**In corso di revisione**

Consigli, suggerimenti, discussioni generiche

Moderatori: franchino, Doriano, fujiko, gambacorta

Avatar utente
Running Jo
Ultramaratoneta
Messaggi: 1477
Iscritto il: 28 feb 2014, 19:02

**In corso di revisione**

Messaggio da Running Jo »

In queste 3d si parlerà di un metodo di allenamento, valido per tutte le tipologie di runners (principianti a corridori di buon livello), che preveda prima la costruzione di una buona base aerobica e poi il passaggio a una fase successiva di preparazione specifica per gare di fondo/mezzofondo.

Se ne è già discusso qui http://www.runningforum.it/viewtopic.php?f=1&t=31308

Questo metodo si basa su quanto ho fin qui capito riguardo la fisiologia della corsa, in un certo numero di anni di studi “appassionati”.
Non c'è niente di originale riguardo gli strumenti indicati e la fisiologia alla base. Ho solo composto un puzzle piuttosto complicato e ne è uscito fuori un lavoro abbastanza alternativo rispetto ai metodi comunemente utilizzati dai runners che conosco.

La grossa differenza consiste nella quantità e velocità di effetuazione dei lavori lenti.

I vantaggi rispetto ai metodi più comunemente usati sono:

1) La possibilità di esplorare le proprie potenzialità al massimo livello possibile;
2) La molto minore probabilità di infortunio;
3) La possibilità di gareggiare in un ampissimo spettro di distanze: dai 1.500 alla maratona;
4) La facilità della maggior parte degli allenamenti, che consente un recupero rapido, riduce molto la stanchezza del dopo allenamento e fa affrontare i lavori quasi mai controvoglia;
5) ....

Svantaggi:

1) Richiede un certo commitment in termini di tempo. Più se ne dedica, migliori risultati si ottengono.
2) .....

Sto cercando di descrivere il metodo nei dettagli nel mio blog, qui invece verrano riportate le esperienze, i dubbi, i miglioramenti e perché no gli insulti :D di chi avrà la pessima idea di provarlo ( e che non se ne pentirà!) :D
Personali:
10 km: 36'06'' (Miguel 2017)
HM: 1h19'47''(Roma-Ostia 2016)
Maratona: 2h56'58'' (Roma 2016)

Blog:http://runningjo1972.blogspot.com
Avatar utente
neobepmat
Maratoneta
Messaggi: 301
Iscritto il: 25 ott 2013, 21:46
Località: Piacenza

Re: Dalle elementari all'università del running

Messaggio da neobepmat »

Eccomi qua! :)
PB
5K - 23:15 (Allenamento 12/07/2014)
10K - 48:37 (Allenamento 25/04/2014)
Half-Marathon - 1:46:23 (PC Half Marathon, 04/05/2014)
Distanza Max. - 25,46 Km (Allenamento 13/7/2014)
Avatar utente
Mad Mat
Ultramaratoneta
Messaggi: 1726
Iscritto il: 14 gen 2013, 6:54

Re: Dalle elementari all'università del running

Messaggio da Mad Mat »

Entro subito a gamba tesa...
altri sport aerobici possono essere comtemplati?
La bici in particolare, è troppo muscolare?

Ieri, durante ripetute veloci mi sono contratto un polpaccio (](*,) )
Potrei essere a breve dei vostri

ps: impegno non suonava meglio di commitment?
Ci vuoi edulcorare la pillola? :mrgreen:
Avatar utente
Bussino71
Guru
Messaggi: 3295
Iscritto il: 25 feb 2014, 10:09

Re: Dalle elementari all'università del running

Messaggio da Bussino71 »

Vi seguirò volentieri, ma visto che mi faccio la preparazione da solo, orientato soprattutto alla preparazione di Ultra preferisco attenermi alle mie conoscenze ed esperienze, protto a prendere spunto per eventuali sedute di allenamento, che per caratteristiche si possono sposare con la mia preparazione

Inviato dal mio SM-N9005 utilizzando Tapatalk
La Morte la c'ha a trovà' vivi...
"Forse sono troppo vecchio per la Corsa, ma non oggi."
http://runningforum.it/viewtopic.php?f=16&t=31915 (prima parte)
viewtopic.php?f=16&t=41470 (il viaggio continua)
Avatar utente
Utente donatore
crop74
Top Runner
Messaggi: 10464
Iscritto il: 28 giu 2010, 14:52
Località: Berna, Svizzera

Re: Dalle elementari all'università del running

Messaggio da crop74 »

Running Jo ha scritto: I vantaggi rispetto ai metodi più comunemente usati sono:

1) La possibilità di esplorare le proprie potenzialità al massimo livello possibile;
2) La molto minore probabilità di infortunio;
3) La possibilità di gareggiare in un ampissimo spettro di distanze: dai 1.500 alla maratona;
4) La facilità della maggior parte degli allenamenti, che consente un recupero rapido, riduce molto la stanchezza del dopo allenamento e fa affrontare i lavori quasi mai controvoglia;
5) ....
Ne deduco che il tuo metodo sia stato provato su un campione statistico significativo di runners. Ci dici qualcosa in piu'?
Le mie maratone:
2010:Coast to Coast 2011:Berlino 2014:Zurigo, Biel, Jungfrau, Losanna, Firenze 2017:Terre Verdiane, Milano, Jungfrau, Parma, Losanna 2018: white marble, Boston 2019: Stoccolma, Chicago

Best: Terre Verdiane 3h09'31"

Strava
Leg
Aspirante Ultramaratoneta
Messaggi: 829
Iscritto il: 19 ago 2009, 12:32
Località: Lussemburgo

Re: Dalle elementari all'università del running

Messaggio da Leg »

Seguo il topic con interesse. Personalmente sono molto interessato a migliorare il mio motore aerobico e in parte ci sto riuscendo grazie ai principi di cui si è discusso nell'altro topic. Domenica spero di avere un primo riscontro.
1500m: 5'04 27/05/16
5 km: 19'46 5000 m -Allenamento
10 km: 41'43 2^ Trofeo del Mare 23/03/14
21 km: 1:37:08 11^ Mezza Maratona della Concordia 09/03/14
giugar1
Mezzofondista
Messaggi: 92
Iscritto il: 14 giu 2012, 12:48

Re: Dalle elementari all'università del running

Messaggio da giugar1 »

Sono molto curioso ed entusiasta di provare questo metodo ed il motivo principale e' che su di me altri metodi hanno funzionato poco e male.
Poiche' in vita mia non ho mai costruito cio' che qualcuno chiama la "casa aerobica", la causa potrebbe risiedere in questo. Allenarmi con RG + 40, 50 per il lento, e cosi' via per le altre velocita', mi ha portato ad affaticamento continuo e, in ultimo, all'infortunio.
Me ne accorgo solo adesso che, con l'uso del cardio, posso vedere le frequenze di allenamento.
Finora, a parte rari momenti di esaltazione, non ho mai conosciuto il "divertimento" durante la corsa.
Speriamo bene adesso!
P1stolazzi
Aspirante Maratoneta
Messaggi: 158
Iscritto il: 20 nov 2013, 6:31
Località: Milano

Re: Dalle elementari all'università del running

Messaggio da P1stolazzi »

sono decisamente interessato! mi voglio togliere di dosso sto .... non so che ... che fà si che dopo qualche annetto che corro, non ho ancora gareggiato.
l'anno prossimo sarà un anno particolare, ne faccio 50. e per festeggiarlo come si deve, val la pena fare qualche sacrificio ora, fintanto che son giovine.
Avatar utente
mb70
Top Runner
Messaggi: 9469
Iscritto il: 17 feb 2013, 20:59
Località: lucca

Re: R: Dalle elementari all'università del running

Messaggio da mb70 »

@runningjo complimenti per il sito. Ho letto il tuo post e ne condivido le premesse. Lo dicono in realta' tutti gli autori famosi che.la costruzione della casa aerobica e' importante. Nel metodo che proponi si tratta di far abbassare la pendenza della curva di Conconi verso dx mediante verifiche continue durante il periodo di costruzione. Buona idea quella di verificare il momento in cui si inizia a manifestare la deriva cardiaca. Per chi e' in sovrappeso e' rischioso stare sulle gambe tutto il tempo necessario a questi ritmi si rischia l'infortunio. Purtroppo e' vero anche per chi si tuffa nelle famose tabelle sexy...ne so qualcosa.
9/2014 10K 50'51"
10/2014 Mezza di Arezzo 1h53'53''
10/2015 Munchen Marathon 4h46''
08/2018 ricostruzione lca
10/2019 5k 24'28"
Meglio correre il rischio di non farcela che rimpiangere di non aver avuto il coraggio
marcominuti

Re: Dalle elementari all'università del running

Messaggio da marcominuti »

Molto interessante!

Torna a “Allenamento e tecnica”