la griglia grigia e per puro caso becco Max @hawker, uno dei reduci del gruppo "Stramilano in 2 ore" creato qui sul forum per l'esordio nel 2016. Con lui l'attesa è molto meno pesante, tra cover metal dei Cranberries e progetti di supermegaultratrail da ventordicimila metri di dislivello. Progetti solo ed esclusivamente suoi, sia chiaro. Giusto il tempo di sfilare il sacco azzurro in perfetto stile Balotelli e si parte.

La partenza è tranquilla, o almeno così la ricordo. Niente cadute, niente spinte, niente bestemmioni. Bello. A Milano sarebbe già partito un clacson. È anche vero che è difficile non prenderla tranquilla, vista la marea di gente. Il primo chilometro esce a 4'58: va bene la tranquillità, ma forse è il caso di darsi una mossa. Un marciapiede qui, un'isola pedonale là, allungo la strada ma supero un po' di gente. Al secondo km già sto sudando, il che mi fa pensare a Greta Thunberg, visto che siamo a fine novembre e uno avrebbe il diritto di aspettarsi un po' di freddo. Va be'. Faccio finta di fare quello serio e mi concentro sulla gara, cercando di stabilizzare il passo. Le gallerie non aiutano, ma alla fine torno più o meno in bolla. Come l'anno scorso, prendo il lap manuale ogni 5km. Sarebbe stato utile memorizzare quale parziale avrei dovuto tenere prima di iniziare la gara, invece di dedicarmi ora a calcoli e proiezioni, ma mi dico che così mi distraggo, quindi tutto bene.

5K - 23'51 [Venezia '18: 23'10]

Non male dai. Un po' di tempo perso all'inizio ci sta. Continuo con le operazioni di sorpasso e al contempo scopro nuove zone di Firenze. Il passaggio al parco delle Cascine pare una tappa del Giro d'Italia, quando mancano ancora vagonate di km all'arrivo e parecchi in gruppo si fermano a fare pipì in compagnia, uno accanto all'altro. Mi viene in mente Mirco e il suo albero "di fiducia", innaffiato a ogni partecipazione. Vedo due ragazze francesi tra il pubblico con il cartello "Sorridete se non portate le mutande". Mi guardo intorno per vedere se qualcuno ci fa caso, ma vedo solo smorfie di fatica. Qualcuno già rantola - vade retro! Fuggo dai podisti ansimanti e raggiungo il passaggio ai 10km.

10K - 23'15 [23'00]

So far, so good. Provo a proiettare il tempo dei 10km sul tempo finale, ma poco dopo mi dico che se in terza liceo ho preso un debito in matematica ci sarà un motivo, quindi rinuncio e attendo il passaggio alla mezza. Nel frattempo siamo ancora alle Cascine. Mi torna in mente la 30km di Monza, con la gente che porta a spasso il cane con nonchalance mentre centinaia di tizi sudati si trascinano a pochi metri di distanza. A Monza non era andata affatto male, anche se nel finale avevo percepito quanto poco bastasse per andare fuori giri. Ohibò, all'orizzonte si intravvede il cartello dei 15km, prendiamo il parziale, va'.

15K - 23'13 [23'01]

Sulla musica ci sarebbe da discutere. C'è stato molto di peggio (Giusy Ferreri in partenza, non mi ricordo più dove, o la tizia di qualche talent che aveva seviziato l'inno di Mameli a Brescia nel 2017), ma i camioncini con le casse lungo il percorso che passano questa specie di blues malinconico da sbronza triste non sono esattamente l'ideale per dare la carica. Molto meglio le band live, i bersaglieri e i gruppi di percussionisti sparsi qua e là. Siamo fuori dal parco, finalmente, e costeggiamo l'Arno. Mi viene in mente la notizia della voragine in Lungarno Diaz e mi domando se il percorso alternativo sia comunque omologato (visti i fatti successivi, un dubbio alquanto inutile). Ponte della Vittoria, poi un drittone piuttosto tranquillo, quindi la sorpresa: Ponte Vecchio è una bolgia! Ma che figata! Sorrido come un ebete e sento la pelle d'oca mentre imbocco il ponte a palla (il gps dirà che ho toccato i 4' netti). Dopo tanta tranquillità, una scossa riscuote il gruppo. L'effetto continua su Ponte alle Grazie: pure lì picco ai 4'/km, svolta a sinistra e il passaggio ai 20km è archiviato.

20K - 23'34 [23'10]

Arriva la mezza. Per fare 3h17' a quanto devo fare la mezza? Fino a lì ci arrivo: 1h38'30. Passo in 1h41' abbondante. Un poco mi deprimo. Ok il real time, ma sono così indietro sulla tabella di marcia? Poi però penso a Venezia. Lì alla mezza mi ero detto chiaramente: "per come sono messo ora, non arriverò mai a farne 42". Qui invece no, tutto sommato. Cerco di tenere lontani i pensieri negativi, mentre imbocchiamo il terzo e ultimo ponte e ci avviciniamo a Santa Croce. Continuo a superare gente, il che non mi fa schifo, ma in maratona non si sa mai. Mi distraggo interrogandomi su podisti dalle fisionomie bizzarre e dalla digestione discutibile (uno del gruppo delle 3h30' aveva chiaramente mangiato la fagiolata che Nadia aveva solo ipotizzato di concedersi).

25K - 23'11 [22'51]

Il passaggio 20-25 è il più veloce, come a Venezia, chissà perché. Usciamo di nuovo dal centro ed entriamo nella zona più anonima, quella che porta allo stadio Franchi. Mentre cerco di ignorare i brutti ricordi del 28°km dell'anno scorso, mi torna in mente quanto Cristiano @conca (che negli ultimi mesi ho seguito da lontano ma con grande interesse nel suo viaggio verso il 2h57' di ieri a Valencia) aveva scritto da qualche parte, ovvero che il pezzo dal 21esimo al 30esimo va considerato come un trasferimento, un qualcosa di puramente logistico che ti porta dalla mezza all'inizio della maratona vera e propria. Il percorso, qui a Firenze, considerato pure il passaggio per Campo di Marte, sembra dargli ragione. I km 28, 29 e 30 passano in 4'37", 4'39" e 4'38". Dai che quest'anno va bene.

30K - 23'20 [24'46]

Il declino non arriva, il muro nemmeno, posso prendere fiducia? Prendo fiducia. Ai ristori rallento, cammino, bevo e riparto senza problemi. Qualche secondo perso qua e là ma perlomeno non mi lavo né ingozzo. Ero convinto che corressimo dentro al Franchi (dove peraltro non c'è manco la pista d'atletica), e invece entriamo in uno stadio praticamente attaccato. Magari la prossima volta il percorso lo studio meglio, eh. Il tartan aiuta fino a un certo punto, ormai siamo nella fase critica. Come stiamo messi? Il 33° e 34° in 4'37" sono incoraggianti, il cavalcavia dell'Affrico compare all'orizzonte ma scompare poco dopo, basta accorciare il passo e tenere lo sguardo fisso sulla linea verde tracciata sull'asfalto, incurante di chi cammina e arranca a destra e sinistra.

35K - 23'29 [28'04]

Basta, è andata. Sono calmo. Stanco e dolorante, ma calmo. So che il peggio è passato, che il centro sta per arrivare e perderò altri secondi con i lastroni irregolari, con i cinque dati ai bimbi oltre le transenne. Ma parco San Giuliano se n'è andato, il ponte della Libertà e i bicchieri di carta che mi rotolavano sui piedi se ne sono andati. Ora c'è spazio per creare ricordi positivi. E stringere i denti, ovvio. Al passaggio dello stadio ho visto i pacer delle 3h15' passare 4 minuti prima di me. Sono sulle 3h19'? E allora proviamo ad accelerare. Il 37° passa in 4'33", il 38° in 4'34". Tutta un'altra storia finire una maratona così. Il fatto di essere in pieno centro aiuta, i lastroni e le curve a gomito un po' meno. Davanti a me un podista inciampa e cade, ma lo vedo rialzarsi e riprendere a correre tra le urla del pubblico. Prendo curve larghe, tengo lo sguardo fisso per terra, perché basta un attimo a rovinare tutto.

40K - 23'29 [31'50]

Sono in riserva, il passo è tornato vicino ai 4'40", ma ormai ci siamo. Mancano due km e qualcosa. Almeno credo. Un ragazzo dietro di me, pacer improvvisato per alcuni amici, continua a urlare che manca un chilometro. Vorrei girarmi e dirgli educatamente che si sbaglia, che ne mancano due, ma le sue urla rimbombano minacciose e il conto alla rovescia pare implacabile. "Mancano quattrocento metri!" sbraita, e lo urla ininterrottamente per almeno mezzo chilometro, quindi immagino che a un certo punto abbia effettivamente detto la verità. Ma non ho visto il cartello dei 41 e la cosa mi manda in tilt. In Via dei Calzaiuoli vedo comparire i gonfiabili. Maaaaaaa siamo arrivati? Ma davvero? Daje di sprint allora. Con un crampo al polpaccio sinistro pronto ad entrare in azione e farmi cappottare, parte lo scatto ignorante con smorfia da tortura medioevale. Curva a 90° ed ecco il tabellone. Tre ore e... sedici?! Altro mini-sprint, due ragazzi davanti a me urlano di gioia e mi impallano ogni possibile ricordo fotografico dell'arrivo. Ma chissene.

Il gps dice 3h14' abbondanti. Venti minuti in meno rispetto a Venezia. Aiuto. Non era previsto. Che è successo? Mi viene da piangere, mi copro gli occhi, anche se le lacrime non escono. Gioia, presumo, oltre a tanta stanchezza, e un senso generale di liberazione dopo un periodo piuttosto grigio. "Panzeri, ripigliati" mi dico, ma non riesco a trattenermi. Solo dopo la medaglia, il telo termico e il (misero) sacchetto post-gara riesco a riprendermi. Più o meno. Avanzo come uno zombie verso Santa Maria Novella, incrocio lo sguardo di una signora a spasso col marito che esclama: "Sono più morti che vivi!". Ha ragione, signora. I camion del deposito borse sembrano non arrivare più. Alla fine recupero il tutto e controllo il telefono: 161 messaggi di telecronaca Whatsapp da rileggere, da parte di compagni di corsa (e frustate) vicini e lontani. Arriva Mirco: PB di quasi dieci minuti! (#KipchogeScansate) Arriva Nadia: PB di un quarto d'ora! Tutto molto bello, ma l'impressione è che ci sia qualcosa che non quadra. Il mio Polar è ipergeneroso e dice "solo" 42,3km, quasi tutti parlano di 41,6 o 41,7. Come il VAR che annulla il gol al 93° quando tutto lo stadio ha già esultato, arriva la beffa. Percorso tagliato, niente tempo ufficiale.

Posso farci qualcosa? No. Posso ritenermi soddisfatto? Direi di sì, dai. Girano le balle, ma è andata così. Foto di rito con Mirco e Nadia, andiamo a recuperare e salutare il neo-maratoneta Marco, e all'alba delle due torno all'appartamento - Glivarp è ancora lì, per fortuna. Il panino al lampredotto del giorno dopo, con Piazza della Signoria illuminata da un sole primaverile, ha un sapore speciale.
Ultima modifica di franciswolves il 3 dic 2019, 11:11, modificato 1 volta in totale.
I don't believe in the wall... I believe in The Blerch!
10k: 40'11'' | San Donato (MI) | 15/04/18
21k: 1h27'23'' | Treviglio (BG) | 24/02/19
42k: 3h33'57" | Venezia | 28/10/18
Runiko
Maratoneta
Messaggi: 338
Iscritto il: 17 dic 2014, 9:41

Re: Mezza tra 1h30' ed 1h50' (e variazioni sul tema) Gruppo virtuale aperto d'allenamento (6)

Messaggio da Runiko » 3 dic 2019, 6:50

Bellissimo racconto Francis!!
Complimenti per la gara, corsa con gran costanza e soprattutto a buon passo!
Avatar utente
Evuelledi
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 658
Iscritto il: 22 gen 2017, 14:03

Re: Mezza tra 1h30' ed 1h50' (e variazioni sul tema) Gruppo virtuale aperto d'allenamento (6)

Messaggio da Evuelledi » 3 dic 2019, 8:21

Stamani mi sono alzata depressa... è il secondo giorno consecutivo che non riesco ad alzarmi all’ora giusta per andare a correre.
Poi arrivo qui e tutto passa leggendo il racconto di @francis, top runner e top writer!
Ti rinnovo i complimenti per la gara e... ti ringrazio per avermi fatto rivivere i momenti passati insieme :beer:
Nadia

10k: 47’07” (Trofeo Questura di Prato 28/05/19)
21k: 1h39’05” (Firenze Half Marathon 07/04/19)
42k: 3h59’43” (Firenze Marathon 25/11/18)
Avatar utente
mampr
Guru
Messaggi: 3309
Iscritto il: 10 giu 2016, 15:44

Re: Mezza tra 1h30' ed 1h50' (e variazioni sul tema) Gruppo virtuale aperto d'allenamento (6)

Messaggio da mampr » 3 dic 2019, 9:00

Grande Francesco! è stato un piacere averti conosciuto di persona!
Al di là dell'ufficialità Firenze per me è indimenticabile!
Marco

Immagine

PB:
11k - 51'02" (Garmin VM10K - 22/10/2017)
21k - 1h41'44" (Cangrande Half Marathon - 19/11/2017)
41.7k - 4h03'58" (Firenze Marathon - 24/11/2019)
Avatar utente
ciromi
Guru
Utente donatore
Messaggi: 2538
Iscritto il: 23 gen 2014, 11:23
Località: Pontedera (PI)

Re: Mezza tra 1h30' ed 1h50' (e variazioni sul tema) Gruppo virtuale aperto d'allenamento (6)

Messaggio da ciromi » 3 dic 2019, 10:31

@francis mi deludi veramente... intanto Kipchoge scansati meritava una citazione e non l'hai messa, poi il personale io l'ho migliorato di 9minuti e 29 secondi non solo 7... E poi Piatek e Balotelli...ma dai, qui siamo almeno da Maradona!

Scherzi a parte, bellissimo racconto, però adesso dimmi quale altra piaga porterai nella maratona, prima l'acqua alta e poi la fuga di gas... La prossima è la pioggia di fuoco e ghiaccio? Ancora Complimenti, l'attesa del racconto ne è valsa la pena!

PS con l'albero per ora siamo 3 su 3, il mio obbiettivo per il prossimo anno è essenzialmente allungare questa serie!
https://connect.garmin.com/profile/ciromi
https://www.strava.com/athletes/10608826

10k: 43'29'' (Fornacette 26/05/2019)
21k: 1h34'15'' (Pisa 13/09/2019)
41,7k: 3h28'51'' (Firenze 24/11/2019)
42k: 3h38'20'' (Berlino 29/09/2019)
Avatar utente
fujiko
Pink-Moderator
Messaggi: 18940
Iscritto il: 18 set 2014, 13:54
Località: Roma - Palermo

Re: Mezza tra 1h30' ed 1h50' (e variazioni sul tema) Gruppo virtuale aperto d'allenamento (6)

Messaggio da fujiko » 3 dic 2019, 10:52

Francis me lo leggo in pausa pranzo con calma :mrgreen:
Never trouble trouble till trouble troubles you, 'cause if you trouble trouble, you'll only double trouble and trouble others, too.
Avatar utente
bully
Guru
Utente donatore
Messaggi: 3611
Iscritto il: 10 set 2015, 18:49
Località: San Giuliano Milanese

Re: Mezza tra 1h30' ed 1h50' (e variazioni sul tema) Gruppo virtuale aperto d'allenamento (6)

Messaggio da bully » 3 dic 2019, 11:09

France' bel pezzo!! e' con i papiri che si tramanda la conoscenza! Bellissimi i momenti gli squarci che ci hai tranmesso che nel mio caso mi hanno fatto rivivere quella del 2018.
:hail: :hail: :hail:
=D> =D> =D>
'non si smette di correre perchè si invecchia ma si invecchia perchè si smette di correre'

PB: Miglio: 6:28 - 5K: 22:04 - 10K: 47:08 - Mezza: 1:41:38 - Mara: 3:45:53
Avatar utente
Stef83
Maratoneta
Messaggi: 357
Iscritto il: 21 gen 2019, 15:10
Località: Milano

Re: Mezza tra 1h30' ed 1h50' (e variazioni sul tema) Gruppo virtuale aperto d'allenamento (6)

Messaggio da Stef83 » 3 dic 2019, 11:17

Grande francis, gran bel racconto, ho rivissuto anche la mia maratona nelle tue parole. Non sono passati 10 giorni e ho già voglia di essere alla partenza della prossima Regina!
10k 43:22 (Milano, 20/10/2019)
21,097 1:36:59 (Piacenza, 5/05/2019)
42,195 3:40:24 (Venezia, 27/10/2019)
Rispondi

Torna a “Mezza Maratona in 1:40”