Punti di forza e debolezza

Consigli, suggerimenti, discussioni generiche

Moderatori: franchino, Doriano, fujiko, gambacorta

costadami
Novellino
Messaggi: 3
Iscritto il: 30 set 2018, 14:26

Punti di forza e debolezza

Messaggio da costadami »

Innanzitutto ne approfitto per presentarmi :D :
Sono un ragazzo di 18 che ha iniziato a correre seriamente da settembre dell' anno scorso. Da giugno dell' estate passata ho deciso di dedicarmi più specifico ai 10000m e ho incominciato a interessarmi seriamente alle varie metodologie di allenamento :study:. Il 30 settembre ho raggiunto in allenamento il tempo in firma, di cui sono contento ma che sono convinto di poter ancora abbassare.
A questo proposito, da quel che ho capito dal libro di Hudson che ho letto, lui individua tre componenti necessarie per ogni gara di mezzofondo, che lui chiama aerobic fitness, neuromuscular fitness e race-specific endurance, e ognuna di esse è a diversi livelli più o meno sviluppata in ogni atleta, determinando la prestazione finale.
Dopo questo lungo preambolo... :mrgreen: la mia domanda : Come capite quale fra le componenti è il vostro punto debole (da allenare quindi di più) o vostro punto di forza?Esistono dei metodi efficaci per determinarlo?
Gradirei qualsiasi parere e esperienze personale da parte di runners di tutti i livelli :beer:
PB 10k 36'17" (allenamento)
Avatar utente
oscar56
Top Runner
Messaggi: 7550
Iscritto il: 20 ago 2012, 16:13
Località: Milano

Re: Punti di forza e debolezza

Messaggio da oscar56 »

Ciao e benvenuto, questa tabella è molto utile al tuo quesito
http://www.mariomoretti.it/podismo/articolo_33.asp
dal 2012 5K 24'48 - 10K 52'40"- Mezza 1h57'45
1986 5K 16'15-10k 34'28-Mezza 1h24'14"-30km 2h15'12 (MI-PV)
mai un podio figuriamoci adesso.
http://www.parkrun.it/milanonord/
Dimitry
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 215
Iscritto il: 30 set 2017, 21:05

Re: Punti di forza e debolezza

Messaggio da Dimitry »

aerobic fitness è qualla che canova chiama la casa aerobica, da costruire i primi anni con volumi lenti che possono in realtà poi spaziare, non solo km ma anche tutte le soglie fino al VO2max. Ma credo che Hudson identifichi più km solo fino alla soglia anaerobica, per cui è la tua capacità di esprimere si volume ma anche ad alta intensità oltre i 10K e in definitiva lo sviluppo delle capacità di recupero.

Neuromuscolar fitness si può misurare da laboratorio o anche in palestra con massimali, forza esplosiva, potenza, potenza resistente, forza resistente e quindi in ultima analisi la biomeccanica di corsa.

race specific endurance, tutti gli allenamenti sui ritmi 5-10k, fino al VO2max, e di resistenza e capacità lattacida come dice canova di Max Lass, Max Lactatic Steady State cioè di tenuta sul quel specifico e massimo valore di lattato.
costadami
Novellino
Messaggi: 3
Iscritto il: 30 set 2018, 14:26

Re: Punti di forza e debolezza

Messaggio da costadami »

oscar56 ha scritto:
16 ott 2018, 13:25
Ciao e benvenuto, questa tabella è molto utile al tuo quesito
http://www.mariomoretti.it/podismo/articolo_33.asp
Grazie! Tabella davvero utilissima.
Per la velocità consigli più ripetute classiche o fartlek? Fino ad ora le ripetute corte le ho sempre fatte solo classiche, ma pensavo di provare anche col secondo metodo
PB 10k 36'17" (allenamento)
Avatar utente
oscar56
Top Runner
Messaggi: 7550
Iscritto il: 20 ago 2012, 16:13
Località: Milano

Re: Punti di forza e debolezza

Messaggio da oscar56 »

puoi alternare una volta alla settimana una e l'altro metodo.
dal 2012 5K 24'48 - 10K 52'40"- Mezza 1h57'45
1986 5K 16'15-10k 34'28-Mezza 1h24'14"-30km 2h15'12 (MI-PV)
mai un podio figuriamoci adesso.
http://www.parkrun.it/milanonord/
Shingen
Novellino
Messaggi: 6
Iscritto il: 23 ott 2018, 0:09

Re: Punti di forza e debolezza

Messaggio da Shingen »

Salve a tutti, ho cominciato da due settimane, ho 44 anni alto 1,78 per 70kg,20 anni senza fare minimamente sport e non capendo assolutamente nulla dei vari metodi di allenamento, purtroppo, ho cominciato molto spartanamente a gestire fiato e resistenza sul tapis roulant di casa. Ho sempre saputo che bisognerebbe fare sport una volta ogni due giorni per dare tempo al fisico di recuperare me lo confermate anche per la corsa? Ho cominciato quindi con 30 minuti ad 8km orari per arrivare a 40 minuti iniziando per i primi 5 minuti a 5 km/h (pendenza 6) successivamente ( pendenza 0) 10m a 8km/h > 10m a 9km/h > 10m a 10km/h infine altri 5m a 5km/h di defaticamento. Ogni sessione di allenamento cambio l'ordine della velocità per non far abituare il corpo. L'obiettivo è quello per dicembre di correre 5km a 10km/h costanti e poi aggiungere 10 minuti alla volta partendo da 8km/h un po' come fatto fino ad adesso fino ad arrivare credo per febbraio marzo, se riesco, a 10km di corsa a a 10km/h senza soste vicino i 60 minuti. A livello di gambe non ho avuto problemi o dolori ( ho preso le nimbus 18 credo di essere pronatore ma con queste scarpe non ho notato consumi sul bordo e la suola è uniforme) stessa cosa per le ginocchia per la resistenza sta gradualmente aumentando anche se sudo come una fontanella...provo una vera invidia per i runners che vedo in giro ad allenarsi che non rilasciano una goccia di sudore? Come fate??? Le poche volte che sono andato ad allenarmi per strada mi vergognavo come un ladro a sudare così tanto, sapete da cosa può dipendere? Ho elettrostimolatori da utilizzare sulle gambe anche se non so in che modo proficuamente. Integro la mia dieta carente di proteine ( intorno alle 2000 calorie giornaliere) con CLA, Magnesio, SPirulina...Non credo possa fare le ripetute sul tapis roulant ( quella del piano di sotto è già sul piede di guerra ^_^)credete che serva a qualcosa quello che sto facendo?
Avatar utente
Utente donatore
Doriano
Moderatore
Messaggi: 24132
Iscritto il: 12 gen 2012, 9:22
Località: Milano Turro...ma anche Mantova e l'Emilia

Re: Punti di forza e debolezza

Messaggio da Doriano »

ciao.
sarei un po' più graduale fossi in te; stati andando a velocità contenute, ma con i minutaggi sei partito un po' troppo spedito!
consiglierei di evitare il tappeto, e correre all'aria aperta...è un altro mondo!
è giusto variare, ma al momento la tua esigenza è quella di mettere minuti nelle gambe, più che di andare veloci.
c'è chi suda molto, chi poco...non preoccuparti!
le Nimbus 18 sono un ottima scarpa per atleti neutri e diciamo di peso medio alto; per te potrebbe essere indicata anche un Cumulus, la sorella più leggera; in teoria se tu fossi pronatore ti servirebbe una A4, ma se stai usando questa senza problemi non consiglio di cambiare.

qui puoi trovare qualche consiglio!
http://www.runnersworld.it/comincia-a-c ... nners-2473
PB:
10k: 43.03 (Alpin Cup 2015)
21k: 1.33.22 (Novara 2016)
42k: 3.34.48 (Pisa Marathon 2016)

fai correre anche tu il porcellino :pig: di Running Forum, scopri qui come! www.runningforum.it/viewtopic.php?f=102&t=46765
lentissimo
Ultramaratoneta
Messaggi: 1494
Iscritto il: 22 giu 2014, 0:10

Re: Punti di forza e debolezza

Messaggio da lentissimo »

Secondo me stai facendo allenamenti troppo "paranoici". Hai iniziato a correre da cosi poco provenendo da anni di inattivita', in questo momento devi solo correre senza guardare l'orologio.

P.S.1 Fregatene del sudore.
P.S.2 Corri su strada.
Shingen
Novellino
Messaggi: 6
Iscritto il: 23 ott 2018, 0:09

Re: Punti di forza e debolezza

Messaggio da Shingen »

Si diciamo che sono estremamente entusiasta...vorrei correre tutti i giorni 😂😂😂 mi devo bloccare nel giorno di riposo😊 nell' allenamento di ieri per due minuti ho " tirato" a " ben" 12km orari...comincia a fare freschetto per fuori mi devo attrezzare.
Avatar utente
fydeyxo
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 673
Iscritto il: 15 set 2016, 14:42

Re: Punti di forza e debolezza

Messaggio da fydeyxo »

Ciao! Anche secondo me all'inizio va bene correre e accumulare minuti; i tempi verranno dopo, naturalmente! Ma se mi posso permettere, dal momento che capisco e condivido anche la tua passione (voglia di allenarsi sempre, e da lì l'occhio che corre sul cronometro…!) dovresti cambiare unità di misura passando da km/h a min/km (10 km/h - 6 min/km; 12 km/h - 5 min/km per esempio). Non te lo dico per infarcirti la testa di numeri inutili ma perché, secondo la mia esperienza, col tempo capirai che min/km è parte del gergo della corsa: l'unità di misura perfetta perché è molto precisa su una distanza "topica" qual è il chilometro. Puoi correre con soddisfazione senza saperlo, ma mi è sembrato utile dirtelo! :beer:

Torna a “Allenamento e tecnica”