[DISCUSSIONE UFFICIALE] Tendine d'Achille

Discussioni e domande sugli infortuni e sui metodi per superarli

Moderatori: filattiera, grantuking, Hystrix, HappyFra

Avatar utente
Daddi
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 753
Iscritto il: 22 set 2011, 16:55
Località: Terni

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Tendine d'Achille

Messaggio da Daddi »

Ringolò sicuramente alternare le scarpe può far bene, pure io lo faccio a seconda della situazione e anche io soffro un po i lunghissimi, anche se ci arrivo in progressione, diciamo sono tarato, fino ai 20/22k sopporto, oltre, pur con la progressione del caso, soffro....detto questo il tda rimane sempre una brutta bestia.

Domenica dopo la mezza mi faceva abbastanza male, ieri meno e oggi ancora meno, non gli ho fatto nulla come terapia, solo riposo e a me fa tantissimo.....il dolore che accusi tu ringolò alla schiena io lo accuso a un fianco sul lato ex infortunato, non so da cosa possa dipendere, io ipotizzo che sovraccarico perennemente il lato sx ma vacci a capire cosa dovrei fare per correggere tale anomalia (il corpo già qualcosa mette in atto altrimenti non riuscirei a correre a certi ritmi), ho già detto indietro che proverò a fare qualche esperimento con solette varie e spessori, poi magari vi farò sapere....certo l'ideale, come dici tu ringolò, sarebbe farsi guardare da qualcuno che ci "capisca" e sappia mettere le "zeppe" (passatemi il termine) dove e come vanno messe....utopia?. :shock:

Comunque il trail non è il massimo per articolazioni e tendini, già detto, specie se vogliamo praticarlo a livello agonistico....magari per diversificare ci può stare ma non oltre un certo kmetraggio e dislivello, insomma qualcosa di soft e piacevole che mi sono riproposto di praticare anche io....appena trovo il tempo :mrgreen:

Poi una mia riflessione a voce alta su te ringolò, io non continuerei a correre e mettere ghiaccio dopo ogni uscita, ma l'entità del dolore qual'è?. :nonzo: Magari è solo preventivo mettere ghiaccio e non ho capito nulla?. Tutto pensato e detto con rispetto chiaramente per quello "vuoi" fare. :beer:
Correre è cibo per la mente....finalmente sono tornato alla corsa!!!.
Pb
Invernalissima Bastia U. 2013 (21k) 1h23,00
Dragonissima 2013 Terni (9,16k) 33'46"
Maratona S.Valentino 2014 (42k) 2h59',50"
Corritonic 2014 Terni (10k) 37',35"
ringolò
Mezzofondista
Messaggi: 82
Iscritto il: 5 set 2015, 8:51

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Tendine d'Achille

Messaggio da ringolò »

Ciao Daddi, è un piacere risponderti;
dopo tutti gli infortuni il corpo mette in atto meccanismi neuromuscolari per proteggere la parte lesa o cicatrizzata; accade, quindi, che a volte si alterano almeno in parte i normali movimenti interessati.
Come dicevo prima, il tutto si può risolvere parlando delle sensazioni di chi pratica movimento (nel nostro caso la corsa) e di un allenatore esperto che osserva; in tal modo, capendo quale sia il problema si attuano allenamenti correttivi, bisogna ripristinare le corrette vie neuromuscolari.
Trail: lo faccio solo perchè mi piace di più correre fuori strada, non mi va a 58 anni e mezzo (a giugno 59) di mettermi a cercare di migliorare 5-10 secondi al km in piano; mi sento ridicolo (io e solo io, perchè sono un povero vecchio e anche scarso in questo sport ... e ogni anno è peggio).
Non ho mai fatto più di 23km e non ho mai fatto cose estreme; poi c'è una cosa bellissima: se scoppio mi metto a camminare e in qualche modo arriverò, in una mezza se scoppio mi vergogno e mi ritiro.
Nel trail la mia vittoria è arrivare e non arrivare ultimo, una cosa rispettosa anche di me stesso e del mio passato sportivo.
Lo so che è pericoloso, ma è l'unico modo che mi consente di allenarmi a obiettivo, altrimenti correrei fregandomene del tempo e .... dopo un po' smetterei; è quello il problema, io non voglio smettere perchè mi diverto, in allenamento soprattutto. Abito in montagna e la montagna mi piace, più i tratti sono tecnici e meno sono mongolo; vedo gente di pianura fare cose comiche in certi trail (sono magari bravi podisti, ma andare in montagna è un'altra cosa).
Il principio del ghiaccio è il seguente: molti sportivi alla fine di gara o allenamento si immergono nella vasca con i ghiacciolini.
Dicono riduca l'infiammazione conseguente allo sforzo (preventiva come dici tu), io non so se questo è vero, ma va molto di moda.
E io spero di durare ancora un po' di tempo, se riesco
Avatar utente
Daddi
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 753
Iscritto il: 22 set 2011, 16:55
Località: Terni

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Tendine d'Achille

Messaggio da Daddi »

Chiaramente ringolò anche io ti auguro di durare fintanto che ne hai (ne abbiamo) voglia.

Io ho passato da poche settimane i 51, quindi capisco bene cosa intendi per "durare", pure io dal basso del mio passato sportivo di amatore podista (prima agonista mountain bike e prima ancora karateca) vorrei non smettere mai di fare sport, a qualsiasi livello sia, ma che sia stimolante e che si possa praticare in "compagnia", tu vivi in montagna e un po ti invidio, io pur avendone tante a portata non sono così vicine, in primavera/estate c'è maggior possibilità ma nel periodo caldo per me si accende anche la passione "delle bici", da strada e mtb, quindi sono diviso da questi 2 stupendi sport e io per non farmi mancare nulla li alterno.
Tornando alla prevenzione dei dolori post allenamento, condivido la terapia del freddo e funziona alla grande, specie in bici, ma lo metto in pratica solo in estate, in inverno brrrrr, è freddo!!. :mrgreen:

Ora un saluto, buone corse in montagna e a presto, sperando questi scambi non siano andati troppo OT. :beer:
Correre è cibo per la mente....finalmente sono tornato alla corsa!!!.
Pb
Invernalissima Bastia U. 2013 (21k) 1h23,00
Dragonissima 2013 Terni (9,16k) 33'46"
Maratona S.Valentino 2014 (42k) 2h59',50"
Corritonic 2014 Terni (10k) 37',35"
baresedoc85
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 804
Iscritto il: 17 mag 2012, 22:20

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Tendine d'Achille

Messaggio da baresedoc85 »

Immagine

guardando questa immagine ho finalmente capito il punto esatto dove avevo dolore, ora va un po meglio ma dopo l'uscita di oggi si fa sentire un po, è praticamente la borsa mucosa calcaneale sottotendinea, esattamente tra caviglia e tendine d'achille, quindi ho problemi di borsite, leggendo su altri siti oltre il solito ghiaccio, antinfiammatori, arnica, riposa non c'è molto altro da fare
Avatar utente
Daddi
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 753
Iscritto il: 22 set 2011, 16:55
Località: Terni

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Tendine d'Achille

Messaggio da Daddi »

Intanto grazie @baresedoc85 per le immagini postate, i dettagli fanno capire anche a me dove inizialmente avevo dolore (oltre all'inserzione del tda, anche alla borsa mucosa calcaneale sottocutanea) e dove ancora oggi è presente dopo gli allenamenti, praticamente non è più l'inserzione ma guardando l'immagine mediale è nella zona calcagno, proprio dove punta la linea.....e non capisco cosa scatena il dolore li, sicuramente un appoggio del piede non corretto, ipotizzo....

Sicuramente il riposo, lo ribadisco sempre, è sempre la migliore cura, scongiurati altri problemi riscontrati eventualmente da uno specialista. :beer:
Correre è cibo per la mente....finalmente sono tornato alla corsa!!!.
Pb
Invernalissima Bastia U. 2013 (21k) 1h23,00
Dragonissima 2013 Terni (9,16k) 33'46"
Maratona S.Valentino 2014 (42k) 2h59',50"
Corritonic 2014 Terni (10k) 37',35"
willirun
Novellino
Messaggi: 23
Iscritto il: 6 gen 2016, 11:08

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Tendine d'Achille

Messaggio da willirun »

Ciao a tutti, torno a scrivere dopo circa un mesetto, ma periodicamente leggevo comunque le vostre testimonianze.

Dalla ripresa ad oggi sono riuscito a corricchiare con una certa costanza, 3 volte a settimana e dai primi di febbraio ho inserito anche la quarta uscita.
Carico settimanale max 40km, di cui 30 di lenti e 10 di medi o progressivi.
Tempi per me ridicoli, al max qualche secondo sotto i 5', ma quelli contano poco.

Sensazioni sempre le stesse, fastidio durante il riscaldamento che tende a sparire nei primi due km ed a ripresentarsi a volte verso la fine.
Sempre streching prima e dopo, e borsa del ghiaccio dopo.
Ho notato benefici somministrando "borsa riscaldante cinese": sembra sciogliere un pò, soprattutto se sono a casa immobile sul divano.
Nella vita di tutti i giorni fastidio più o meno costante, e rigidità al mattino (sempre tendine eh?). E sto diventando sempre più metereopatico, gli ultimi 3 gg sono stati un calvario, tanto da indurmi a cedere alle lusinghe dell'ibuprofene (1 sola bustina, non mortificatemi...).

Mi é capitata una cosa strana con gli esercizi eccentrici: mentre normalmente sentivo fastidio nella fase discendente dell'esercizio, negli ultimi 10 gg questo sembrava sparito quasi del tutto. Però avvertivo una fitta fastidiosa quando, raggiunta la massima estensione, utilizzavo l'altro piede per riportarmi alla posizione iniziale (quando cioè il tendine affetto si scaricava dal peso del corpo).
Per adesso ho deciso di sospenderli, anche perchè sento tutto il piede un pò affaticato anche nella zona dorsale.

Poi volevo chiedere a tutti i forumendoli affetti da questa simpaticissima patologia, avete l'impressione che il disagio quotidiano abbia come ulteriore attore la mente oltre che il tendine?
Perchè sono convinto che il mio atteggiamento (obbligatoriamente) "timido" degli ultimi 3 anni abbia ormai instaurato un circolo vizioso che non fa altro che aggravare il quadro complessivo...per esempio in casa il tendine sinistro non lo uso proprio più, utilizzo le ciabatte a mò di "pattine". Ma questo comportamento, se da una parte scarica il tendine, dall'altro credo attivi dei feedback neuromuscolari non propriamente favorevoli.
In pratica, dovrei sforzarmi di "ricordarmi di camminare" e, anche a fronte di un leggero dolore, riabituare quei circuiti neurologici che si stanno deallenando.
Voi avete questa mia stessa sensazione?
"There the road begins where another one will end..."
5km: 18'48 - Allenamento, Maggio 2012
10km: 38'24 - Allenamento, Maggio 2012
Holden
Mezzofondista
Messaggi: 146
Iscritto il: 5 set 2014, 20:56

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Tendine d'Achille

Messaggio da Holden »

willirun ha scritto: Poi volevo chiedere a tutti i forumendoli affetti da questa simpaticissima patologia, avete l'impressione che il disagio quotidiano abbia come ulteriore attore la mente oltre che il tendine?
Perchè sono convinto che il mio atteggiamento (obbligatoriamente) "timido" degli ultimi 3 anni abbia ormai instaurato un circolo vizioso che non fa altro che aggravare il quadro complessivo...per esempio in casa il tendine sinistro non lo uso proprio più, utilizzo le ciabatte a mò di "pattine". Ma questo comportamento, se da una parte scarica il tendine, dall'altro credo attivi dei feedback neuromuscolari non propriamente favorevoli.
In pratica, dovrei sforzarmi di "ricordarmi di camminare" e, anche a fronte di un leggero dolore, riabituare quei circuiti neurologici che si stanno deallenando.
Voi avete questa mia stessa sensazione?

Caro Willirun, io ti rispondo in modo rotondo di NO, la mente non c'entra assolutamente nulla. Sai quanti nei 20 mesi da cui dura questa mia situazione mi hanno consigliato "ma tu non pensarci, non ossessionarti"... Facile a dirsi, soprattutto da parte di chi non ha mai sofferto in modo costante e sistematico ad ogni maledetto appoggio del piede a terra.
Sono convinto comunque che altri che per fortuna loro non hanno vissuto questo calvario ti diranno che probabilmente sì, la testa fa molto, e che stiamo amplifiacnado il dolore.

Io in questi giorni, dopo 20 mesi, inizio a non sentire più dolore camminando (in qualche occasione non ricordo di avere il problema - non perché mi sforzo di essere ottimista, semplicemente perché il dolore non c'è più)

Non è ancora il momento di cantare vittoria, mi muovo con prudenza alternando alla bici qualche uscita lenta non superiore ai 6/7 km.
Dopo il penultimo messaggio che avevo scritto mi sono visto nuovamente obbligato a fermarmi per 10 giorni visto che il fastidio era riapparso. Nelle ultime due settimane invece va decisamente meglio.

E comunque nell'ultima visita fatta da un mkedico ex calciatore professionista dell'Espanyol la conclusione è stata chiara e condivisa: purtroppo non ci sono terapie sicure e non si può controllare l'evoluzioe di una tendinopatia, paradossalmente sarebbe molto meglio romperselo e dopo la ricucitura e la riabilitazione si riparte. Come dargli torto? io 20 mesi, provato di tutto, e senza poter dimenticarmi ancora del problema. Il calciatore della Juve Caceres si è rotto il tendine qualche settimana fa e hanno dato come tempi di recupero per vederlo in campo 6/8 mesi
willirun
Novellino
Messaggi: 23
Iscritto il: 6 gen 2016, 11:08

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Tendine d'Achille

Messaggio da willirun »

Ciao Holden, Intendevo del tipo:
"il prossimo passo sentirò dolore quindi il polpaccio non lo contraggo"
Poi magari il dolore non lo sentirò o sarà molto attutito, non tale cioè da giustificare il "non utilizzo dell'arto".
Moltiplica però l'atteggiamento conservativo per 36 mesi (2,5 milioni di passi per piede??) e tu credi che questo non comporti nulla a livello neurologico?
Secondo me si.

Ho riletto qualche tuo post, io ho vissuto la tua condizione, negli ultimi 3 anni, per circa 18 mesi, a botte di circa 5/6 mesi.
Anche nei periodi in cui riuscivo a correre, come l'attuale, non sono però mai stato esente dal dolore. Soprattutto nella vita civile.
Giorni in cui impiegavo 10 minuti per scendere 3 piani di scale. Giorni in cui andava un pò meglio.
Mi rendo conto che ormai, letteralmente, non so più camminare! Il mio gesto é totalmente innaturale, ogni volta che riparto da fermo sembro un bimbo di 11 mesi che prova a fare i primi passi (mettici anche un ginocchio operato ben tre volte...). Tutto questo alla lunga non può non incidere anche psicologicamente.
Anche io sono stato salvato dalla MTB. Difatti non vedo l'ora che arrivi l'ora legale per riuscire ad infilare qualche uscitina pomeridiana infrasettimanale al posto delle sessioni di running. Inoltre, per esperienza personale, col caldo (e l'alta pressione) la mia situazione migliora un pò.

Non é detto poi che l'operazione "taglia e cuci" ottenga l'effetto desiderato, a leggere le esperienze dei professionisti verrebbe da appendere le scarpe al chiodo. 8 mesi per un calciatore di serie A, giovane, seguito dalle migliori equipe e con disponibilità illimitate, sono un enormità. Sempre che ritorni quello di prima. Andrew Howe, per rimanere nel settore atletica, mi pare non si sia più ripreso, e all'epoca dell'infortunio aveva 25 anni o giù di lì.

Intanto, un grosso in bocca al lupo e non demordere.
Già il riuscire ad allenarsi in bici e poter tapasciare qualche km ogni tanto non é un dono concesso a tutti :wink:
"There the road begins where another one will end..."
5km: 18'48 - Allenamento, Maggio 2012
10km: 38'24 - Allenamento, Maggio 2012
Avatar utente
Daddi
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 753
Iscritto il: 22 set 2011, 16:55
Località: Terni

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Tendine d'Achille

Messaggio da Daddi »

Forza, lo ripeto sempre, col tempo passerà, anche se non al 100%, l'importante è poter almeno praticare questo alternandolo alla bici o nuoto, purtroppo il tda è bastardo, l'abbiamo detto tante volte.
Quanto conta la testa per guarire?. Non tanto ma un po influisce, poi chiaramente se fa male fa male, come dice holden, però non dobbiamo scoraggiarci ma trovare altre strade per stare bene....altri sport....passioni, hobby, la vita va avanti.

Io ultimamente ho ripreso la bici con uscite più impegnative, domenica mi sono fatto una gf locale su strada (da portoghese, si lo so, non si fa ma ero partito per fare solo metà giro ma poi....), molto contento della tenuta, stranamente il giorno dopo alcuni doloretti che accusavo al fianco e all'anca (lato tda infortunato, sempre quello il dolorante) sono spariti del tutto o quasi.

Chiaramente non posso dire che ho ancora problemi nel correre o camminare, non più, solo devo fare molta attenzione al riscaldamento, da fare a partire da lentissimo, poi un po di stretching e via, alla fine stretching e non sovraccaricare eccessivamente con rip. e salita, da capire quando si sta superando il limite.

Il leggero indolenzimento lato interno tallone zona inserzionale c'è sempre, oramai ci convivo, però ho capito che la maratona, almeno ad oggi, non posso correrla, sono tarato al max fino alla mezza.

In bocca al lupo a tutti, a @holden in particolare. :beer:
Correre è cibo per la mente....finalmente sono tornato alla corsa!!!.
Pb
Invernalissima Bastia U. 2013 (21k) 1h23,00
Dragonissima 2013 Terni (9,16k) 33'46"
Maratona S.Valentino 2014 (42k) 2h59',50"
Corritonic 2014 Terni (10k) 37',35"
Avatar utente
umbro
Novellino
Messaggi: 12
Iscritto il: 15 feb 2016, 18:05

Re: [DISCUSSIONE UFFICIALE] Tendine d'Achille

Messaggio da umbro »

Ciao,scusate se mi intrometto sono nuovo nel forum,volevo chiedervi in merito ad un dolore che ho da 7 giorni al tda,l'ecografia è negativa,cmq appena ho avvertito il dolore ho smesso di correre,però ha casa ho la spin bike che ovviamente uso e non sento dolore (ovviamente),da oggi stò molto meglio,2 giorni fà quando ho fatto l'eco,il fisiatra mi ha fatto un massaggio e mi ha sbloccato la caviglia,dicendomi tutto a posto,il giorno dopo ho avvertito + dolore quindi senza corsa,oggi come ho detto prima molto meglio,stavo preparando la roma-ostia,probabilmente con l'aumento dei km avrò affaticato il tda,e forse colpa mia mi è venuta l'idea di togliermi i plantari...tutto questo per chiedervi domani vado a fare una uscitina....grazie ha chi potrò rispondermi

Torna a “Infortuni e Terapie”